Raffaele Sollecito: “Nessuno mi ha chiesto scusa per gli anni che mi hanno rubato”

Daniela Vitello

Raffaele Sollecito: “Nessuno mi ha chiesto scusa per gli anni che mi hanno rubato”

| 25/07/2019

“Sono un bravissimo ingegnere informatico, ma il danno che mi ha fatto la magistratura italiana è enorme: ho un profilo […]

“Sono un bravissimo ingegnere informatico, ma il danno che mi ha fatto la magistratura italiana è enorme: ho un profilo professionale che mi permetterebbe di avere tantissimo, ma le opportunità si riducono sensibilmente perché sono ‘scomodo’”. A parlare così in un’intervista al settimanale “Oggi” è Raffaele Sollecito, il cui nome – insieme a quello di Amanda Knox - è ancora associato all’omicidio di Meredith Kercher, la studentessa inglese trovata senza vita nella sua casa di Perugia nel 2007. E questo nonostante sia lui che Amanda siano stati definitivamente assolti. “Io sono furibondo con le istituzioni – prosegue - Nessuno mi ha chiesto scusa per gli anni che mi hanno rubato, per l’enorme errore giudiziario, per i debiti che la mia famiglia ancora ha per avermi difeso. È uno schifo e può succedere a chiunque in questo Paese”. “Ho sofferto di disturbi alimentari, per cui sto seguendo un’educazione al cibo, e so che devo nutrirmi in maniera programmata – svela - Certo voglio sentirmi amato. Come tutti… Me la immagino una mia famiglia, mi piacerebbe anche. Ma sapendo quello che può accadere in questo Paese sono frenato”. CLICCA QUI E SEGUICI SU INSTAGRAM LEGGI ANCHE: Raffaele Sollecito: "Invidiano me e Amanda perchè siamo giovani, belli e di buona famiglia" LEGGI ANCHE: "Siamo senza soldi", Amanda Knox lancia una raccolta fondi per sposarsi

Google News
Ricevi le nostre ultime notizie da Google News
SEGUICI

Copyright © 2021

livesicilia.it

P.I. 05808650823