Murata in casa dal figlio per la pensione, l'amica: "Vivevano l'uno per l'altra"

Murata in casa dal figlio per la pensione, l’amica: “Vivevano l’uno per l’altra”

Daniela Vitello

Murata in casa dal figlio per la pensione, l’amica: “Vivevano l’uno per l’altra”

| 21/10/2021
Murata in casa dal figlio per la pensione, l’amica: “Vivevano l’uno per l’altra”

Il cadavere dell’anziana era nell’armadio della camera da letto

  • A confessare tutto al sindaco di un comune vicino è stata la fidanzata del figlio
  • Il primo cittadino: “All’inizio non volevo crederci, sembrava un film dell’orrore”
  • Un’amica dell’anziana: “Ecco cosa faceva il figlio quando bussavo per chiedere della madre”

A Buccinasco, in provincia di Milano, un uomo di 50 anni ha tenuto per due anni il cadavere della madre 80enne, morta per cause naturali, in un anfratto ricavato nella camera da letto. Ai vicini che chiedevano notizie dell’anziana, raccontava che si trovava in una casa di riposo. Il corpo della signora Graziana era nell’armadio della stanza da letto avvolto in sacchi di plastica ricoperti di argilla e legno.

Barbara D’Urso (Foto da video

A vuotare il sacco è stata la fidanzata del 50enne

Un piano raccapricciante ordito dal 50enne per continuare a percepire la pensione della madre il cui importo mensile ammontava a 1.700 euro. A raccontare la verità ai carabinieri, dopo essersi confidata con un sacerdote, è stata la compagna dell’uomo che ora è accusato di truffa aggravata nei confronti dello Stato e occultamento di cadavere.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News
SEGUICI

Si è recata in un comune vicino per denunciare tutto

Le indagini sono partire da Vidigulfo, in provincia di Pavia. A raccogliere la testimonianza della fidanzata del 50enne è stato il sindaco Domenico Bertuzzi. Il primo cittadino si è imbattuto nella donna negli uffici comunali mentre questa stava cercando di contattare la polizia locale.

La confessione al sindaco che ha poi chiamato i carabinieri

 “Sono rimasto di stucco davanti alla sua confessione – ha raccontato Bertuzzi ai microfoni di “Pomeriggio Cinque” – Era agitatissima e mi ha detto ‘Sono qui per denunciare un fatto agghiacciante: il mio convivente mi ha confessato che da due anni ha in casa la mamma morta, in un armadio’. Pensavo da due giorni, non da due anni. Mi sembrava un film dell’orrore, all’inizio non volevo crederci. Ho chiamato il maresciallo e quando gli ho raccontato l’accaduto era stupito anche lui. Mi ha detto di tenerla lì che i carabinieri sarebbero andati a controllare. La donna è di religione ortodossa, si è confessata con il suo prete che le ha consigliato di denunciare la cosa. Non dormiva da due giorni, aveva questo patema dentro”.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Lo sgomento dei vicini di casa

“Sei innamorata e scopri che il tuo fidanzato tiene da due anni murata la mamma dentro casa…beh…rimani sconvolta sì”, ha commentato Barbara D’Urso. “Lo incrociavo che faceva footing, mai avrei pensato una cosa del genere”, ha dichiarato una vicina all’inviata di “Pomeriggio Cinque”. La giornalista ha raccolto anche la testimonianza di un’amica dell’anziana.

Barbara D’Urso (Foto da video)

L’amica dell’anziana: “Ecco cosa mi diceva quando gli chiedevo della madre”

“Era dolcissima, quando aveva bisogno mi suonava il campanello – ha raccontato la donna con la voce spezzata dal pianto – Era sempre in casa, non usciva mai. Perché lei doveva aspettare il suo Dante (il figlio, ndr.)! Vivevano l’uno per l’altra, guai a chi gli toccava sua madre. Quando andavo a suonare il citofono per sapere come stava, perché pensavano tutti che fosse in una casa di riposo, non ci lasciava neanche entrare. Apriva la porta tanto così. Dicevo ‘Dante, come sta la mamma?’. ‘Eh, la mamma non mi riconosce più’. Troppe cose brutte….figlio unico coccolato. Se lavorava? Mah…ha lavorato per un po’, poi ha perso il lavoro. Infatti, la mamma gli diceva ‘Dante vendiamo’. Non ce la facevano più ad andare avanti. A me diceva che voleva vendere l’appartamento. Sinceramente, in mia coscienza, non riesco neanche a credere che sia successa una cosa del genere”.

Copyright © 2022

livesicilia.it

P.I. 05808650823