Viaggio a Copenaghen | tra filosofia verde e design - Perizona Magazine

Viaggio a Copenaghen | tra filosofia verde e design

Rosalia Bonfardino

Viaggio a Copenaghen | tra filosofia verde e design

| 08/03/2013
Viaggio a Copenaghen | tra filosofia verde e design

4' DI LETTURA

Innovativa ma ancorata alle tradizioni, ricca di design ultra moderno ma anche di palazzi antichi: Copenaghen è una città dal doppio volto. Sorta all’insegna della green philosophy e stimata come la prima città al mondo a emissioni zero entro il 2025, la capitale danese è considerata una delle città più vivibili al mondo. Nominata “Migliore Città di design a livello mondiale”, si presenta come un vero e proprio museo all’aperto vibrante di vita, tra splendidi musei, gallerie d’arte, edifici storici, festival, locali e grandi giardini.

Situata sulle isole Sjælland e di Amager, Copenaghen è la città più popolosa della Danimarca. Profondamente legata alle sue radici vichinghe, la città presenta, però, caratteristiche che la rendono vivace e capace di soddisfare tutti i gusti. Suddivisa in quattro quartieri (Nyhavn, Vesterbro, Nørrebro e Østerbro), Copenaghen presenta un perimetro non ben definito.

Tra lunghe passeggiate nella strada pedonale Stroget, vivace vita notturna, numerosi eventi e festival, ottima gastronomia e Tivoli, il terzo parco di divertimento più visitato al mondo, non c’è mai tempo per annoiarsi nella magica Copenaghen. Grazie a una vasta rete di autostrade e strade pubbliche, agli S-tog, rete ferrioviaria della città e a metropolitana e autobus, spostarsi in città è davvero semplice. Questo permetterà ai turisti di non perdere nessuna delle sorprese che Copenaghen nasconde.

Adagiata su uno scoglio, appare annoiata e nostalgica la Sirenetta, scultura bronzea alta 1,25 m, che rappresenta la più celebre attrazione turista della capitale danese. Commissionata dal mecenate Carl Jacobs allo scultore Eriksen, la sirenetta richiama la favola scritta da Hans Christian Andersen. Eppure non a tutti piace la piccola Sirenetta che per ben due volte, nel 1964 e nel 1998 su decapitata da ignoti.

Privo di torri e guglie è Amalienborg, il castello reale, residenza invernale della regina e sede del balcone da cui la famiglia reale si affacciava per salutare la gente per strada. Tra i più importanti castelli rinascimentali del Nord Europa, vi è senza dubbio Castello di Kronborg a Elsinore. Visitato ogni anno da circa 200.000 persone. Celebre perchè Shakespeare vi ambientò il dramma l’Amleto, è dal 2000 Patrimonio dell’Unesco.

Non mancano, poi, musei e gallerie all’interno della capitale danese. Nucleo originario dello Statens Museum for Kunst, la Galleria d’arte moderna, sono le collezioni reali. In tempi moderni, però, la collezioni si è ampliata grazie a donazioni e lasciti. Tra queste la collezione di Johannes Rump. ricca di dipinti francesi del XIX secolo. Con circa 9.000 pezzi di pittura e scultura, 300.000 lavori su carta e di una gipsoteca con più di 2.600 calchi, Il museo vanta opere di Picasso, Matisse, Braque e sculture di Tiziano, Rubens e Tintoretto. Centro di conservazione dedicato alla storia della civiltà della Danimarca, il Museo Nazionale danese è un palazzo rococò edificato nel 1743-44 e mostra reperti dalla preistoria fino all’anno 1000. Il museo d’arte più visitato della Danimarca è, però, il Louisiana Museum of Modern Art, con la sua ricca collezione d’arte moderna e contemporanea, sintesi armonica di architettura, opere artistiche e paesaggio.

Per ciò che riguarda l’architettura religiosa, disegnata dall’architetto Christian Frederik Hansen in stile neoclassico, la Cattedrale di Nostra Signora costituisce il principale luogo di culto luterano della città. Progettata da Nicolai Eigtved, la Marmokirken, la Chiesa Mrmorea, ha la più grande cupola di tutta la Scandinaria, con un diametro di 31 metri.

Mentre molto più ricca è la città dal punto di vista dell’architettura civile: dal Christiansborg, sede del Parlamento, della Corte Suprema e degli uffici del Governo, alla Christiania, quartiere autogovernato della città di Copenaghen, dal Municipio, edificio in stile neorinascimentale in cui vengono accolti i capi di Stato in visita, al Kastellet, antica fortificazione militare, con casette rosse dai tetti spioventi. Tra i più moderni teatri del mondo, vi è invece il Teatro dell’Opera di Copenaghen. Va, poi, ricordata, la Torre Circolare, il più antico osservatorio in funzione in Europa, da cui le stelle sono osservate e studiate sin dal 1642.

Densa di eventi, i turisti che si recano a Copenaghen in estate potranno assistere al Copenaghen Jazz Festival, evento annuale che si è sviluppato quando un elevato numero di jazzisti come Ernie Wilkins, Bob Rockwell, Ben Webster e Thad Jones andarono a vivere a Copenaghen. Tra piccole imbarcazioni e Deamon, vertiginose montagne russe, Tivoli è il più antico parco di divertimenti del mondo. I Giardini di Tivoli sono, certamente, luogo d’incontro per la gente del posto e attraggono ogni giorno centinaia di turisti. Per ciò che riguarda l’aspetto culinario, la città detiene il primo miglior ristorante del mondo, a detta della rivista Restaurant. Si tratta del Noma che con le sue 11 stelle è in rado di soddisfare anche i palati più sopraffini.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 08/03/2013 11:09
Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965