Justine Mattera: “Le donne che mi criticano per le foto osé sui social? Hanno qualche frustrazione”

Daniela Vitello

Justine Mattera: “Le donne che mi criticano per le foto osé sui social? Hanno qualche frustrazione”

| 15/01/2021

Durante un intervento al programma radiofonico “I Lunatici”, Justine Mattera racconta la sua passione per lo sport e parla del suo rapporto con i social dove è solita condividere scatti provocanti e osé per i quali viene spesso attaccata.

“A puntare il dito sono di più le donne – racconta – Di solito fanno certi commenti perché hanno qualche frustrazione dentro. Come faccio io, possono fare tutti. Non faccio del male a nessuno. Tendo a pensare che le persone che criticano hanno qualche frustrazione loro, io provo a capirle, ma non ci riesco. Io ho sempre usato il mio corpo, magari ti puoi anche rimettere in gioco, facendo tanto sport, mi permetto anche di far vedere il mio corpo, che alla mia età è abbastanza in buone condizioni. Non voglio competere con le ventenni, quando me lo scrivono rido, io voglio semplicemente vivere bene con la mia età, ed è possibile farlo, con costanza e volontà. Perché deve essere attaccata una donna che mette delle foto un po’ attraenti sul proprio profilo Instagram? Ormai andando avanti sono arrivata a un momento in cui riesco a difendermi bene. Non stiamo parlando di volgarità, non capisco perché e a chi possano dare fastidio le mie foto. Una foto è come l’arte, può anche farti ragionare su qualcosa. Proposte strane sui social? La gente vuole sempre comprarti le calze o le scarpe”.

“Essere giudicati sull’apparenza per chi ha un certo aspetto è inevitabile, purtroppo. Io mi sono resa conto di essere attraente a 16 anni – aggiunge – Prima ero una secchiona, avevo tutti i capelli rasati, erano gli anni ’80, pensavo solo alla scuola, la vedevo come l’unico modo per fuggire dalla mia piccola realtà. Ho vinto borse di studio, per andare a studiare nei posti migliori degli Stati Uniti. Poi a 16 anni sono andata in viaggio a studiare biologia marina in Florida, nel posto in cui studiavo c’erano tante ragazze bellissime, sono tornata da lì cambiata, ho fatto crescere i capelli e ho iniziato a vedermi bella, non avevo mai pensato all’estetica, ma sempre allo studio e alla testa. Mi sono detta che avrei potuto essere una studiosa ma anche attraente. Si può essere tutte e due le cose. Molto spesso la gente vede una bionda, americana, con l’accento, e allora pensa che tu sia una idiota ignorante. Ma forse anche questo pregiudizio è stato una opportunità. Sono sempre stata la rivelazione, mai una delusione. La somiglianza con Marylin Monroe? Ce l’avevo già al liceo, nel mio ultimo anno al liceo mi vestii da Marylin. Poi Paolo Limiti ebbe l’idea di farmi fare la sosia in televisione, il mio era un omaggio, credo divertente”.

CLICCA QUI E SEGUICI SU INSTAGRAM

Copyright © 2021

livesicilia.it

P.I. 05808650823