Vendicari, Selvaggia Lucarelli scopre di aver fatto il bagno dove c'era il divieto di balneazione

Vendicari, Selvaggia Lucarelli scopre di aver fatto il bagno dove c’era il divieto di balneazione

Daniela Vitello

Vendicari, Selvaggia Lucarelli scopre di aver fatto il bagno dove c’era il divieto di balneazione

| 22/08/2021
Vendicari, Selvaggia Lucarelli scopre di aver fatto il bagno dove c’era il divieto di balneazione

Dopo la polemica sulla “munnizza”, Noto torna nel “mirino” di Selvaggia Lucarelli. La popolare giornalista di “Tpi” e de “Il Fatto Quotidiano” ha scoperto nelle scorse ore, grazie alle segnalazioni di alcune persone, di aver fatto a sua insaputa il bagno in un’area in cui vigeva il divieto di balneazione.

Selvaggia Lucarelli a Trapani (Foto Instagram)

Il bagno a Ferragosto

 “Mi dispiace tornare su Noto e i suoi problemi ma oggi ho scoperto, grazie alle segnalazioni di alcuni turisti e locali, un’altra cosa che mi ha fatta molto arrabbiare – ha raccontato sui social – Il giorno di ferragosto io sono stata nel tratto di mare che ho postato. Facendo un giro in barca giorni prima avevo notato che quel tratto di mare tra le rinomate spiagge di San Lorenzo e Vendicari era affollato ma meno degli altri. Arrivo lì, solita immondizia sulla strada tra le case che porta alla spiaggia, ma vabbè. Ci sono anche un villaggio residenziale, due ristoranti sul mare. Paghiamo il parcheggio. C’è un tizio che affitta ombrelloni. Pranziamo sulla terrazza sul mare di un ristorantino che ha anche alcuni lettini sugli scogli. È pieno. Pieno di persone che fanno il bagno sulla spiaggia a sinistra, davanti agli scogli, sulla spiaggetta a destra, con montagne di alghe ma bella”.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News
SEGUICI

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Selvaggia Lucarelli e Lorenzo Biagiarelli a Mazara del Vallo (Foto Instagram)

L’ordinanza che vieta la balneazione emessa il 2 agosto

LEGGI ANCHE: Rimosse cataste di rifiuti a Palermo, Selvaggia Lucarelli: “Hanno saputo che arrivo il 25?”

Selvaggia Lucarelli (Foto Instagram)

“Sindaco, attendo risposte. E soprattutto i cartelli”

“Ecco. SECONDO VOI CI SONO CARTELLI? Hanno chiuso quel tratto con due transenne? C’è qualcuno che avvisa i bagnanti (specie i turisti inconsapevoli?). No – ha concluso – Stabilimenti funzionanti, famiglie con bambini che fanno il bagno, parcheggio a pagamento e tutto come se niente fosse. Ora, un turista che deve fare, sindaco? Protestare o mettere la testa sotto la sabbia, considerato che quella sabbia è pure infestata da batteri? E se qualcuno si ammala, si becca un’infezione che fa? Quelli che leggeranno questo mio post oggi mentre sono lì o dopo che ci sono stati come me che penseranno? Attendo risposte. E soprattutto i cartelli. #cittadella #vendicari #noto”.

LEGGI ANCHE: Selvaggia Lucarelli in lode di Trapani: “Una delle più affascinanti città d’Italia”

Selvaggia Lucarelli e Lorenzo Biagiarelli sull’Etna (Foto Instagram)

“Divieto di balneazione a Mondello tolto in 48 ore? Meglio del sangue di San Gennaro”

Neanche nel Palermitano, le cose sembrano andare meglio. “A Mondello in 48 ore hanno messo e tolto il divieto di balneazione. In 48 ore, anche meno forse”, segnala una follower. “Ovvio, le acque dei miracoli. Meglio del sangue di San Gennaro”, commenta Selvaggia Lucarelli. E tra le Instagram Stories aggiunge: “A questo punto l’acqua di Mondello va imbottigliata e venduta come l’acqua di Lourdes: sporca e pulita nel giro di 48 ore. Miracolo!”.

Selvaggia Lucarelli e Lorenzo Biagiarelli a Trapani (Foto Instagram)

Tantissimi gli apprezzamenti ricevuti dalla giornalista: “Io da siciliana ti ringrazio per quello che stai facendo”, “Come al solito, le amministrazioni scaricheranno la colpa sui cittadini che non erano informati”, “E c’è chi ti perc*la perché continui a denunciare questo schifo aggrappandosi a qualsiasi argomento pur di non ammettere che la Sicilia, la bellissima Sicilia, è una perla in mano ai porci”, “Io vivo a Catania ma la situazione è la stessa in tutta l’isola e solo portando sotto le luci della ribalta nazionale, per quanto a noi siciliani faccia male, si può sperare che la situazione cambi! La situazione DEVE cambiare perché la Sicilia è l’isola più bella del mondo, non ci manca nulla per vivere di turismo, invece i turisti vengono, apprezzano quanto c’è di bello ma tornano a casa con il ricordo dell’immondizia, non del mare bellissimo, delle cattedrali barocche, non dell’ottimo cibo, non dell’Etna patrimonio dell’umanità. Io non voglio essere ricordata come immondizia! Noi tutti siamo la Sicilia e la Sicilia è piena di brava gente STUFA di tutto ciò. Grazie”.

Copyright © 2021

livesicilia.it

P.I. 05808650823