Ficarra e Picone, l’indiscrezione: “L’addio a Striscia? Ecco cosa non sopportavano più”

Daniela Vitello

Ficarra e Picone, l’indiscrezione: “L’addio a Striscia? Ecco cosa non sopportavano più”

| 04/12/2020

A 24 ore dall’ultima puntata che vedrà Ficarra e Picone dietro il bancone di “Striscia La Notizia”, è mistero fitto sulle ragioni del loro addio al tg satirico che li vedeva al timone da ben 15 anni e 17 edizioni. In un’intervista al “Corriere della Sera”, i due comici palermitani hanno motivato la loro scelta con una voglia incontrollata di rimescolare le carte, lasciarsi travolgere dal cambiamento e guardare a quel cassetto che nel frattempo hanno riempito di idee e sogni. Alla domanda “progetti per il futuro”, tuttavia, hanno risposto “nessuno”. “Per il momento guardiamo il cassetto”, hanno detto all’unisono. E proprio in questo solco il loro addio diventa non poco sospetto. Perché lasciare il secondo programma più visto della tv in un momento storico così difficile per gli artisti?

Nessun attrito con Ricci: “Ci ha fatto sentire a casa nostra”

Nessuna frizione con Antonio Ricci, questo è sicuro. Per il papà di “Striscia”, i due siciliani hanno solo belle parole: “Ci ha fatto sentire fin dal primo giorno che Striscia non era casa sua, ma anche casa nostra. Ci ha fatto sentire sempre importanti. Anche umanamente. È sempre stato presente ai nostri debutti teatrali, è venuto a Siracusa per la prima delle Rane di Aristofane, c’era sempre alle prime dei nostri film. Ci ha fatto sentire della famiglia. Mai uno scontro con lui. Tra di noi c’è sempre stato un confronto aperto, libero, sincero, tranquillo, sereno. Ci ha regalato una grandissima opportunità”. “Fino all’ultimo si è rifiutato di pensare: ‘Fate pure l’annuncio in diretta, ma io non vedrò la puntata. Così per me non esiste’”, hanno svelato.

L’indiscrezione: “Non sopportavano più la linea editoriale di Mediaset”

Ecco dunque che la loro scelta diventa un vero rompicapo. Nella vicenda interviene a gamba tesa “Libero Quotidiano”: “Anche se Piersilvio Berlusconi ha dichiarato che «Mediaset sarà sempre la loro casa», i ben informati parlano di una mal sopportazione della linea editoriale presa dal Biscione, tra talk show trash, urlati e reality come il Grande Fratello. Ficarra e Picone non hanno mai nascosto, dicendolo alla fine di ogni puntata e commentando i vari servizi, di non amare un certo genere di tv; nolente o dolente, quella è e sarà Mediaset, almeno fino a che lo share premierà i canali di Cologno”. Sarà vero?

Ezio Greggio: “Detesto i reality e lo schiacciamento al basso del Biscione”

A non tollerare la linea editoriale di Mediaset è Ezio Greggio. Il conduttore di “Striscia” non ne ha mai fatto mistero e proprio di recente ha criticato aspramente l’azienda per cui lavora per lo spazio concesso ai reality show.

“Amo la tv rispettosa, fatta con autori, conduttori e professionalità – ha dichiarato in un’intervista al quotidiano “Il Secolo XIX” – Detesto i reality e lo schiacciamento al basso che sta facendo Mediaset non mi piace assolutamente. Quest’estate la replica della mia ‘La sai l’ultima?’ ha ottenuto il 10% di share offrendo due ore di divertimento sano e nobile e non con una manica di disgraziati buttati su un’isola o dentro a una casa. Credo sia una roba vergognosa e continuerò a dirlo: per forza poi il pubblico ti lascia e si cerca i film su Netflix”.

Al di là del suo pensiero, Greggio non ha però alcuna intenzione di mollare “Striscia”. “Non ho mai avuto la tentazione di lasciare. Io e Antonio Ricci siamo i ministri di questa che ormai è un’istituzione. Mi diverto molto, da 33 anni: l’affetto è sempre stato immenso e il pubblico non va mai tradito, va amato e rispettato”, ha fatto sapere.

CLICCA QUI E SEGUICI SU INSTAGRAM

LEGGI ANCHE: Ficarra e Picone, è polemica per la battuta sul “Grande Fratello Vip”

Copyright © 2021

livesicilia.it

P.I. 05808650823