Il dramma di Vittorio Grigolo: "La mia compagna in fuga da Kiev"

Il dramma di Vittorio Grigolo: “La mia compagna in fuga da Kiev”

Daniela Vitello

Il dramma di Vittorio Grigolo: “La mia compagna in fuga da Kiev”

| 03/03/2022
Il dramma di Vittorio Grigolo: “La mia compagna in fuga da Kiev”

2' DI LETTURA

Il tenore toscano è legato dal 2018 alla ballerina ucraina Stefania Seimur

  • Un anno e mezzo fa, i due sono diventati genitori di Bianca Maria
  • La compagna di Grigolo è riuscita a varcare il confine e si trova in Polonia
  • “E’ partita con la madre e si è portata dietro una signora con un bambino”

Vittorio Grigolo sta vivendo giorni di grande tensione e apprensione. La ballerina ucraina Stefania Seimur, legata al tenore toscano da luglio 2018, è in fuga da Kiev. Un anno e mezzo fa, i due sono diventati genitori di Bianca Maria (LEGGI QUI). La Seimur ha un’altra figlia nata da una precedente relazione.

Stefania Seimur e Vittorio Grigolo (Foto Instagram)
Stefania Seimur (Foto Instagram)

“Stefania è in salvo in Polonia”

“Stefania ha passato il confine ed è a Varsavia – ha raccontato Grigolo con le lacrime agli occhi a “Storie Italiane” – Ieri è stata una giornata difficile perché c’era da prendere una decisione. Le truppe russe avanzavano sempre di più verso Kiev. Adesso che ha passato il confine, siamo più sollevati, sappiamo che è salva. In Polonia c’è molta accoglienza, ho visto le foto degli aiuti umanitari e dedizione da parte di tutti per aiutare queste persone che stanno vivendo da giorni una situazione indescrivibile e inattesa.  Ora però dobbiamo ritrovare tutti armonia e pace”.

Stefania Seimur e Vittorio Grigolo (Foto Instagram)
Vittorio Grigolo (Foto Instagram)

“Si è portata dietro la madre e una signora con un bambino”

“E’ partita con la mamma – ha spiegato – Con amici si sono raggruppati in un appartamento a Kiev. Ovviamente nel momento in cui suonavano la sirena scendevano in metropolitana. Si è portata dietro una signora con un bambino con il quale ha un legame. Sono in viaggio insieme in quattro. Il primo treno diretto per Varsavia non è riuscito a prenderlo, ma è riuscita a prendere il secondo diretto a Leopoli, che è a circa un’ora e quaranta circa dal confine polacco. Poi hanno dovuto prendere un pullman”.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Stefania Seimur e Vittorio Grigolo (Foto Instagram)
Stefania Seimur (Foto Instagram)

“Non sappiamo cos’è la guerra fino a che non ci tocca”

“E’ un viaggio che non augura a nessuno – ha concluso – Immaginatevi il disagio, è un carico molto forte dal punto di vista psicologico perché non siamo abituati alla guerra, non sappiamo cos’è la guerra fino a che non ci tocca, fino a che non bussa alla porta, fino a che non vediamo un ferito, fino anche non vediamo il morto davanti a noi. Se lo vediamo in televisione sembra tutto finzione. Poi quando ci passano davanti ci svegliamo e questo incubo purtroppo diventa realtà. Veniamo da due anni difficili, abbiamo vissuto tutti una nostra guerra psicologica interiore. Non era il momento adesso di affrontare quella fisica”.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 03/03/2022 13:21
Copyright © 2023

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965