Paola Ferrari: "Divido le donne in due categorie. Chi mette gli slip e chi no"

Paola Ferrari: “Divido le donne in due categorie. Chi mette gli slip e chi no”

Daniela Vitello

Paola Ferrari: “Divido le donne in due categorie. Chi mette gli slip e chi no”

| 19/02/2022
Paola Ferrari: “Divido le donne in due categorie. Chi mette gli slip e chi no”

5' DI LETTURA

La giornalista risponde alle domande di Francesca Fagnani

  • L’infanzia segnata dalla malattia mentale della madre: “Ha tentato di affogarmi”
  • Il perdono negato in punto di morte: “Mi ha chiesto un abbraccio, non ce l’ho fatta”
  • Le frizioni con il marito Marco Benedetti: “Ero contraria alla vendita del gruppo GEDI”

Ospite della prima puntata di “Belve”, Paola Ferrari si racconta senza reticenze. Dall’infanzia travagliata segnata dalla malattia mentale della madre che ha tentato più volte di ucciderla al matrimonio con Marco De Benedetti e al difficile ingresso in una delle famiglie più potenti d’Italia.

“Ho un carattere aggressivo e non ho paura di niente”

“Che belva mi sento? Una belva tante volte ferita ma che alla fine ha sempre saputo dare la zampata definitiva. Mi sento più affine al cane, ne ho sette e amo la loro fedeltà. Sono fumantina. Vivo molto di nervi, di arrabbiature. Mi arrabbio più volte in un giorno. Devo dire che il mio carattere è piuttosto aggressivo. Non mi devi sfidare. Se mi sfidi, io non ho paura di niente. Sono un po’ come Rocky Balboa. Incasso molto ma non mi abbatto mai. Posso avere un’aggressività spietata verso persone che mi hanno fatto del male anche dopo 20 anni. Io non dimentico mai”.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Francesca Fagnani (Foto da video)

“Mia madre mi ha chiesto di abbracciarla in punto di morte ma non ce l’ho fatta”

“Ho passato un’infanzia tremenda e per questo ho imparato a difendermi. Per una bambina avere paura di morire per mano della mamma significa che impari che te la devi cavare da sola. Spesso mi domando quanti traumi da un punto di vista affettivo tutto questo può avermi lasciato. Ci sono stati 2-3 episodi molto gravi, violenti. In un caso ha tentato di affogarmi. Invidio quando vedo messaggi d’amore tra genitori e figli perché io non l’ho mai provato. Non so cosa vuol dire l’abbraccio di una mamma. Mi dispiace non averla perdonata negli ultimi giorni di vita perché lì c’è stato un momento in cui mi ero un attimo aperta ma poi mi sono subito richiusa. Mi ha chiesto un ultimo abbraccio ma io non ce l’ho fatta. Conosco poco il perdono”.

Paola Ferrari e Francesca Fagnani (Foto da video)

Le donne secondo Paola Ferrari: “Le divido in due categorie”

“Divido le donne in due categorie. Chi mette gli slip e chi non li mette. E ti ho detto tutto, sei troppo intelligente per non arrivarci. C’è una differenza di approccio alla vita. Una che non si mette gli slip ha un approccio alla vita diverso da chi se li mette. Punto. A chi penso? Non so, non vado a vedere sotto le gonne delle persone. Poi capisco che una sera uno vuole fare un gioco erotico e magari lo fa. Se l’ho fatto qualche volta? C’è mio marito che ascolta, non lo posso dire. C’è differenza tra fare un gioco una sera e avere un’attitudine. Mi sono spiegata?”.

Paola Ferrari (Foto da video)

Cosa pensa di Belen Rodriguez e di Diletta Leotta

“Nel mondo dello spettacolo ancora ci sono delle usanze per cui le donne usano certe situazioni per trovare dei posti e questa è la cosa peggiore che possono fare alle altre donne. Quindi sono nemiche delle donne. Belen? E’ molto brava perché pur non avendo un’eccellenza nel canto e nel ballo è stata brava a trovarsi una strada. Poi ho scoperto che Belen è molto meglio di tante altre. Diletta Leotta? Non trovo che sia il prototipo di donna da mettere su un piedistallo. Penso che abbia diritto di fare quello che vuole, a sbagliare sono quelli che la mettono su un piedistallo come esempio. Lei anche molto brava, molto più brava di come ero io alla sua età. A me non piace la donna che si rifà troppo”.

Francesca Fagnani (Foto da video)

L’incontro con Marco De Benedetti

“All’inizio non lo volevo perché eravamo troppo diversi. Io con la mia infanzia, lui figlio di papà. Per me era inconcepibile come rapporto. Lui ha insistito e mi ha conquistato perché arrivava prima di me. Il mio rapporto con la famiglia De Benedetti? Diciamo subito che stimo moltissimo mio suocero anche se siamo completamente diversi da tanti punti di vista. Lui è uno degli unici della famiglia con cui ancora parlo. Con gli altri ci sono troppe differenze di visione. Mi sono un po’ stancata. Sono state separazioni consensuali. Cercavo una famiglia che mi abbracciasse e non è stato così. Io non mi presento mai con il cognome De Benedetti. Qualche volta l’ho sentito come peso, qualche volta è stato un vantaggio. Se il matrimonio è stato mai a rischio? Ci sono stati dei momenti in cui ci sono state delle frizioni. Per esempio, io ero assolutamente contraria alla vendita del gruppo GEDI, perché volevo un’eredità futura dal punto di vista della continuità per i miei figli”.

Paola Ferrari (Foto da video)

L’amicizia con Alba Parietti e la gioia più grande della sua vita

“Con Alba Parietti abbiamo condiviso diversi fidanzati. Uno è Sandy Marton. Poi mi sono innamorata platonicamente di Marco van Basten ma all’epoca non si potevano avere flirt con i calciatori. Ho più paura di invecchiare che di morire. La gioia più grande della mia vita? Avere questo rapporto meraviglioso con i miei figli, più che la nascita. Quando sono nati i miei figli non mi sentivo madre e non ho vissuto bene la gravidanza”.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 19/02/2022 11:46
Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965