Denise Pipitone, Piera Maggio a “Chi l’ha visto?”: “Ho subito stalking da Jessica Pulizzi”

Daniela Vitello

Denise Pipitone, Piera Maggio a “Chi l’ha visto?”: “Ho subito stalking da Jessica Pulizzi”

| 15/04/2021
Denise Pipitone, Piera Maggio a “Chi l’ha visto?”: “Ho subito stalking da Jessica Pulizzi”

Ieri sera Piera Maggio, madre di Denise Pipitone scomparsa da Mazara del Vallo nel 2004 e mai più ritrovata, è intervenuta in diretta a “Chi l’ha visto?”. Qualche giorno fa, a “Ore 14”, trasmissione condotta da Milo Infante su Rai2, il pm Maria Angioni aveva dichiarato che una delle intercettazioni andrebbe riesaminata. A Federica Sciarelli, Piera Maggio ha ribadito la sua convinzione che ci siano dei buchi neri nell’inchiesta sul sequestro di sua figlia.

Federica Sciarelli (Foto da video)

Piera Maggio: “Ci sono state persone che non hanno favorito le indagini”

“Noi vogliamo verità e giustizia – ha esordito - Non abbiamo mai perso la speranza di riabbracciare Denise, è sempre viva ed è con noi. Di recente sono emerse dalla bocca di un pm che ha lavorato sin dalla scomparsa di Denise quelle incongruenze, quelle anomalie che io ho sempre gridato in questi anni. Io avrei tanto da dire su alcune cose. Sin da subito abbiamo notato che c’era qualcosa che non andava”.

Google News
Ricevi le nostre ultime notizie da Google News
SEGUICI

“In questo momento non voglio colpevolizzare nessuno – ha aggiunto - però sicuramente nell’indagine su Denise ci sono state delle persone che hanno messo anima e cuore per trovare mia figlia, altre che magari non erano competenti nell’affrontare il caso del sequestro di una bambina e altre che in quell’indagine non dovevano stare perché anziché aiutare non favorivano le indagini. Voglio precisare questo perché non si dica che tutti sono stati coloro che hanno depistato o non hanno aiutato”.

Denise Pipitone
Piera Maggio con la figlia Denise (Foto da video)

L’avvocato Frazzitta: “Qualcuno delle forze dell’ordine di quell’epoca parli”

“Nel caso Cucchi a un certo punto – è intervenuto il suo legale Giacomo Frazzitta - qualcuno delle forze dell’ordine, dopo anni di lotte, ha deciso di vuotare il sacco. Per Denise sono passati 17 anni. Perché qualcuno delle forze dell’ordine di quell’epoca, oggi magari in pensione, non ci racconta come sono andati i fatti visto che un pubblico ministero e il procuratore che curava le indagini sono stati traditi nell’esercizio delle loro funzioni?”.

Giacomo Frazzitta (Foto da video)

Piera Maggio su Olesya: “Su questa storia voglio mettere un punto”

Piera Maggio ha commentato anche la vicenda di Olesya Rostova, il cui gruppo sanguigno non combacia con quello della piccola Denise. “Su questa storia voglio mettere un punto – ha detto - Questa verifica andava fatta senza remore. Ovviamente il metodo che i russi pretendevano non era sicuramente un metodo che io avrei accettato. Loro il Dna di Olesya ce l’avevano ma non ce la passavano se io non andavo in quella trasmissione a fare quel teatrino. Cosa che non avrei mai potuto fare. Non mi sarei mai prestata a questo".

"L’unico metodo per accelerare i tempi è stato chiedere il gruppo sanguigno - ha spiegato - Se poi questa ragazza ci sta marciando sopra, a noi poco importa. A me interessava sapere se era mia figlia oppure no. E’ stato dato tutto in mano alla Procura e loro decideranno se procedere al Dna o meno. Un’altra cosa: non c’è stato nessun embargo. Io l’ho saputo nell’immediatezza che il gruppo sanguigno era stato dato al mio legale. Quindi non ho atteso nessun embargo”.

Denise Pipitone
Denise Pipitone (Foto da video)

Jessica Pulizzi assolta per il rapimento della sorella

In un servizio mandato in onda da Federica Sciarelli, si torna a parlare di Jessica Pulizzi, inizialmente sospettata di essere coinvolta nel sequestro della sorellastra. Denise non ha nemmeno 4 anni quando scompare e non sa di essere causa di un rancore profondo. Un rancore che sua sorella Jessica, figlia dello stesso padre Piero Pulizzi, ma non della stessa madre, nei confronti di Piera Maggio. Questo nonostante la relazione tra i suoi genitori, Anna Corona e Piero Pulizzi (oggi legato a Piera Maggio, ndr.), fosse finita tempo prima. L’unica certezza processuale è che a rapire Denise non è stata la sua sorellastra. Indagata e poi processata, Jessica è stata assolta in tre gradi di giudizio: “Pur in presenza di un valido movente, il quadro istruttorio deve considerarsi altamente insufficiente a dimostrare la colpevolezza dell’imputata sulla base della regola probatoria dell’ ‘oltre ogni ragionevole dubbio’ “.

Denise Pipitone
Piera Maggio (Foto da video)

Questo nonostante Piera confidi subito a chi sta indagando che Jessica ce l’ha con lei e che la piccola Denise è un suo pensiero fisso. Messa sotto intercettazione, undici giorni dopo il rapimento della piccola, all’interno del commissariato di Mazara del Vallo, Jessica dice a sua madre: “Sorella una sola ne ho (oltre a Jessica, Piero Pulizzi ha un’altra figlia insieme ad Anna Corona). Quando ero con Alice…a casa gliel’ho portata”. Per i giudici questa frase non ha valore di una confessione e infatti Jessica è stata assolta dall’accusa di rapimento.

Piera Maggio e Piero Pulizzi (Foto da video)

Piera Maggio: “Jessica mi ha squartato tutte e quattro le ruote della macchina”

Ieri sera, a “Chi l’ha visto?”, Piera Maggio ha raccontato di essere stata perseguitata da Jessica Pulizzi prima della scomparsa di Denise: “Quello che oggi viene definito stalking, io l’ho subito. Allora non era un reato. L’ho subito prima del sequestro di Denise. Ho dichiarato ed è messo agli atti che Jessica Pulizzi era solita passare dalla strada da dove è scomparsa Denise quotidianamente, ogni giorno, più volte al giorno. Anna Corona ha più volte incontrato mio padre e anche alcuni miei parenti ai quali ha detto che me l’avrebbe fatta pagare. Poi è successo che Jessica Pulizzi mi ha squartato tutte e quattro le ruote della macchina. Inoltre c’è stato un incendio in una erboristeria appartenente a mia sorella e i colpevoli non sono stati trovati. Quindi ci sono state una serie di vessazioni. Quando è stata sequestrata Denise, io lo dissi immediatamente ai due marescialli indirizzandoli ad andare a casa di Anna Corona. Per me, nell’immediatezza, non potevano essere che loro. E da lì poi è successo tutto quello che è successo”.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

GUARDA LA PUNTATA DI “CHI L’HA VISTO?”

LEGGI ANCHE: “Pomeriggio Cinque”, il legale di Piera Maggio abbandona la diretta: “Ho fatto male a venire”

COMMENTA

Copyright © 2021

livesicilia.it

P.I. 05808650823