Restò tetraplegico durante una puntata di “Ciao Darwin”: "Bonolis non mi ha mai cercato"

Restò tetraplegico durante una puntata di “Ciao Darwin”: “Bonolis non mi ha mai cercato”

Daniela Vitello

Restò tetraplegico durante una puntata di “Ciao Darwin”: “Bonolis non mi ha mai cercato”

| 13/06/2022
Restò tetraplegico durante una puntata di “Ciao Darwin”: “Bonolis non mi ha mai cercato”

3' DI LETTURA

Il 17 aprile 2019, durante le registrazioni di una puntata di “Ciao Darwin”, a seguito di una caduta sui rulli bagnati e scivolosi che sovrastavano una piscina, durante la prova denominata Genodrome, l’allora 54enne romano Gabriele Marchetti riportò un grave danno al midollo e da allora è paralizzato dal collo in giù. Quattro dirigenti tv di cui due al vertice di Rti sono stati rinviati a giudizio con l’accusa di lesioni colpose gravissime.

Paolo Bonolis (Foto da video)

“Paolo Bonolis non mi ha mai cercato per sapere come sto”

Gabriele Marchetti rompe il silenzio a distanza di poco più di tre anni dall’incidente che gli ha stravolto la vita. “Prima di quel giorno ero un uomo che faceva mille cose. Adesso per me è finito tutto – dice in un’intervista al “Corriere della Sera” – Paolo Bonolis non mi ha mai cercato per sapere come sto. Neanche persone a lui vicine mi hanno mai contattato. Soltanto qualcuno della produzione all’inizio si è fatto sentire per telefono e per mail con la mia famiglia per conoscere la mia condizione fisica. Si sono messi a disposizione per ogni eventuale nostra necessità. Poi però non ci sono stati altri contatti”.

Gabriele Marchetti impegnato nel Genodrome (Foto da video)

Il conduttore: “Ci siamo adoperati per tutto quanto necessario”

Subito dopo l’incidente, Paolo Bonolis si disse sconvolto per l’accaduto. “È una cosa terribile, può succedere in qualsiasi contesto ma è successo qui: ci siamo adoperati per tutto quanto necessario, parliamo con la famiglia – dichiarò al quotidiano “La Repubblica” – C’è un problema: niente di tutto quello che facciamo può contrastare l’onda disumana di sciocchezze dette e scritte da chi vuole sfruttare questa cosa. Da un lato, una verità: dall’altro c’è una volontà di narrazione iperbolica nella quale si insinuano i parassiti del sensazionalismo. Impossibili da contrastare”.

Luca Laurenti e Paolo Bonolis (Foto Instagram)

Marchetti: “Ho sempre lavorato, ora sono privo di autonomia”

Gabriele Marchetti racconta al “Corsera” la sua quotidianità: “Non posso fare niente, nessuna attività. Sono completamente privo di autonomia e dipendo totalmente da mia moglie Sabrina e mio figlio Simone per lo svolgimento di ogni atto quotidiano. Ho sempre lavorato e mi sono dedicato alla famiglia”.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Gabriele Marchetti impegnato nel Genodrome (Foto da video)

“Pensavo che sarei affogato perché non riuscivo a muovere nulla”

Gabriele Marchetti ricorda il giorno dell’incidente: “Verso le 11 sono andato presso gli studi televisivi della Titanus per la registrazione della trasmissione (…) Pensavo di passare una serata diversa e divertirmi. Ero finito in acqua a testa in giù, con le gambe rannicchiate e le braccia raccolte – ricorda – Pensavo che sarei affogato perché non riuscivo a muovere nulla. Poi ho sentito i soccorritori che sono intervenuti immediatamente”.

Gabriele Marchetti impegnato nel Genodrome (Foto da video)

“Quando ho saputo di essere rimasto tetraplegico, mi sono sentito disperato”

Dopo aver riaperto gli occhi, Marchetti ha appreso di essere rimasto tetraplegico. “Per me è stato il crollo totale – confessa – Mi sono sentito disperato, come i miei familiari poiché ci siamo ritrovati da un giorno all’altro con la vita completamente stravolta. Amavo tanto giocare a calcetto”.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 13/06/2022 10:07
Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965