Il dramma di Ela Weber: "Dopo il successo sono crollata. Ho sofferto e sono rinata" - Perizona Magazine

Il dramma di Ela Weber: “Dopo il successo sono crollata. Ho sofferto e sono rinata”

Daniela Vitello

Il dramma di Ela Weber: “Dopo il successo sono crollata. Ho sofferto e sono rinata”

| 23/03/2018

Che fine ha fatto Ela Weber? L’ex “Sellerona” di “Tira & Molla”, il programma condotto negli anni ’90 da Paolo […]

Che fine ha fatto Ela Weber? L’ex “Sellerona” di “Tira & Molla”, il programma condotto negli anni ’90 da Paolo Bonolis cui deve la popolarità, è scomparsa da anni dalla tv. L’ex showgirl tedesca è stata letteralmente travolta dal successo e dopo anni vissuti intensamente è crollata. Ospite de “La Vita in Diretta”, Ela Weber racconta di aver attraversato un periodo buio che l’ha portata a trasferirsi in campagna per vivere a contatto con la natura e gli animali.

“Ho passato un periodo non bello – spiega a Francesca Fialdini – Nel 2004 ho lasciato Roma e mi sono trasferita in campagna. In città soffrivo di attacchi di panico. Avevo voglia di ritirarmi e stare a contatto con la natura. Il successo mi ha travolto. Non ero io. Ero il fenomeno. Nessuno conosceva veramente Manuela, tutti conoscevano Ela … Quella che vedevate era una finzione e solo una parte di me. Come quando andate in vacanza per una settimana e potete essere quello che volete. Però la mia vacanza è durata troppo. Il successo è diventato sempre più grande e non avevo neanche il tempo materiale per elaborarlo. Pensavo di rimanere in Italia per tre mesi, sono ancora qua. Ma non potevo essere solo Ela, dovevo essere anche Manuela a un certo punto. A un certo punto la mia vera me è crollata. Non potevo essere più Ela”.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News
SEGUICI

“Mia sorella in Germania aveva una carriera ma ha lasciato tutto e si è trasferita per due anni con me in Italia – prosegue – Ero arrivata a un punto dove non potevo decidere più cosa volevo e cosa no. Non ero in grado, stavo troppo male. E allora lei è venuta con me, finché io non mi sono rimessa in sesto. Vogliamo dare un nome a quello che è successo? Depressione. E’ una malattia, non è un’influenza che si può curare con un medicinale. Non esiste una cura per espellere il male che si ha dentro. Se ne può uscire solo grazie alle persone che ti stanno vicino e riescono a sopportarti. E’ come una lunga notte che non finisce mai. Poi ho ricominciato a ridere e mi sono detta ‘ce l’ho fatta’ a uscire dal guscio. Un messaggio alle persone a casa: non buttate via la vostra vita per un momento di tristezza perchè se ne esce”.

L’ex “Sellerona” parla della vita in campagna a contatto con i suoi amati cavalli: “Sono rinata. C’è la famosa ippoterapia. Qualunque problema tu abbia, basta passare una giornata a cavallo in mezzo alla natura per stare molto meglio. Ve lo assicuro. Il cavallo è un toccasana. Stando sulla sua schiena, passa ogni ansia”.

Quindi rievoca l’incontro con il marito: “Mi ero sempre accompagnata a uomini molto deboli, molto giovani perchè non mi creavano problemi, potevo fare il mio lavoro, non avevano la testa per tenermi testa. Quindi non sapevo cosa voleva dire stare con un uomo, con una persona vera con due spalle così. Quando l’ho conosciuto, gli ho reso la vita difficile per un po’ di tempo. L’ho messo alla prova. Non ero abituata ad un uomo che mi teneva testa. Lui è riuscito a fare breccia, a farsi capire. E non è scappato nonostante io abbia fatto di tutto per farlo scappare. Lui rimaneva lì e lì ho conosciuto il vero amore, quello dove ti affidi e ammetti le tue debolezze, nel bene e nel male. Fino a quel momento avevo vissuto le persone nel bene, nel male non avevo mai fatto avvicinare nessuno”.

GUARDA IL VIDEO (dal minuto 00:04:47)

Copyright © 2021

livesicilia.it

P.I. 05808650823