L’esperimento AMS: un successo internazionale - Perizona Magazine

L’esperimento AMS: un successo internazionale

Daniela Vitello

L’esperimento AMS: un successo internazionale

| 04/04/2013
L’esperimento AMS: un successo internazionale

2' DI LETTURA

La prima pubblicazione dell’esperimento AMS è una pietra miliare per la Collaborazione internazionale AMS. Centinaia di scienziati, ingegneri, tecnici e studenti provenienti da tutto il mondo hanno lavorato insieme per oltre 18 anni per fare di AMS una realtà. La Collaborazione comprende 16 paesi in Europa, Asia e Nord America (Finlandia, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Svizzera, Romania, Russia, Turchia, Cina, Corea, Taiwan, Messico e Stati Uniti) sotto guida del premio Nobel Samuel Ting, del MIT.

La Collaborazione AMS opera in stretto contatto con l’eccellente team della NASA dedicato al progetto AMS presso il Johnson Space Center, collaborazione che si e’ estesa per tutta la durata del progetto. L’Italia dato un importante contributo alla costruzione e operazione del rivelatore nonche’ all analisi dei dati, sotto la guida del Professor Roberto Battiston, deputy spokesperson di AMS, dell‘Università e INFN-TIFPA, Trento. La partecipazione dell ‘Italia e’ stata sostenuta dall’INFN e dall’ ASI e ha visto il coinvolgimento delle Università e delle Sezioni INFN di Bologna, Milano Bicocca, Perugia, Pisa, Roma Sapienza e Trento in collaborazione con le industrie nazionali (CGS, CAEN, G&A Engineering, FBK).

Il contributo alla realizzazione della strumentazione spaziale ha riguardato il sistema di Tempo di Volo e di Anelli Cerenkov (Bologna), il Tracciatore al Silicio (Perugia, Trento), il Calorimetro Elettromagnetico (Pisa), il rivelatore a Radiazione di Transizione (Roma), nonchè il segmento a terra dei dati (Milano Bicocca). L’ analisi dei dati è stata realizzata usando le infrastrutture di calcolo dell’ INFN-CNAF (Bologna) e dell’ ASI-ASDC (Frascati). AMS è un esperimento di fisica delle particelle sulla ISS, sponsorizzato dal Dipartimento dell Energia (DoE) nel quadro dell accordo di collaborazione tra DoE e NASA. AMS e’ stato costruito presso le universita’ e gli istituti di ricerca di tutto il mondo e integrato presso l’Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare, CERN, Ginevra, Svizzera. E’ stato trasportato al Kennedy Space Center nel mese di agosto 2010 a bordo di una speciale cargo C-5M dell Air Mobility Command dell Air Force.

AMS e’ stato lanciato dalla NASA verso la ISS come payload principale a bordo della missione finale dello Space Shuttle Endeavour (STS-134), il 16 maggio 2011. L’equipaggio della missione STS-134, Greg Johnson, Mike Fincke, Greg Chamitoff, Drew Feustel, Roberto Vittori sotto il comando di Mark Kelly, ha installato con successo AMS come strumento esterno sulla ISS, come parte dell’ US National Laboratory, il 19 maggio 2011. Una volta installato, AMS e’ stato acceso e ha subito iniziato a misurare raggi cosmici primari nello spazio, trasmettendoli al Payload AMS Operations Control Center (POCC). Il POCC si trova al CERN, Ginevra, Svizzera.

DA METEOWEB

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 04/04/2013 15:33
Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965