Rosalinda Cannavò: "Ero arrivata a pesare 32 kg! Oggi Adua non esiste più"

Rosalinda Cannavò: “Ero arrivata a pesare 32 kg! Oggi Adua non esiste più”

Daniela Vitello

Rosalinda Cannavò: “Ero arrivata a pesare 32 kg! Oggi Adua non esiste più”

| 26/09/2022
Rosalinda Cannavò: “Ero arrivata a pesare 32 kg! Oggi Adua non esiste più”

5' DI LETTURA

Rosalinda Cannavò è nel cast della prossima edizione di “Tale e Quale Show”. Martedì 27 settembre, inoltre, esce in libreria “Il riflesso di me”, volume in cui ripercorre il suo passato fatto di successi e sofferenze. L’attrice messinese è legata ad Andrea Zenga, figlio dell’ex portiere Walter e di Roberta Termali. I due si sono conosciuti e innamorati nella casa del “Grande Fratello Vip”.

Rosalinda Cannavò e Andrea Zenga (Foto Instagram)

“A maggio siamo andati a convivere e siamo sempre più uniti”

L’amore per Andrea mi rende serena, sono super felice con lui – svela a Silvia Toffanin – Devo dire che è un periodo molto bello della mia vita, sia in ambito lavorativo che sentimentale. A maggio siamo andati a convivere e siamo sempre più uniti. Chi l’avrebbe mai detto! C’è un anello, stiamo bene insieme, vedremo cosa sarà…Viviamo giorno per giorno e quello che sarà sarà”.

Rosalinda Cannavò (Foto Instagram)

“Stavo facendo la maturità mi è cambiata la vita”

Silvia Toffanin manda in onda una clip in cui è la stessa Rosalinda a raccontarsi: “Ero una giovane ragazza di 15 anni che aveva un sogno. Sognavo di fare l’attrice ed ero molto determinata. A tal punto da fare tantissimi sacrifici e anche i miei genitori con me. Stavo facendo la maturità quando mi è cambiata la vita. La prima cosa che è stata fatta su di me è un cambio nome (ha iniziato a usare il nome d’arte di Adua Del Vesco, ndr.), una sorta di cambio d’identità. Mi sono ritrovata in un tunnel buio, scuro, e purtroppo quando me ne sono accorta era un po’ troppo tardi”.

Silvia Toffanin (Foto Facebook)

“Mi sono ammalata di anoressia, volevo sparire”

“Mi sono ammalata di anoressia – prosegue – In quel momento volevo proprio sparire, volevo morire. Mi sono guardata attorno e mi sono detta dentro di me: ‘Ma io voglio veramente fare questa fine?’. Ho detto: ‘No! Io devo fare qualcosa, voglio ritornare a vivere e non a sopravvivere’. Ho scoperto di avere una forza incredibile. Andrea è stata una sorpresa perché fuori (dalla casa di Cinecittà, ndr.) è ancora più bello. Sicuramente la mia vita adesso la descriverei con una parola sola: splendida. E’ vita!”.
CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Rosalinda Cannavò (Foto Facebook)

“Forse mi sono lasciata condizionare da consigli sbagliati”

“Sono riusciti a raggiungere traguardi importanti, a essere protagonista nelle fiction più famose e più importanti di Mediaset – racconta l’attrice siciliana nel salotto di “Verissimo” – Tutto quello che stava dietro era molto più complesso rispetto a quello che magari mostravo o che dovevo mostrare. Non pensavo che realizzare il mio sogno mi avrebbe portato a snaturare la mia persona. Non solo l’aspetto fisico, ma anche quello interiore. Forse mi sono lasciata condizionare da consigli sbagliati”.

Rosalinda Cannavò e Andrea Zenga (Foto Instagram)

“Mi hanno detto che per fare televisione dovevo perdere dei chili”

“Come prima cosa mi è stato detto di cambiare nome – ricorda – Mi era stato detto che il mio nome era un po’ banalotto e non funzionava molto. Inesperta, ho accettato il consiglio. Mi atteggiavo a diva quando non ero nessuno e mi risultavo anche antipatica. Questo mi logorava profondamente dentro e mi ha portato a sprofondare nell’anoressia. Mi era stato detto che per fare televisione dovevo perdere dei chili. Forse una colpa ce l’ho anch’io: essendo una persona estremamente sensibile, mi sono fatta condizionare troppo”.

Rosalinda Cannavò (Foto Instagram)

“Ero aggressiva, trattavo malissimo i miei genitori, ero un’altra”

“Sono arrivata a pesare 32 kg, non stavo più in piedi, mia mamma mi doveva fare la doccia ma io non mi rendevo conto di stare male – confessa – Avevo perso il controllo, il mio carattere era completamente cambiato. Ero aggressiva, trattavo malissimo i miei genitori, ero un’altra persona, non ero più io. Oggi, se ci ripenso, non riesco a capire chi era la persona di ieri perché non sono io. Non mi riconosco in niente”.

Rosalinda Cannavò e Andrea Zenga (Foto Instagram)

“Tornavo in Sicilia due volte l’anno e i miei mi vedevano sempre più magra”

“Vedevo pochissimo i miei genitori perché riuscivo ad andare giù in Sicilia pochissime volte l’anno, forse massimo due, durante le feste – confida la Cannavò – Ogni volta che andavo giù, i miei genitori mi vedevano sempre più magra e cercavano di aiutarmi ma io ero determinata nel raggiungere i miei obiettivi. Anzi, li accusavo di voler rovinare il mio percorso lavorativo. Mi sono autodistrutta”.

Rosalinda Cannavò (Foto Instagram)

“In quella fase della mia vita la morte era una liberazione”

“Quando sono arrivata a pesare 32 kg, ho abusato anche di medicine che potevano aiutarmi a raggiungere un peso ancora più basso – aggiunge – Diventi anche una piccola chimica! Sapevo che quello poteva portarmi a stare veramente molto male, addirittura a morire e la cosa non mi spaventava. Forse in quella fase della mia vita la morte era una liberazione perché non sopportavo più di essere un’altra persona”.

Rosalinda Cannavò e Andrea Zenga (Foto da video)

“Mi ha salvato Giuliano, il mio ex fidanzato”

“Cosa mi ha salvato? L’amore! – sentenzia – In quel periodo, ero fidanzata con Giuliano (lasciato per Andrea Zenga, ndr.) e lui mi ha aiutato tantissimo. Dovevo tenerlo nascosto perché pubblicamente ero ‘fidanzata’ con Gabriel Garko. Giuliano è stato il primo amore, siamo stati insieme tantissimi anni. L’ho conosciuto a scuola, abbiamo fatto il liceo insieme. Io sono stata in un centro per disturbi alimentari e poi Giuliano mi ha dato la sua casa al mare dove io mi sono finalmente riappropriata di me stessa”.

Rosalinda Cannavò (Foto Instagram)

“Oggi Adua non esiste più, è un ricordo”

“Oggi sto benissimo, è possibile uscirne – conclude – Finalmente è finito questo incubo! Oggi sono tornata ad essere Rosalinda. Cosa provo per Adua? Le voglio bene, provo un po’ di tenerezza. In realtà, vedo in lei anche tanta forza. Essere estremamente sensibili non è necessariamente un difetto né significa che gli altri debbano approfittare di questa grande sensibilità. Oggi non lo permetto più a nessuno. Sicuramente le esperienze del passato mi hanno fortificato molto. Adua non esiste più, è un ricordo”.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 26/09/2022 10:41
Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965