Sindaco viola il lockdown per andare ad ubriacarsi, beccato dalla polizia si finge morto in una bara - Perizona Magazine

Sindaco viola il lockdown per andare ad ubriacarsi, beccato dalla polizia si finge morto in una bara

Daniela Vitello

Sindaco viola il lockdown per andare ad ubriacarsi, beccato dalla polizia si finge morto in una bara

| 26/05/2020
Sindaco viola il lockdown per andare ad ubriacarsi, beccato dalla polizia si finge morto in una bara

1' DI LETTURA

Incredibile, ma vero. Quanto accaduto in Perù qualche giorno fa sembra il frutto della penna di un abile sceneggiatore. Qualche volta, però, la realtà supera addirittura la finzione.

Jaime Rolando Urbina Torres, sindaco distrettuale di Tantarà, nella provincia di Castrovirreyna, è finito su tutti i giornali dopo averla combinata davvero grossa.

Invece di dare l’esempio, Urbina Torres ha violato il lockdown per uscire con gli amici e ubriacarsi. Alcuni cittadini lo hanno riconosciuto e hanno chiamato la polizia.

Per sfuggire agli agenti, l’uomo – in evidente stato d’ebbrezza – s’è dato alla fuga poco prima del loro arrivo e si è nascosto in una bara scovata nei paraggi e probabilmente pronta ad ospitare una persona uccisa dal Covid-19. Urbina Torres si è sdraiato al suo interno con tanto di mascherina fingendosi morto. Gli amici di bagordi lo hanno seguito a ruota facendo lo stesso.

I poliziotti non si sono lasciati ingannare e, dopo averlo fermato per non aver rispettato il lockdown e le regole di distanziamento sociale, lo hanno trasferito in un vicino commissariato. Nelle settimane precedenti, Urbina Torres era stato accusato di aver minimizzato i rischi del virus.

CLICCA QUI E SEGUICI SU INSTAGRAM

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI


Pubblicato il 26/05/2020 13:16
Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965