Antonio Ricci "punge" Pier Silvio Berlusconi: "Siamo su posizioni opposte"

Antonio Ricci “punge” Pier Silvio Berlusconi: “Siamo su posizioni opposte”

Daniela Vitello

Antonio Ricci “punge” Pier Silvio Berlusconi: “Siamo su posizioni opposte”

| 15/10/2021
Antonio Ricci “punge” Pier Silvio Berlusconi: “Siamo su posizioni opposte”

La frecciatina del papà di “Striscia” al suo editore

  • Accade nel giorno in cui esplode la bufera sul tg satirico per via del tapiro ad Ambra
  • Ricci accusa Berlusconi Jr. di incoerenza: “Differenza sostanziale tra ciò che teorizza e ciò che manda in onda”
  • E sui Ferragnez dice: “Ecco come li immagino tra dieci anni”

Nel giorno in cui esplode la bufera su “Striscia La Notizia” per il tapiro ad Ambra Angiolini (LEGGI QUI), Antonio Ricci lancia una frecciatina a mezzo stampa al suo editore Pier Silvio Berlusconi. In un’intervista al “Tpi”, il patron del tg satirico più longevo della tv accusa senza troppi giri di parole di incoerenza il suo datore di lavoro.

Pier Silvio Berlusconi (Foto da video)

“Gli dico sempre di non fare il padre di suo padre”

“Siamo su posizioni completamente opposte con Pier Silvio Berlusconi c’è una differenza sostanziale tra ciò che teorizza e quello che manda in onda – sentenzia – Quando ci parli assieme dice che vuole una televisione non caciarona, diciamo un po’ modello Toffanin. Poi guardi lo schermo e trovi dell’altro”. “Ma non è questo il peggio – prosegue – Il peggio è che invece di spassarsela, di combinare casini da milionario qual è in quanto figlio di Silvio, resta qui, nella ridente Cologno Monzese, a lavorare una quantità assurda di ore. Glielo dico sempre: divertiti, Piersilvio, goditela, strafogati. Non spendere le tue energie a fare il padre di tuo padre”.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News
SEGUICI

Antonio Ricci (Foto da video)

Ricci sui Ferragnez: “Ecco come li immagino tra dieci anni”

Nell’intervista, Antonio Ricci parla anche dei Ferragnez. “Sono un vero potere forte. Resta da verificare quanto sapranno mantenere il consenso – dichiara – Tra dieci anni immagino Chiara Ferragni senza Fedez. Lei una signorina borghese bien élevée, lui tamarrissimo: un maschio alfetta. Lei lo farà fuori versandogli una pozione nella Coca Cola e farà in modo che la colpa ricada su J-Ax”.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Fedez e Chiara Ferragni (Foto Instagram)

“Striscia” tace su Ambra dopo le polemiche per il tapiro

Ieri sera chi si aspettava che “Striscia” rispondesse alle polemiche nate a seguito della consegna del tapiro d’oro ad Ambra Angiolini è rimasto deluso. Nessun commento, almeno per ora. Chi ha rotto il silenzio è stata invece l’attrice che ha affidato ad una citazione il suo stato d’animo dopo la rottura con Massimiliano Allegri, l’allenatore della Juventus al quale è stata legata per quattro anni e che è sparito nel nulla. “Esiste per tutti il giorno Zero, è un momento in cui non si vince, non si perde, ma si riparte – ha detto ieri in chiusura del programma che conduce su Radio Capital – Ci si allontana dalle persone che diventano ricordi, da quelle che non restano, da quelle che in fondo non ci sono mai state. Si chiama giorno zero perché quello che segue lo zero è sempre un inizio e negli inizi non si conosce la sconfitta”.

Ambra Angiolini e Valerio Staffelli (Foto da video)

L’affondo di Annamaria Bernardini de Pace: “Bieco sfruttamento del dolore”

All’“esercito” di quanti sono scesi in campo per difendere Ambra (LEGGI QUI) si è aggiunta nelle scorse ore anche Annamaria Bernardini de Pace che ha elogiato la presa di posizione di Jolanda Renga, figlia di Ambra. “Jolanda Renga – ha scritto l’avvocato matrimonialista su Instagram – è una meravigliosa figlia che ha protetto la sua mamma Ambra e l’ha difesa dallo schifoso gesto, bullista e sessista di Striscia La Notizia ma soprattutto di Valerio Staffelli e di chiunque abbia partecipato col proprio ‘lavoro’ a deriderla e a mortificarla. Tutti i responsabili sono colpevoli di arrogante e implacabile #violenza psicologica. La stessa che porta al suicidio molte donne mortificate e denigrate dai compagni, la stessa che porta al #femminicidio. Questa volta non è satira quella di Striscia La Notizia. È bieco sfruttamento del dolore. Un dolore profondo quello del tradimento: difficilissimo da attenuare anche negli anni. Eppure c’è chi ha avuto il coraggio di sbeffeggiarlo pubblicamente. Ma nessuno si vergogna davanti alle parole sagge stupende e ricche d’amore della preziosissima figlia Jolanda?”.

Copyright © 2022

livesicilia.it

P.I. 05808650823