Attivisti di Greenpeace tentano l'assalto al teatro Ariston poco prima dello show

Attivisti di Greenpeace tentano l’assalto al teatro Ariston poco prima dello show

Daniela Vitello

Attivisti di Greenpeace tentano l’assalto al teatro Ariston poco prima dello show

| 04/02/2022
Attivisti di Greenpeace tentano l’assalto al teatro Ariston poco prima dello show

2' DI LETTURA

Il loro obiettivo era quello di raggiungere il palco

  • E’ accaduto a pochi minuti dall’inizio della terza serata del Festival
  • L’azione dimostrativa sventata dalla polizia: 10 le persone fermate
  • Il comunicato di Greenpeace: “Protesta pacifica contro Eni”

Attimi concitati ieri sera, fuori dal teatro Ariston, poco prima dell’inizio della terza serata del “Festival di Sanremo”. Alcuni attivisti di Greenpeace hanno tentato di fare irruzione all’interno del teatro dopo aver inscenato una protesta all’esterno. L’obiettivo finale di questa azione dimostrativa sventata per tempo dalla polizia era quello di raggiungere il palco.

Amadeus (Foto da video)

Fermati 10 attivisti, 4 uomini e 6 donne

Gli agenti hanno fermato, identificato e condotto in commissariato 10 attivisti, 4 uomini e 6 donne di età compresa tra i 26 e i 44 anni, provenienti da diverse città italiane (Bologna, Roma, Biella, Venezia, Torino, Como, Bitonto, Latina, Livorno e Salerno). Dai controlli è emerso che hanno tutti precedenti per manifestazioni non autorizzate. I fermati sono stati segnalati all’autorità giudiziaria per danneggiamento, getto pericoloso di cosa, resistenza passiva e saranno oggetto di allontanamento con foglio di via obbligatorio.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Il teatro Ariston (Foto da video)

Hanno scavalcato le transenne del green carpet

Prima di essere bloccati, gli attivisti hanno scavalcato le transenne del green carpet, mostrato uno striscione con la scritta: “ENI green? Se la suona e se la canta!” e verniciato di nero petrolio un cartellone pubblicitario di ENI/Plenitude. Nel frattempo, da un balcone che sovrasta l’ingresso del teatro Ariston sono stati esposti altri due striscioni con le scritte: “Basta pubblicità di aziende inquinanti” e “ENI inquina anche la musica!”. Al vaglio la posizione del proprietario dell’immobile che ha messo a disposizione la propria abitazione agli attivisti.

GUARDA IL VIDEO

La protesta di Greenpeace davanti al teatro Ariston

Il comunicato: “Protesta pacifica”

L’azione, secondo un comunicato apparso sul loro sito, era finalizzata a “denunciare l’operazione di greenwashing di ENI, tra i principali sponsor della kermesse musicale, il colosso italiano del gas e del petrolio che sta sfruttando la vetrina di Sanremo per rifarsi un’immagine di azienda attenta all’ambiente che non corrisponde affatto alla realtà. Abbiamo deciso di entrare pacificamente sul green carpet voluto da ENI per promuovere il lancio di Plenitude”.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 04/02/2022 13:24
Copyright © 2023

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965