Ezio Greggio, il crollo emotivo dopo il funerale di Gianfranco D’Angelo

Ezio Greggio, il crollo emotivo dopo il funerale di Gianfranco D’Angelo

Daniela Vitello

Ezio Greggio, il crollo emotivo dopo il funerale di Gianfranco D’Angelo

| 17/08/2021
Ezio Greggio, il crollo emotivo dopo il funerale di Gianfranco D’Angelo

Stamani le esequie del compianto artista

  • Il post di Ezio Greggio dopo l’ultimo saluto all’amico e collega
  • “Ho un nodo in gola da qualche giorno, non ce l’ho fatta oggi a salire sul pulpito”
  • Tra i presenti al funerale, Nadia Rinaldi, Benedicta Boccoli e Pingitore

Si sono svolti stamani nella Chiesa degli Artisti, ovvero la Basilica di Santa Maria in Montesanto in Piazza del Popolo a Roma, i funerali di Gianfranco D’Angelo. L’attore, comico, doppiatore e cabarettista si è spento il giorno di Ferragosto al Policlinico Gemelli di Roma dopo una breve malattia. Il prossimo 19 agosto avrebbe compiuto 85 anni. Tra i presenti alle esequie, Nadia Rinaldi, Benedicta Boccoli, Pier Francesco Pingitore ed Ezio Greggio. Quest’ultimo non ce l’ha fatta a prendere la parola in chiesa. A raccontarlo è stato lui stesso su Instagram a margine del funerale.

Ezio Greggio (Foto Instagram)

“Oggi hai fatto il pienone. Io non ce l’ho fatta a salire sul pulpito”

“Caro Frankie, oggi sono venuto a salutarti per l’ultima volta – ha scritto Ezio Greggio in un lungo post – C’era un sacco di gente nonostante sia agosto alla Chiesa degli Artisti. Come sempre hai fatto il pienone. Io non ce l’ho fatta a salire sul pulpito e a raccontare un po’ della nostra vita insieme. Ho un nodo in gola da qualche giorno, mi fa parlare poco. Ma una storia la racconto qui. Finimmo una serata insieme e rientrammo in un piccolo hotel in Liguria. Parlavamo a voce alta. Il portiere, una peppia molto formale ci stoppò “Scusate signori Greggio e D’Angelo ma dovreste fare silenzio perché si sente la voce fino all’ultimo piano son le 4 del mattino”. In effetti la hall si affacciava su una specie di anfiteatro e la voce echeggiava fin su in alto. Non ce l’avesse mai detto, un’occhiata, un bisbiglio e concertammo il da fare. Gianfranco chiese la chiave ma nel chiederla finse un attacco irrefrenabile di tosse ‘Mi dà la chiave numero …’ e giù a tossire sempre più forte. Il portiere era disperato ‘Piano tossisca piano!’. Piano? Gianfranco si buttò per terra continuando a latrare finta tosse verso le stanze in alto”.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News
SEGUICI

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Gianfranco D’Angelo, Lory Del Santo e Ezio Greggio

“Ciao Frankie, mi mancherai”

“I clienti dell’hotel si svegliarono e uscirono dalle camere affacciandosi dalle balconate – continua Greggio – Videro Gianfranco coricato atterra che tossiva come un indemoniato ed io che fingevo un massaggio cardiaco. Urlai al portiere ‘Invece di chiederci di non far rumore vada a prendere un bicchier d’acqua! Non vede che il mio collega sta morendo!’. Il portiere tornò in un batti baleno e Gianfranco dopo un sorso d’acqua smise di tossire, abbracciò il portiere dicendogli ‘grazie grazie lei mi ha salvato la vita’. Io rivolto ai clienti tutti affacciati alle balconate mi scusai. Rientrarono nelle loro camere. Il portiere era tutto sudato e terrorizzato. A quel punto gli dissi ‘Grazie lei è un eroe. Per favore mi dà la chiave numero…’ cominciai a tossicchiare io…poi più forte… e il portiere ‘Sor Greggio per favore nooo’. Mi buttai atterra io a tossire come un leone, i clienti si riaffacciarono e vedendo stavolta me in preda alle convulsioni cominciarono a ridere ed applaudire. Come a teatro prendemmo in mezzo il portiere e mano nella mano ci inchinammo a salutare il pubblico. Ciao Frankie mi mancherai”.

Copyright © 2021

livesicilia.it

P.I. 05808650823