Fedez, la confessione dopo l'intervento: "Cosa si aspettavano i medici"

Fedez, la confessione dopo l’intervento: “Cosa si aspettavano i medici”

Daniela Vitello

Fedez, la confessione dopo l’intervento: “Cosa si aspettavano i medici”

| 20/05/2022
Fedez, la confessione dopo l’intervento: “Cosa si aspettavano i medici”

2' DI LETTURA

Giornata intensa, quella di ieri, per Fedez tra incontri straordinari e nuovi inizi. Il rapper ha portato la sua secondogenita Vittoria a conoscere la “zia” Donatella Versace. Quindi, con tanto di personal trainer, il cantante ha ripreso a fare sport dopo lo stop dovuto all’intervento al pancreas a cui si è sottoposto lo scorso marzo. “Piano piano l’anzianotto si rimette in sesto”, ha ironizzato su Instagram.

Fedez con la figlia Vittoria e Donatella Versace (Foto Instagram)

“Eccomi qua a nemmeno due mesi dall’operazione”

Poi il tono si è fatto più serio. “I medici mi avevano detto che avrei potuto aspettare anche 6 mesi prima di ricominciare a cantare e a fare attività fisica dopo l’intervento. Ma la forza di volontà e l’amore di chi vi sta vicino a volte è più forte di tutto. Ed eccomi qua a nemmeno due mesi dall’operazione. Banale da dire ma è la cura più forte che ci sia”.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Fedez (Foto Instagram)

Ma non è finita qui. Perché ieri Fedez ha realizzato un sogno incontrando il suo idolo: Mark Hoppus dei Blink-182. Il rapper si è detto “felice come un bambino”. “Credo sia la serata più assurda della mia vita – ha raccontato – Chi mi conosce sa quanto sono fan dei Blink e uscire a cena con Mark Hoppus già era un sogno. Però diciamo che oggi ha assunto un significato diverso perché io e Mark ci siamo scritti da quando ho scoperto di avere il tumore visto che anche lui ha avuto un’esperienza simile”.

Fedez con Mark Hoppus dei Blink-182 (Foto Instagram)

“Vi confesso che ho pianto come un bambino”

“Dal giorno prima dell’operazione ci siamo scritti – ha confidato – e oggi ci siamo visti a cena e mi ha voluto regalare questa spilla che hanno solo lui, Tom DeLonge e Travis Barker. Lui mi ha voluto donare la sua. Vi confesso che ho pianto come un bambino. Ragazzi, la vita è un fantastico gioco sadico, come fosse un pasqualone che a volte ti riserva delle sorprese di me*da ma altre volte ti stupisce. Credo che proprio per questo valga la pena di essere vissuta appieno”.

Copyright © 2022

livesicilia.it

P.I. 05808650823