Checco Zalone sbeffeggia i rapper e si cala nei panni del cugino virologo di Al Bano

Checco Zalone sbeffeggia i rapper e si cala nei panni del cugino virologo di Al Bano

Daniela Vitello

Checco Zalone sbeffeggia i rapper e si cala nei panni del cugino virologo di Al Bano

| 03/02/2022
Checco Zalone sbeffeggia i rapper e si cala nei panni del cugino virologo di Al Bano

4' DI LETTURA

Dopo aver diviso il pubblico del “Festival di Sanremo” con la favola contro la transfobia (LEGGI QUI), Checco Zalone torna sul palco dell’Ariston nei panni del dottor Oronzo Carrisi, il cugino virologo del cantante Al Bano. Il medico non gradisce di essere accostato al celebre parente.

Amadeus (Foto da video)

“Saluto il paziente zero di Cellino San Marco”

“Se dobbiamo parlare di Al Bano, me ne vado – sentenzia – Il mio agente è stato chiaro: non si parla di mio cugino. Tutti i virologi oggi hanno un agente. A Cellino San Marco, il virologo stava sotto il podologo e un pochino sopra l’estetista. Poi c’è stato il riscatto. Io non ci credevo, stavo per abbandonare la virologia. Stavo per fare carrozzeria, con mio padre. Poi è arrivato questo e mi ha cambiato la vita: il primo tampone positivo di Cellino San Marco. Posso salutare il paziente zero di Cellino San Marco? Ciao macellaio di Al Bano”.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Checco Zalone nei panni del cugino virologo di Al Bano (Foto da video)

“Se un virologo è d’accordo con un altro virologo viene radiato”

“I virologi dell’Oms hanno affermato che probabilmente questa variante segnerà la fine della pandemia. Lei è d’accordo?”, chiede Amadeus. “Questa è una domanda che denota grande ignoranza da parte sua – risponde Oronzo – Chiedere a un virologo se è d’accordo con un altro virologo vuol dire non capire un ca**o di virologia. C’è scritto sul patto d’Ippocrate: il virologo deve stare in disaccordo con l’altro virologo, altrimenti ti radiano dall’ordine”.

Checco Zalone nei panni del trapper Ragadi (Foto da video)

La canzone “Pandemia ora che vai via”

“Ci sarà una cosa sulla quale sarete tutti d’accordo?”, incalza il conduttore. “Che non abbiamo capito un ca**o. Su questo siamo d’accordo”, chiosa Carrisi prima di imbracciare il microfono e intonare la  canzone “Pandemia ora che va via” (GUARDA IL VIDEO). Tra gli autori “Bassetti-Brusaferro-Burioni-Capua-Crisanti-Galli-Fauci-Viola-Pregliasco-Zangrillo”: “Ho voluto dividere la Siae con tutti, questi muoiono di fame”.

Checco Zalone nei panni del trapper Ragadi (Foto da video)

Il rapper Ragadi

Durante la serata, Checco Zalone ha vestito anche i panni del rapper Ragadi accompagnato sul palco dai producer Cisty e Felya. Amadeus lo ha presentato come “un cantante che porta dentro dei demoni”. Il comico pugliese ha sbeffeggiato un’intera categoria, quella rapper, idoli delle nuove generazioni. Molti di questi cantanti raccontano di avere umili origini quando in realtà vengono da famiglie benestanti. Ragadi ha proposto il brano rap “Poco ricco” che è già una hit. “Questa vinceva Sanremo”, ha sentenziato.

GUARDA IL VIDEO

Amadeus (Foto da video)

Il testo di “Poco ricco”

Che ne sai di me?
Della mia Playstation 2 quando già c’era la 3?
Che ne sai di me?
Delle mie gioie represse dei miei Full 5 senza la s
Quando cammini per strada
Vedi l’insegna di Prada
Ma senti una voce amara
Che ti dice “Zara”
Quando nell’autosalone
Scusi un’informazione?
Quel Porche nero c’è anche a chilometro zero?
Quando ti senti prigioniero nel tuo quartiere galera
Perché vivi a tre chilometri da Brera
E lì la sera
Guardavo la ringhiera
Stavolta m’impicco
Ahhh..
(Senti dolore?) No…
Sento ancora il dolore di quando ero
Poco ricco
Sai ci penso quando attracco con il mio caicco
Mamma mia com’ero poco ricco
Quando scendo do la mancia allo sceicco
Min*hia zio com’ero poco ricco
Quando compro i croccanti del mio cane Bracco
(Da chi li hai comprati?)
Da Cracco!
Uno glielo scrocco
Per rispetto di mia madre
Devastata dopo yoga alla mattina
Dentro casa una sola filippina
Dolce botulina
Adesso nei 44 in fila
Col resto di due e il permesso a Manila
Eri con mio padre con le put*ane in viale Monza
Quelle a 20 euro, basse, con la panza
Adesso ho un padre eccezionale
Va a put*ane dentro il Bosco Verticale
E lì ci ho preso un trilocale
Ci vado a meditare
E dal terrazzo dietro corso Como vedo il Duomo
Lo compro io!
Si può sfrattare dio?
E lì il morale cade a picco
Ahhh..
(Dolore?)No, no, no, no, no..
Il cash non mi ha cambiato
Sono ancora
(Questa vinceva il Festival, questa!)
Poco ricco
Poco ricco
Poco ricco
E c’ho le ragadi
È dedicata a voi
A tutti i poco ricchi del mondo!
Alle aliquote al 20!
Ai bonus facciata lissù!
A quelli che con una macchina indietro pago la maxi rata
Ai conduttori di programmi serali che fanno le televendite!
Buon Pnrr a tutti!
Ciao!
Ragadiii
Ragadiii
(Poco ricco)
(Poco ricco)
(Poco ricco)

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 03/02/2022 00:21
Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965