“The Voice”, i primi verdetti: la palermitana rischia ma prosegue la sua corsa - Perizona Magazine

“The Voice”, i primi verdetti: la palermitana rischia ma prosegue la sua corsa

Daniela Vitello

“The Voice”, i primi verdetti: la palermitana rischia ma prosegue la sua corsa

| 30/04/2015

Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. La terza edizione di “The Voice of Italy” entra nella fase clou, quella dei Live Show. Ciascun coach ha cinque concorrenti che si giocano il tutto per tutto per restare in gara. Quinto giudice, a partire da ieri sera, è il pubblico che esprime la propria preferenza attraverso il televoto salvando tre concorrenti su cinque.

Il team “Fiori d’acciaio” di Noemi perde Dany Petrarulo, 29enne pugliese con una storia particolare: nato donna, ha iniziato un percorso di transizione che lo porterà a realizzare il suo sogno: diventare Daniel. Promossi il 17enne Thomas Cheval; Marianè, la concorrente ripescata da Noemi con lo steal durante le Battle: per lei coach Pelù sta ancora “mangiandosi le mani”; Andrea Orchi che, parafrasando Noemi, sembra “un gangster in un bar di New Orleans” con la sua versione di “Billie Jean”; Keeniatta, definita dal Diablo “il diamante nero di The Voice”, fa sciogliere la sua coach che di lei dice: “E’ una vera diva, ha lo show nel sangue”.

I due Facchinetti rimandano a Cosenza la 17enne Alessia Labate. Proseguono invece la loro corsa l’artista di strada Fabio Curto, la cantautrice 19enne Chiara Dello Iacovo, il rapper AJ Summers e l’ex concorrente di “Amici” Sarah Jane Olog. “Qualunque cosa succeda, con o senza la Universal, produrremo un album a tutti e 5 i concorrenti”, dichiarano Roby e Francesco prima del verdetto.

L’esibizione dei “Loser 2.0” capitanati da J-Ax è preceduta dall’apparizione in studio di Ines, la mamma del rapper. Salutata Tekla, rea di aver dimenticato una parola durante la sua interpretazione di “Magnifico”, i restanti quattro “loser” continuano la loro avventura a “The Voice”: la fresca 18enne Carola Campagna che ha spaccato con la hit di “Frozen”; Maurizio Di Cesare, “voce killer” del talent di Rai Due, con un brano dei Maroon 5; il gettonatissimo Lele con una canzone di James Bay; Sara Vita Felline, la salentina ripescata alle Battle con lo steal che graffia con la sua versione da educanda di “Kobra” della Rettore.

L’ultima squadra ad esibirsi è quella di Piero Pelù. Il televoto premia Roberta Carrese e la sua chitarra per l’interpretazione magistrale di un classico di Fabrizio De André; Ira Green, l’anima rock che – citando il suo coach – “quando canta tutto il mondo si ferma”; Marco De Vincentiis, ovvero colui che secondo il Diablo ha fatto più progressi.

Coach Pelù deve scegliere tra Tommaso Gregianin e Alessandra Salerno. Il primo, un attimo prima, lo aveva colpito facendolo gongolare: “C’era più testosterone in questa esibizione che in tutti i film di Rocco Siffredi”. Per la “Fata Morgana” palermitana, che propone “Diamante” di Zucchero dedicandola alla nonna sicula, il coach nutre un amore viscerale. Prima della performance la presenta così: “Ipnotica alle Blind, alle Battle ha dimostrato di essere una vera cavalla di razza, sembra così fragile ma poi tira fuori il cannone della donna siciliana e lì non ce n’è per nessuno”.

Con la sua voce, con la sua magia ogni volta che canta ci fa viaggiare. Hai un mondo dentro ancora da scoprire, ti auguro tutte le cose più belle che ti meriti”, aggiunge a margine dell’apparizione sul palco di “The Voice”. Alla fine, il Diablo sceglie di portare avanti proprio la rossa palermitana, ovvero la “voce che ha dimostrato di avere più personalità e più sfumature”. Prima di provare l’emozione del verdetto dei Live Show, la soul singer sicula si era presentata con questa parole: “La musica è la mia anima e io mi sento musica”.

Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965