Piera Maggio: "Io so chi ha rapito Denise, ecco chi sono i colpevoli"

Piera Maggio: “Io so chi ha rapito Denise, ecco chi sono i colpevoli”

Daniela Vitello

Piera Maggio: “Io so chi ha rapito Denise, ecco chi sono i colpevoli”

| 13/10/2022
Piera Maggio: “Io so chi ha rapito Denise, ecco chi sono i colpevoli”

5' DI LETTURA

Da martedì 11 ottobre è disponibile in libreria “Denise. Per te, con tutte le mie forze” firmato da Piera Maggio. La mamma coraggio siciliana, che domenica scorsa era stata ospite di Silvia Toffanin a “Verissimo”, spiega in un’intervista a “Vanity Fair” il motivo per cui ha deciso di scrivere un libro sulla scomparsa della figlia Denise svanita nel nulla l’1 settembre 2004 a Mazara del Vallo. All’epoca della sparizione, la bimba aveva 3 anni e 11 mesi.

Denise Pipitone (Foto da video)

“Ho sempre cercato di non mettere in piazza le mie vicende familiari”

“Era da tanto che l’avevo in mente: per me è come riaccendere l’attenzione su Denise, fare in modo che le ricerche non si fermino – spiega a “Vanity Fair” – È un altro modo per far sì che non cali il silenzio. Vorrei che questo libro si diffondesse per il mondo intero, vorrei che potesse finire in mano a una ragazza che, incuriosita, potesse ricordare qualcosa. A questo si aggiunga il fatto che nell’ultimo anno e mezzo hanno preso a girare voci sulla mia vita privata: io ho sempre cercato di difenderla, di non mettere in piazza le mie vicende familiari”.

Piera Maggio con la figlia Denise (Foto da video)

“Basta gossip, basta malignità! Vi racconto tutto io”

“La cosa importante, per me, era che si cercasse mia figlia – prosegue – E invece una cerchia di gente ha cominciato, in modo molto mirato, a malignare sulle mie relazioni, su mio marito, su chi ero e non ero, un sacco di chiacchiere frammentate, mai veritiere. E allora ho preferito raccontare io la verità: basta gossip, basta malignità. Volete sapere tutto, bene, vi racconto tutto, anche se questo mi provoca dolore, ma spero che questo libro ammmutolisca le persone e che ci si riconcentri sulla ricerca di Denise. Il resto non conta”.

Come sarebbe oggi Denise Pipitone

“Per me, fino a prova contraria, mia figlia è viva”

A distanza di 18 anni, Piera Maggio fa fatica ad immaginare che aspetto possa avere oggi Denise. “Per me, nel mio cuore, è ancora quella bambina di quattro anni, ho sempre faticato a immaginarla diversa – confida – Mi sono aiutata con l’age progression, quel processo di modifica delle fotografie per capire come sarebbe potuta essere oggi. Ne esce l’immagine di una donna bellissima. Voglio pensarla così e spero sia da qualche parte nel mondo a passeggiare felice. Per me Denise c’è, non ho mai smesso di cercarla, mai ho smesso di sperare di trovarla viva. Certo, le paure ci sono sempre state e continuano a esserci, non mi perdo nei sogni, sono stata sempre con i piedi per terra. Ma per me, fino a prova contraria, mia figlia è viva”.

Pietro Pulizzi (Foto da video)

“Nel 2018 ho sposato Pietro Pulizzi, lui mi ha dato forza”

Denise non è figlia di Toni Pipitone, il primo marito di Piera Maggio che ha dato il cognome alla bambina. Lo stesso giorno della scomparsa della piccola, Piera Maggio ha rivelato agli inquirenti che il padre biologico della piccola è Pietro Pulizzi, all’epoca sposato con Anna Corona. “Oggi è diventato mio marito, ci siamo sposati nel 2018 – racconta – Per me lui è più che importante. Magari non lo si è visto tanto in Tv, ma lui mi è sempre stato accanto. Con lui mi sono sempre sfogata, su di lui ho riversato le mie rabbie, le mie paure, e Piero è riuscito ad affrontare ogni momento. È un uomo che ha saputo prendere decisioni importanti su questa vicenda e senza di lui non so come avrei potuto andare avanti: mi ha sempre spronata ad alzarmi al mattino, a combattere. Io tendo a chiudermi in me stessa, lui è stato capace di reggermi e di darmi forza”.

Anna Corona (Foto da video)

“Viviamo ancora a Mazara del Vallo, nessun rapporto con la famiglia di lui”

Oggi né Piera Maggio né Pietro Pulizzi hanno alcun rapporto con la famiglia di lui. “Noi abitiamo ancora a Mazara del Vallo e fino a qualche tempo fa capitava di intravvederle (l’ex moglie e le figlie, ndr.), ma evitiamo ogni contatto, ogni sguardo. Non voglio sapere nulla di loro”, dice la madre di Denise. Piera Maggio ha un altro figlio, Kevin. Nel libro rivela che è nato grazie all’inseminazione con un donatore. Quindi Toni Pipitone non è il suo padre biologico al contrario di quello che il ragazzo ha pensato per anni.
CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Kevin Pipitone con la madre Piera Maggio (Foto da video)

“Ho dovuto spiegare a mio figlio che Toni Pipitone non era il suo padre biologico”

“Kevin sta diventando papà, oggi è un uomo meraviglioso – confessa – Per lui, che quando è sparita Denise, aveva solo 11 anni, sono stati anni tragici. Non solo per il fatto in sé, ma anche perché nella nostra famiglia non c’era alcuna serenità. Io ero concentrata a cercare mia figlia, e suo padre, Toni, quando ci siamo separati era poco presente. Kevin ha passato un’adolescenza tortuosa e purtroppo c’erano cose che lo riguardavano, di cui ho scritto nel libro, che ho potuto raccontargli solo più tardi, quando i tempi erano maturi perché lui potesse capire. Agli inquirenti, quando successe di Denise, raccontai la verità e nel processo, durante un’udienza a porte chiuse, i giudici aprirono l’argomento. Avevo paura che iniziassero le chiacchiere e con delicatezza ho dovuto spiegare a Kevin tutta la difficile verità. Oggi abbiamo un ottimo rapporto: lui ha capito che io ho fatto di tutto per proteggerlo”.

Toni Pipitone (Foto da video)

“Tutto quello che io ho detto, lo potrei ridire a testa alta”

“Noi non lo vediamo più, né io né mio figlio – aggiunge Piera Maggio a proposito di Toni Pipitone – So che un anno fa, dopo 17 anni di silenzio e di assenza, ha rilasciato delle interviste senza condividere nulla con noi, ma non mi interessa cosa fa. Credo che ognuno di noi alla fine risponda di quelle che sono le sue azioni, le sue parole. Tutto quello che io ho detto, lo potrei ridire a testa alta, non so se vale la stessa cosa per lui”.

Piera Maggio (Foto da video)

Piera Maggio: “I colpevoli ci sono e io so chi sono”

Infine, Piera Maggio rivela di avere un’idea ben precisa su chi abbia rapito Denise 18 anni fa: “Ho un quadro molto chiaro, non ho dubbi di chi siano i colpevoli. Non sono mie illazioni, sono ipotesi che hanno portato un pubblico ministero a chiedere 15 anni di reclusione per una persona. Che poi questa persona sia stata assolta per insufficienza di prove, quella è un’altra questione. Ma i colpevoli ci sono”.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 13/10/2022 11:23
Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965