Assegnati i "bidoncini del trash", il Moige "massacra" Mediaset

Assegnati i “bidoncini del trash”, il Moige “massacra” Mediaset

Daniela Vitello

Assegnati i “bidoncini del trash”, il Moige “massacra” Mediaset

| 16/08/2021
Assegnati i “bidoncini del trash”, il Moige “massacra” Mediaset

3' DI LETTURA

I programmi da sconsigliare al pubblico vanno in onda sulle reti del Biscione

  • Il Moige esamina il meglio e il peggio della tv
  • L’obiettivo è migliorare l’offerta televisiva
  • Ecco a chi sono andati i “bidoncini del trash”

Si intitola “Un anno di zapping” ed è la guida critica ai programmi tv e web attraverso la quale, ogni anno, il Moige esamina l’offerta televisiva italiana mettendone in luce pregi e difetti con lo scopo di valorizzare e premiare la tv di qualità e migliorare il panorama televisivo attuale.

La maggior parte delle trasmissioni sconsigliate al pubblico dal Movimento Italiano Genitori vanno in onda sulle reti Mediaset. Ad aggiudicarsi i cosiddetti “bidoncini del trash” per la stagione 2020/2021 sono “L’Isola dei Famosi”, il “Grande Fratello Vip”, “Dritto e Rovescio” e “Temptation Island”.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

L’Isola dei Famosi 2021 (Canale 5)

“Tra i concorrenti in gioco comici, attori, influencer e parenti famosi: una sfilata di personaggi e stereotipi che non aggiungono purtroppo nulla di nuovo a un programma che forse (e già da tanto) non ha più niente da dare. Semplicemente troppe le parole e i ragionamenti tra i naufraghi che certe volte sembrano quasi i protagonisti di una fiction più che di un reality, sovrapponendo anche i toni (…) Troppe le parole anche in studio e quasi sempre tendenti al doppio senso o alla battuta facile con gli interventi degli opinionisti Iva Zanicchi, Tommaso Zorzi ed Elettra Lamborghini, quest’ultimi due spesso e volentieri fuori luogo”.

Ilary Blasi (Foto da video)

Grande Fratello VIP 5 (Canale 5)

“Si è andati dalle espulsioni per bestemmia a quelle per frasi razziste, passando per il bodyshaming e accuse pesanti nei confronti di persone esterne al reality con probabili conseguenze legali. Ancor più grave è che questi ‘orrori’ siano stati compiuti da persone esperte del mezzo televisivo, e addirittura da un’opinionista che ha abusato del suo ruolo (…) Costante è che molte sorprese fossero finalizzate a creare discussioni e, di conseguenza, innalzare gli ascolti. Ciò che ha lasciato veramente senza parole è stata la decisione di spiattellare in prima serata fatti molto privati, spesso legati a scelte e percorsi personali dolorosi, che avrebbero potuto essere resi pubblici gradualmente e non in modo così immediato come invece è avvenuto. La tendenza a serializzare questioni delicate, come accaduto a più di un concorrente, è forse l’aspetto più riprovevole di un programma che ogni anno peggiora sempre di più”.

Tommaso Zorzi, Stefania Orlando, Andrea Zelletta, Dayane Mello e Pierpaolo Pretelli (Foto da video)

Temptation Island 2020 (Canale 5)

“L’unica novità della trasmissione è che la conduzione è affidata ad Alessia Marcuzzi. Le note positive terminano qui (…)  Sin dalla prima puntata si sono verificati episodi mai avvenuti in passato: fidanzate che dopo 16 anni sentono il loro compagno ammettere un tradimento di fronte a degli sconosciuti, insulti reciproci e focosi corpo a corpo. In un’escalation di parolacce (il puntuale bip non può bastare) e minacce a distanza, il fondo si è toccato quando una delle fidanzate ha ‘assistito’ al tradimento del suo uomo. A peggiorare la situazione, ci sono stati diversi discorsi maschilisti, da padre-padrone, pronunciati in più di una circostanza dai fidanzati presenti nel villaggio, che convinti delle loro idee ci scherzavano anche sopra. A chiusura del cerchio, i tradizionali episodi trash e l’immancabile esaltazione di corpi maschili e femminili”.

Alessia Marcuzzi (Foto Instagram)

Dritto e Rovescio (Rete 4)

“Dibattiti accesi, urla, polemiche e il conduttore a interpretare il ruolo di comandante (…) Spesso e volentieri i telespettatori assistono a discussioni tra gli ospiti che non solo si accavallano, ma a volte si insultano: clima rappresentato perfettamente dall’episodio accaduto il 29 ottobre, quando il giornalista Gaetano Pedullà è quasi arrivato allo scontro fisico col giornalista Belpietro, accusandolo poi di bullismo. A lasciare stupefatti è stato l’aver tirato in ballo, con superficialità, un’emergenza sociale molto delicata, e anche il mancato intervento del conduttore il quale, invece di condannare l’accaduto, si è soltanto preoccupato di imprecare contro la regia che non aveva chiuso i microfoni. Non un caso isolato per Paolo Del Debbio, che ha il brutto vizio di riprendere in diretta e a brutto muso i suoi collaboratori”.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 16/08/2021 07:38
Copyright © 2023

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965