Bassetti si "confessa" con Selvaggia Lucarelli: "Perchè sono andato dalla D'Urso con mia moglie"

Bassetti si “confessa” con Selvaggia Lucarelli: “Perchè sono andato dalla D’Urso con mia moglie”

Daniela Vitello

Bassetti si “confessa” con Selvaggia Lucarelli: “Perchè sono andato dalla D’Urso con mia moglie”

| 10/09/2021
Bassetti si “confessa” con Selvaggia Lucarelli: “Perchè sono andato dalla D’Urso con mia moglie”

L’infettivologo e la giornalista hanno deposto l’ascia di guerra?

  • Lei non gli ha mai fatto sconti in questo anno e mezzo di pandemia
  • Lui voleva querelarla ma poi ci ha ripensato
  • Nell’intervista, l’infettivologo ammette le défaillance ma non indietreggia sull’importanza dei vaccini

Selvaggia Lucarelli e Matteo Bassetti hanno deposto l’ascia di guerra? In questo anno e mezzo di pandemia, la giornalista di “Tpi” e del “Fatto Quotidiano” non ha fatto sconti al direttore della Clinica di Malattie Infettive del Policlinico San Martino di Genova. Lui, per un anno e mezzo, si è diviso tra corsia e tv ammettendo di essere un piacione e che, sì, la telecamera è come una droga. Lei non ha esitato a punzecchiarlo mettendo nero su bianco tutte le sue défaillance: dalle previsioni sbagliate sulla seconda ondata al filmino del matrimonio mostrato nel salotto di “Domenica Live” dove si è presentato mano nella mano con la moglie con i telespettatori che, ancora oggi, si chiedono “perché?”.

Su una cosa, però, rileva la Lucarelli che lo ha intervistato per il “Fatto Quotidiano”, Bassetti non ha mai fatto dietrofront, ovvero l’importanza di vaccinarsi contro il Covid. Un punto fermo che gli è valso gli attacchi e le minacce di morte dei no vax per colpa dei quali vive sotto scorta. L’infettivologo ha ammesso di avere paura ma la sua convinzione non è cambiata: “Chi perde la grande opportunità di vaccinarsi è un co*lione”.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News
SEGUICI

Matteo Bassetti (Foto Instagram)

Il prof su reazioni avverse e infallibilità dei vaccini

Dopo aver svelato di essere un “liberale” (“Ho votato Forza Italia ma pure Renzi quando era nel Pd”), Bassetti tira le somme sulle reazioni avverse seguite alla somministrazione del vaccino anticovid nel suo ospedale (“Sono state pochissime”) e ammette che i vaccini non sono infallibili. “Come tutti i farmaci”, del resto. “Se si ha paura degli effetti collaterali bisogna essere coerenti nella vita e non prenderne -sentenzia – Ad Udine un giorno mi venne uno con un’atrofia giallo acuta da iper dosaggio di tachipirina, è morto. MORTO. Quello che afferma ‘il vaccino è sperimentale’, poi magari si prende l’antibiotico scaduto dal cassetto del nonno o se gli si ammala la mamma di tumore al pancreas dice sì a qualsiasi cura sperimentale”.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Paolo Conticini, Alba Parietti e Matteo Bassetti (Foto Instagram)

L’ammissione: “A livello epidemiologico ho cannato”

La conversazione si sposta sulla cantonata presa azzardando previsioni sulla seconda ondata: “Ho sbagliato e sono l’unico che ha ammesso un errore. Vedevo la realtà del mio ospedale e la riportavo. La scorsa estate l’ospedale era più vuoto di oggi. Ho pensato che avessimo vinto. Da ottobre in poi però non ho più sbagliato un colpo. E resto convinto che il terrorismo faccia male (…) A livello epidemiologico ho cannato. Lo abbiamo fatto in tanti”.

Matteo Bassetti con la moglie Maria Chiara Milano Vieusseux (Foto da video)

“C’è una storia che mi ha profondamente segnato”

Una storia che l’ha provata emotivamente più di altre? “Mi viene da piangere ancora quando la racconto. Prima ondata. Vengono da me due operatori tv, Paolo e Luca per un programma Mediaset. Qualche giorno dopo mi chiama uno dei due e mi dice sto male. Lo ricovero. Il secondo pure. Finiscono nella stessa stanza. Entrambi intubati. Uno mi torna indietro, l’altro, Paolo Micai, no. L’ho dovuto dire io a Luca. Sono ancora segnato”.

Matteo Bassetti (Foto Instagram)

“Mia moglie ha preso il Covid e io che dormo nello stesso letto no”

Tra i “misteri” legati al Covid che sia lui che i suoi colleghi non riescono a spiegarsi c’è il “perché ci siano famiglie in cui si contagiano tutti e altre come la mia in cui solo mia moglie. Perché ci sono persone che arrivano nelle stesse condizioni e alcuni precipitano in poche ore, altri restano stabili. Ecco, questo non sapere ci ha fatto prendere tante cantonate”. “Pensi che strano, mia moglie se lo è preso a novembre dello scorso anno, io che dormo nel letto con lei no”, aggiunge.

Giovanni Toti e Matteo Bassetti (Foto Instagram)

“Ecco perché sono andato con mia moglie da Barbara D’Urso”

Riguardo alla sua onnipresenza in tv, invece, dice: “Io credo che durante la pandemia spiegare quello che succede sia un dovere. La differenza tra me e gli altri è che io dico che mi piace andare in tv, loro non lo ammettono ma ci vanno comunque. Perché sono andato dalla D’Urso? Perché parla a persone che magari non vedono la Berlinguer. Perché sono andato con mia moglie? Perché volevo mandare il messaggio di una famiglia unita. Volevo far sapere ‘amo mia moglie’. Diciamo che volevo dare un segnale granitico sul mio matrimonio”.

All’infettivologo sono state offerte “molto cose in tv”. Tra le proposte non figurano i reality. Quindi l’ipotesi paventata da molti di vederlo spaccare cocchi in Honduras appare tramontata. Però, si scopre, condurrebbe volentieri un programma di medicina.

Matteo Bassetti con la moglie Maria Chiara (Foto ‘Chi’)

“Io raccomandato? Ma se mi hanno messo in un cesso”

A chi lo accusa di essere stato raccomandato dal padre, luminare dell’infettivologia, Bassetti replica a muso duro: “Studiavo a Yale, era il 2005. Torno e dico a mio padre che voglio restare in America. Lui: no vieni qui e fai carriera. Peccato che sia tornato e lui sia morto. Da essere il figlio di Bassetti sono diventato ‘quel raccomandato del figlio di Bassetti’, ‘il bassettino’, ‘quello stron*o del figlio di Bassetti’. Mi hanno messo non in un cesso, di più. Ho dovuto passare 5 anni della mia vita per uscire da quel gabinetto in cui avevano tirato anche la catena”.

La mancata querela a Selvaggia Lucarelli

Nel finale, Bassetti fa una confessione a Selvaggia Lucarelli: “Per un attimo ho anche pensato di querelarla”. “Perché non lo ha fatto?”, chiede la giornalista. “Perché mi sono esposto, è il gioco delle parti”, chiosa l’infettivologo.

Copyright © 2021

livesicilia.it

P.I. 05808650823