Resta incinta prima del matrimonio, il padre musulmano la ripudia

Resta incinta prima del matrimonio, il padre musulmano la ripudia

Daniela Vitello

Resta incinta prima del matrimonio, il padre musulmano la ripudia

| 16/01/2022
Resta incinta prima del matrimonio, il padre musulmano la ripudia

Maria De Filippi legge il Corano e smonta le affermazioni dell’uomo

  • Vivienne non vede e non sente il padre da dodici anni
  • Amed non conosce né vuole conoscere le sue tre nipotine
  • Alla fine, chiude la busta: “La chiamerò quando la ferita si rimarginerà”

La seconda puntata di “C’è posta per te” si apre con la storia di Vivienne, una 33enne che non vede e non sente il padre Emad da dodici anni. “Sembra una storia d’altri tempi – esordisce Maria De Filippi – sono 12 anni che il padre si rifiuta di vederla perché lei è rimasta incinta prima di sposarsi”. Vivienne ha avuto altri due figli sempre dallo stesso compagno. “Lui mi chiede di sposarlo da 12 anni e io aspetto a dirgli di sì perché il mio sogno è che mio padre mi possa accompagnare all’altare”, spiega la ragazza che in questi anni ha tentato più di venti volte di riavvicinarsi al genitore.

Il padre è musulmano e vive a Palermo

La madre di Vivienne è siciliana, il papà è egiziano e vive a Palermo. I due si conoscono quando la madre faceva l’università e il papà lavorava. Quando lei ha 12 anni, Emad si separa dalla madre. Se ne va da quella casa senza dire dove sarebbe andato ad abitare e con chi. Vivienne non ha il suo indirizzo ma il padre va a trovarla una volta al mese. Questo per nove anni. Quando ha 21 anni nella vita di Vivienne entra il suo attuale compagno, lei resta incinta e ha paura di dire al padre, gelosissimo, della sua gravidanza. Dopo averlo saputo, Emad sparisce. Tre mesi dopo la nascita della sua bambina, Vivienne scopre l’indirizzo del padre e va a bussare alla sua porta ma viene cacciata. Da allora ha fatto svariati tentativi ma si sono rivelati tutti inutili.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

“Maria, si può sapere cosa ha raccontato la signorina?”

Emad accetta l’invito e si presenta in studio. “Papà, so di averti deluso, so che avevi altre aspettative per me – dice Vivienne con gli occhi pieni di lacrime – Sognavi che mi laureassi e che poi mi sposassi. Io oggi sono mamma di tre bellissime bambine che sono le tue nipoti. Loro mi chiedono spesso di te, se mai un giorno ti conosceranno. A me gela il cuore quando a questa domanda non so dare una risposta”. “Maria, si può sapere cosa ha raccontato la signorina?”, chiede l’egiziano. “La signorina che ha il tuo cognome ha detto che tu sei stato un bravissimo padre”, risponde la conduttrice.

“Anche se vivo all’Occidentale, certe cose non si perdonano”

“Lei lo sa benissimo. Sin da piccola le ho insegnato che si dice sempre la verità. Io avrei perdonato qualsiasi cosa, ma lei doveva dirmi la verità, doveva sempre dirmi la verità”, spiega Emad facendo riferimento alla sua cultura e alle sue tradizioni. “Non l’avrei comunque perdonata, perché io anche se vivo all’Occidentale ci sono certi usi e costumi che vanno rispettati e certe cose non si perdonano. Io penso che una ragazza debba rispettare prima se stessa e poi gli altri”, sentenzia.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Maria De Filippi ha letto il Corano: “Ecco c’è scritto”

A quel punto, Maria De Filippi lascia Emad e i telespettatori senza parole: “Sapendo che ti avrei incontrato, ieri sera sono andata a leggermi il Corano e ho letto cosa succede se una rimane incinta prima del matrimonio. Nel Corano c’è scritto, correggimi se sbaglio perché posso non aver capito, che se una rimane incinta prima del matrimonio sbaglia. Però la punizione prevista è o un anno di esilio o 100 frustate. Lei non ha fatto un anno di esilio, ne ha fatti dodici”. “Non siamo tutti uguali, ognuno è libero di pensare quello che vuole”, ribatte l’egiziano. “Ah quindi tu hai una tua interpretazione del Corano!”, commenta la conduttrice. “Io penso che una ragazza prima di tutto deve rispettare se stessa e poi gli altri. Gliel’ho detto sin da piccola: ‘Se sbagli, non c’è perdono’. Lei lo sa benissimo e anche la mia ex”, ribadisce Emad.

La conduttrice rievoca la sua adolescenza

“Dimmi una cosa, questa rettitudine per cui se uno sbaglia sbaglia presuppone da chi ha questa rettitudine un comportamento perfetto – aggiunge la moglie di Maurizio Costanzo – Io per esempio non potrei mai applicarlo. Mia madre mi ha sempre insegnato a dire la verità. Quando ero adolescente, ci sono state volte che ho detto delle bugie per farla franca. Mia madre ovviamente si arrabbiava e mi puniva. Però la punizione non andava mai oltre perché forse era consapevole del fatto che anche lei le aveva dette. Sarà capitato anche a te di sbagliare”. “Sì e continuo a farlo. Però tra uno sbaglio e l’altro c’è differenza. I miei sono stati leggeri”, sottolinea il padre di Vivienne.

“Se mia figlia fosse stata seria, non avrebbe agito in quel modo”

“Avrà sbagliato i tempi ma la sua storia d’amore sta durando – fa notare la conduttrice – Quella bambina nata fuori dal matrimonio è stata concepita con lo stesso amore di un uomo e una donna che sono sposati. Leggendo il Corano, ho scoperto che se un uomo e una donna concepiscono un figlio nella convinzione che staranno sempre insieme, non c’è né l’anno di esilio né le frustate. Vivienne è una ragazza seria, non è una ragazza superficiale”. “Se era seria non faceva quello che ha fatto”, sentenzia Emad. La De Filippi insiste: “L’ha fatto perché si è innamorata, non voleva fare un torto”.

GUARDA IL VIDEO INTEGRALE

L’egiziano chiude la busta

La conduttrice “sfida” l’egiziano: “Se dieci uomini qui in studio, dicono che si comporterebbero diversamente da te al posto tuo, apri la busta“. Nessuno dà ragione ad Emad e Maria De Filippi esulta: “Ho vinto la scommessa e per la legge del Corano apro la busta”. L’uomo è irremovibile e decide di chiudere la busta: “Lasciamo che decida il tempo. Quando la ferita che è ancora profonda si rimarginerà sarò io a chiamarla”. Alla conduttrice non resta che consolare Vivienne: “Mi dispiace, ci abbiamo provato. Penso che tu ti debba comunque sposare e fare la tua vita”.

L’Auditel ha premiato “C’è posta per te” per il secondo sabato consecutivo. Ieri sera, davanti allo schermo, c’erano 5.546.000 spettatori per il 28.7% di share.

Copyright © 2022

livesicilia.it

P.I. 05808650823