Alessandro Borghese, striscioni contro lo chef: "Non sei il benvenuto, il lavoro si paga"

Alessandro Borghese, striscioni contro lo chef: “Non sei il benvenuto, il lavoro si paga”

Daniela Vitello

Alessandro Borghese, striscioni contro lo chef: “Non sei il benvenuto, il lavoro si paga”

| 10/06/2022
Alessandro Borghese, striscioni contro lo chef: “Non sei il benvenuto, il lavoro si paga”

3' DI LETTURA

Continuano a far discutere le dichiarazioni rilasciate da Alessandro Borghese al “Corriere della Sera” in merito alla carenza di personale. Un problema che riguarda principalmente il settore della ristorazione, anche se l’allarme si sta estendendo ad altri ambiti. Con l’avvento della pandemia, la mentalità dei lavoratori è cambiata. Nessuno è più disposto a dire “sì” a quelli che vengano considerati salari al limite dello sfruttamento e ad orari massacranti che tolgono tempo a famiglia e amici. Secondo il parere di Alessandro Borghese, un giovane dovrebbe mettere in conto di non ricevere alcun compenso per fare gavetta.

Alessandro Borghese (Foto Instagram)

Borghese: “Lavorare per imparare non significa essere per forza pagati”

“I ragazzi – ha dichiarato lo chef al “Corsera” – preferiscono tenersi stretto il fine settimana per divertirsi con gli amici. E quando decidono di provarci, lo fanno con l’arroganza di chi si sente arrivato. E la pretesa di ricevere compensi importanti. Da subito. Sarò impopolare, ma non ho alcun problema nel dire che lavorare per imparare non significa essere per forza pagati. Io prestavo servizio sulle navi da crociera con ‘soli’ vitto e alloggio riconosciuti. Stop. Mi andava bene così: l’opportunità valeva lo stipendio. Oggi ci sono ragazzetti senza arte né parte che di investire su se stessi non hanno la benché minima intenzione. Manca la devozione al lavoro, manca l’attaccamento alla maglia. Alle volte ho come l’impressione che le nuove generazioni cerchino un impiego sperando di non trovarlo perché, quando poi li chiami per dare loro una possibilità, non si fanno trovare. Mi danno, è frustrante”.

Alessandro Borghese (Foto Instagram)

Striscioni contro lo chef a Livorno

Nelle scorse ore, Alessandro Borghese è sbarcato a Livorno per le riprese della nuova stagione del programma televisivo “Quattro ristoranti” ed è stato accolto con cartelloni di protesta. “Chef Borghese a Livorno non sei il benvenuto”, “Cercasi schiavo. Mai più sfruttamento. Chef Borghese il lavoro si paga sempre!”, recitavano alcuni striscioni contro il figlio di Barbara Bouchet affissi nel quartiere Venezia di Livorno dal sindacato di base Usb. “Lo stesso chef Borghese che qualche mese fa esordì con alcune frasi in difesa di quei ristoratori che decidono di non pagare i propri dipendenti in quanto ‘devono imparare’ un mestiere. Vorremmo ricordare a Borghese che il lavoro gratuito (e nel nostro paese esiste in diversi settori) si chiama sfruttamento. Il lavoro si paga, sempre”, hanno sottolineato i sindacati di base.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Pierluigi Lucino (Foto Facebook)

Il post provocatorio di un imprenditore leccese

Nel frattempo, su Facebook, non è passato inosservato l’appello provocatorio lanciato da Pierluigi Lucino, imprenditore leccese di 40 anni che lamenta la difficoltà nel trovare personale per le sue due attività, una piccola pizzeria e il nuovo ristorante Riviera Bar Bistrot, a Porto Cesareo, in Puglia. “Cerco aiuto pizzaiolo, camerieri caffetteria e banconista bar per stagione estiva – ha scritto sui social – Lo stipendio lo decidete voi, il giorno libero lo decidete voi e gli orari anche. Per info contattatemi”. “In tv e sui social si parla di imprenditori che sfruttano, in realtà io e i miei colleghi in zona non riusciamo a trovare persone disposte a lavorare nonostante stipendi più che dignitosi – ha poi dichiarato al “Corriere della Sera” – Offro dai 1200 euro in su netti al mese e non trovo persone disponibili. Non posso far lavorare troppo l’unica persona che ho, non sarebbe giusto. Invece di 150 pizze abbiamo messo il tetto a 100”. Per il ruolo di aiuto pizzaiolo, Lucino offre una paga di 1.500-1600 euro netti al mese.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 10/06/2022 12:41
Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965