Natale Giunta sul caro energia e bollette: "Se continua così, o chiudiamo o aumentiamo i prezzi"

Natale Giunta sul caro energia e bollette: “Se continua così, o chiudiamo o aumentiamo i prezzi”

Daniela Vitello

Natale Giunta sul caro energia e bollette: “Se continua così, o chiudiamo o aumentiamo i prezzi”

| 07/09/2022
Natale Giunta sul caro energia e bollette: “Se continua così, o chiudiamo o aumentiamo i prezzi”

6' DI LETTURA

A “Cartabianca” si discute degli aumenti esorbitanti dei prezzi di energia e gas che rischiano di mettere in ginocchio tante famiglie e imprese italiane. Bianca Berlinguer dà la parola a Natale Giunta, chef e imprenditore siciliano noto anche per la sua partecipazione a “La prova del cuoco” e per essersi ribellato al racket delle estorsioni.

Natale Giunta (Foto da video)

“Se continua così, alcuni locali chiuderanno, altri aumenteranno i prezzi”

“Di energia, in uno dei miei locali, è arrivato il 200% in più – esordisce Giunta – In azienda, dove abbiamo lo stabilimento, è arrivato il 250% in più. In un negozio, che è una friggitoria, da 1.400 euro al mese siamo passati a 4.000 euro al mese. Tutto è andato in tilt. Soprattutto i costi fissi. Dal 200 al 300%. Per quanto tempo penso di poter sostenere questi aumenti così vertiginosi? Il problema è che se continuiamo così, alcuni locali vanno chiusi perché non hanno margini di guadagno. Negli altri, come è già successo nel mondo del catering e della ristorazione, dobbiamo aumentare i prezzi a scapito dei consumatori perché altrimenti non regge nulla”.

Natale Giunta (Foto da video)

Il rincaro di materie prime e generi di prima necessità

“Il problema non è solo il costo dell’energia, del gas e dell’acqua ma è saltata anche la materia prima – continua – Ci sono prodotti che sono aumentati del 400%… prodotti base. Pensi che l’olio di semi, prima della pandemia, lo compravamo 0,90 centesimi. Oggi lo compriamo 3,40 euro. Il grano è raddoppiato. Per fare un cannolo, la materia prima è aumentata del 30-40%. Il burro, la panna, il latte…Il gamberone rosso siciliano lo compravo 27 euro al chilo, oggi lo compro 54 euro ma è lo stesso gamberone che compravo l’anno scorso. E’ un problema veramente serio”.
CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Bianca Berlinguer (Foto da video)

Fratoianni: “Siamo di fronte ad una gigantesca manovra speculativa”

“Siamo di fronte ad una gigantesca manovra speculativa – è il parere di Nicola Fratoianni, leader di Sinistra Italiana – Questa è la verità che va detta agli italiani. Sicuramente la guerra ha inciso sui costi energetici. Quello che sta accadendo rischia di far chiudere nelle prossime settimane, decine di migliaia, centinaia di migliaia di imprese e di mandare a gambe all’aria milioni di famiglie. In particolare, i prezzi dei generi di prima necessità incidono mortalmente sulle imprese come quella di Natale Giunta. Immaginatevi cosa significano sulle famiglie italiane, sulle famiglie monoreddito, sulle famiglie che hanno salari troppo bassi o salari che sono fermi da 30 anni”.

Nicola Fratoianni (Foto da video)

Il leader di Sinistra Italiana dice “no” alla manovra in debito

“Ci vogliono risorse che vanno immesse per attutire l’impatto dell’inflazione – sentenzia Fratoianni – La grande domanda è ‘dove le prendiamo?’. Vedo che molti propongono l’ennesimo scostamento di bilancio. Ricordo che si tratta di una manovra in debito, talvolta giusta e sacrosanta. Ma quando si fa una manovra in debito prendiamo soldi delle imprese e delle famiglie, anche da Natale Giunta. E’ un po’ il gioco delle tre carte. Sono contrario a una manovra in debito perché penso che i soldi ci siano e stiano laddove si sono accumulati esattamente per quei meccanismi speculativi”.

Natale Giunta (Foto da video)

“Bisogna utilizzare gli extraprofitti delle grandi industrie energetiche”

“Il ministro dell’Economia ci dice che ci sono 40 miliardi di euro, qualcuno dice addirittura 50, che sono extraprofitti, cioè oltre il guadagno normale di un’azienda – spiega il leader di Sinistra Italiana – Non è il ristorante, non è la friggitoria, non è la piccola impresa che deve andare avanti. Sono le grandi industrie energetiche di questo Paese che hanno accumulato enormi extraprofitti. Prendiamo quegli extraprofitti e diamoli alle imprese che fanno economie reale e danno lavoro agli italiani. Diamoli alle famiglie per impedire che l’enorme aumento dell’inflazione schianti il Paese. Perché non si fa? Io questo non l’ho ancora capito. Si può fare e si deve fare”.

Andrea Scanzi (Foto da video)

Scanzi: “Se vince il centrodestra, la soluzione sarà a scapito degli italiani”

“Credo che se vincerà il centrodestra, come dicono tutti i sondaggi, non è che c’è da immaginare tanto… diciamo che farà l’esatto opposto di quello che spererebbe fosse fatto Fratoianni – interviene Andrea Scanzi, penna de “Il Fatto Quotidiano” – Fratoianni parla di colpire e utilizzare gli extraprofitti ma parliamo di un centrodestra che mette in discussione il reddito di cittadinanza. Ve lo immaginate un governo di centrodestra che va a piluccare dagli extraprofitti? Cercherà di fare uno scostamento di bilancio se vincerà la linea di Salvini oppure farà la classica manovra lacrime e sangue”.

Natale Giunta (Foto da video)

Natale Giunta: “Questi miliardi servono a mettere un cerotto ma non sono la soluzione”

“Cosa si aspetta a prescindere da chi vincerà le elezioni?”, chiede Bianca Berlinguer a Natale Giunta. ”Quando sento di tutti questi miliardi, penso ‘per quanto dureranno?’. A che cosa servono? Servono a mettere un cerotto? Perché non è la soluzione del problema – replica lo chef originario di Termini Imerese, in provincia di Palermo – Dall’oggi al domani non si possono triplicare i costi fissi di un’azienda. Se accade questo, o triplichiamo le vendite oppure siamo a mare. Oggi per produrre il pane abbiamo bisogno di accendere il forno a 450 gradi la mattina e lo spegniamo la sera e sta otto ore acceso, poi bisogna lasciarlo a lievitare per tre giorni nella cella di lievitazione. Alla fine salta tutto”.

Francesco Borgonovo (Foto da video)

“I clienti a cui faccio i preventivi per il 2024 vengono terrorizzati”

“Mia sorella che è una consumatrice ed è stipendiata, guadagna lo stesso stipendio – sottolinea Giunta – Il pensionato prende la stessa pensione. Quanto glielo dobbiamo vendere oggi questo pane? 10 euro al chilo? Ma chi se lo può permettere? Noi non abbiamo ancora aumentato i prezzi ma rispetto all’anno scorso compriamo prodotti a prezzi folli. E poi ci sono le bollette. Sono assolutamente convinto che dietro ci sia tanta speculazione. Non c’è un listino di un’azienda che duri più di una settimana. Ogni settimana abbiamo rincari. Non credo sia solo una questione di produzione. In questa sede mi occupo di matrimoni e di eventi e i clienti a cui facciamo i preventivi per il 2024 vengono terrorizzati. Mi chiedono se aumenteremo i prezzi e se manterremo i contratti”.

Natale Giunta e Chiara Ferragni (Foto Instagram)

Borgonovo: “Se la guerra continua, cosa facciamo?”

“Va bene tassare gli extraprofitti sul gas comprato prima a prezzi più bassi e rivenduto a prezzi più alti, ma se la guerra continua cosa facciamo? – si chiede Francesco Borgonovo, vicedirettore de La Verità – Non c’è nessuno che si ponga il problema che sta cambiando l’assetto globale. Se questa crisi va avanti, finiamo a comprare il gas dagli americani che costa di più per i prossimi 20 anni? Non basta metterci una pezza adesso e dire ‘abbiamo risolto’. E’ questo il punto. Se la guerra continua, andrà peggiorando. Francia e Germania si stanno organizzando”.

Natale Giunta e Elisa Isoardi (Foto da video)

Natale Giunta: “Il reddito di cittadinanza va dato solo a chi ha bisgno”

Bianca Berlinguer sposta i riflettori sul reddito di cittadinanza e sull’eventualità che venga abolito. Natale Giunta si dice vicino alle famiglie che necessitano realmente di sussidi statali e punta il dito contro chi ne approfitta per non andare a lavorare. “Io ho avuto colloqui con gente che con bonus figli e reddito racconta – Guadagnano 1.200 euro al mese, noi gliene abbiamo offerti 1.600 per fare il fattorino o le pulizie e ci rispondono: ‘Io con 1.200 euro, con 3 figli, sto a casa, non spendo soldi per mettere la benzina e mi godo la famiglia. Ogni tanto, in nero, se vuoi’. Tanti giovani con la carta del reddito si vanno a comprare cellulari, televisori e se li vendono in nero. E’ una vergogna! Il reddito va dato solo a chi ha bisogno, a chi perde il lavoro”.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 07/09/2022 10:48
Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965