L'inviato de "La Vita in Diretta" entra a casa di Nicola: "Ho visto come vivono"

L’inviato de “La Vita in Diretta” entra a casa di Nicola: “Ho visto come vivono”

Daniela Vitello

L’inviato de “La Vita in Diretta” entra a casa di Nicola: “Ho visto come vivono”

| 25/06/2021
L’inviato de “La Vita in Diretta” entra a casa di Nicola: “Ho visto come vivono”

Il racconto di Giuseppe Di Tommaso a “Storie Italiane”

  • Il giornalista che ha trovato Nicola dice: “Non sono genitore ma mi sono sentito suo padre”
  • Di Tommaso “assolve” i genitori del bambino: “Ho visto tanto amore da parte loro”
  • Cosa ha visto a casa loro: “Non mi sarei mai aspettato di trovare una situazione così nel 2021”

Oggi dopo 10 mesi di “Storie Italiane”, Eleonora Daniele ha salutato i telespettatori rimandando l’appuntamento a settembre. Nel corso dell’ultima puntata stagionale, la conduttrice veneta ha dato la parola a Giuseppe Di Tommaso, l’inviato de “La Vita in Diretta” che si è ritrovato “eroe per caso”. Grazie alla prontezza e alla perspicacia del giornalista, la storia del piccolo Nicola Tanturli ha avuto un lieto fine. Leonardo Tanturli, padre del bambino rimasto lontano da casa per oltre 30 ore, ha voluto ringraziare personalmente Di Tommaso e ha invitato l’inviato a tornare a Palazzuolo sul Senio quando il figlio sarà grande perché se Nicola è tornato sano e salvo a casa è solo merito suo.

Eleonora Daniele (Foto da video)

“Ho sentito l’esigenza di fermarmi proprio in quel punto”

“Non penso di aver fatto qualcosa di straordinario, se non rendermi utile, mettere da parte il mio lavoro e cercare di salvare una vita – ha raccontato Giuseppe Di Tommaso a Eleonora Daniele – Ho soltanto fatto questo. Dovevo fermarmi in quel punto, avevo bisogno di stare da solo e l’ho trovato. Non riesco a darmi una risposta perché ho sentito l’esigenza di fermarmi proprio lì. E’ qualcosa che non si può spiegare”.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News
SEGUICI

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

“Non sono genitore ma mi sono sentito padre di quel bambino”

“Vedere quella mamma che abbracciava il bambino che davano per spacciato quando sono arrivato è stata un’emozione incredibile – ha aggiunto – Vedere il bambino che dalla macchina mi mandava i bacini è stato qualcosa di straordinario. Io non sono genitore, ma in un certo senso mi sono sentito padre di quel bambino come tutti i volontari, le forze dell’ordine, gli altri giornalisti che stavano lì per raccontare e portare a casa il piccolo Nicola”.

Leonardo Tanturli, padre del piccolo Nicola, con Giuseppe Di Tommaso (Foto da video)

“Ho visto tanto amore da parte dei genitori”

L’inviato de “La Vita in Diretta” ha detto la sua anche sui genitori di Nicola, messi alla gogna sui social. “Ho visto tanto amore intorno a lui – ha raccontato il giornalista – Io ho trovato dei genitori che dopo la disperazione hanno trovato la serenità e la consapevolezza di avere il loro bambino dentro casa. Sono stato con loro un po’ di tempo senza telecamere e ho visto soltanto amore e il desiderio di porre fine a questa pagina della loro vita. E’ una famiglia che ha attraversato delle ore terribili e che ha desiderato con tutta la forza di poter riavere il figlio”. 

Eleonora Daniele (Foto da video)

“Vivono senza luce, gas e tecnologia”

Infine, Giuseppe Di Tommaso ha così descritto il contesto in cui vive la famiglia di Nicola: “Siamo entrati in casa, abbiamo visto come vivono e tutti i dubbi svaniscono. È un modo di vivere davvero molto particolare, io non mi sarei mai aspettato di trovare una situazione del genere nel 2021. Stanno senza corrente elettrica, senza gas. Non ci sono i cellulari, non c’è linea, non esiste nessuna forma di tecnologia. Vivono con quello che coltivano e ci sono gli animali. Sembra di essere tornati indietro nel tempo”.

L’inviato de ‘La vita in diretta’ Giuseppe Di Tommaso (Foto da video)

Eleonora Daniele: “Adesso facciano più attenzione”

“L’unica cosa che mi sento di dire, al di là della libera scelta di ognuno, è che i bambini vanno sempre tutelati – ha concluso Eleonora Daniele – Se è successa questa cosa devono fare più attenzione perché il bambino non è stato solo messo a serio rischio ma il bambino menomale che l’hai trovato tu perché potrebbe esserci stato un epilogo molto diverso. E’ bellissimo vivere in mezzo alla natura ma un bambino di 21 mesi non può conoscere quelli che sono i veri pericoli”.

Copyright © 2021

livesicilia.it

P.I. 05808650823