Alec Baldwin, la sceneggiatrice gli fa causa: "Il copione non prevedeva spari"

Alec Baldwin, la sceneggiatrice gli fa causa: “Il copione non prevedeva spari”

Daniela Vitello

Alec Baldwin, la sceneggiatrice gli fa causa: “Il copione non prevedeva spari”

| 19/11/2021
Alec Baldwin, la sceneggiatrice gli fa causa: “Il copione non prevedeva spari”

L’attore accusato di negligenza da due membri della troupe di “Rust”

  • Il suo comportamento viene reputato irresponsabile: “Ha giocato alla roulette russa”
  • A passargli la pistola sarebbe stata l’assistente alla regia e non la responsabile delle armi sul set
  • Dopo la morte della direttrice della fotografia, un operatore è stato morso da un ragno e ha rischiato di perdere il braccio

Guai in vista per Alec Baldwin. Lo scorso 21 ottobre, in un incidente avvenuto sul set del film “Rust” allestito nel New Mexico, era rimasta uccisa la direttrice della fotografia Halyna Hutchins (LEGGI QUI). La donna era stata colpita da un proiettile partito da una pistola impugnata proprio dall’attore che del film western è sia protagonista che produttore. L’attore era convinto che l’arma fosse caricata a salve. Il proiettile aveva ferito anche il regista Joel Souza.

Halyna Hutchins (Foto Facebook)

L’assistente alla sceneggiatura fa causa all’attore

L’assistente alla sceneggiatura Mamie Mitchell ha fatto causa a Baldwin e ai produttori della pellicola per negligenza. Secondo la donna, l’attore “ha giocato alla roulette russa” maneggiando senza alcuna precauzione l’arma da cui è partito il colpo risultato fatale alla direttrice della fotografia. La Mitchell ha definito “irresponsabile” il comportamento dell’attore che avrebbe impugnato la pistola senza controllarla e senza avere accanto la responsabile delle armi. Baldwin “ha avuto l’arma dall’assistente alla regia”, una cosa impensabile per un “veterano dell’industria del cinema come lui”. Inoltre, “nella sceneggiatura non c’era una scena in cui Baldwin o qualsiasi altra persona avrebbe dovuto sperare”.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News
SEGUICI

Alec Baldwin sul set di ‘Rust’

“Nel copione non era prevista nessuna sparatoria”

Anche “Hollywood Reporter” riporta che sul set “si era discusso che ci sarebbero state tre inquadrature ravvicinate dopo la pausa pranzo, una sugli occhi di Baldwin, una sulla macchia di sangue sulla spalla di Baldwin e una sul busto di Baldwin mentre allungava la mano verso la fondina per prendere la pistola. Da nessuna parte nel copione si diceva che l’imputato Baldwin avrebbe dovuto sparare”. 

La crew di ‘Rust’ (Dal profilo Instagram di Halyna Hutchins)

E’ la seconda denuncia contro Baldwin

A seguito della tragedia avvenuta sul set, Mamie Mitchell avrebbe riportato dei danni emotivi. Oltre ad Alec Baldwin, la causa vede imputati David Halls, l’assistente alla regia che ha consegnato la pistola all’attore, e Hannah Gutierrez Reed, responsabile delle armi sul set di “Rust”. Mamie Mitchell è il secondo membro della troupe del film a presentare una denuncia contro l’attore.  Il primo è stato il direttore delle luci Serge Svetnoy che accusa Baldwin, la produzione e l’armaiolo di “negligenza”.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Alec Baldwin (Photo credits Santa Fe New Mexican)

Un set maledetto

A distanza di alcuni giorni dalla morte di Halyna Hutchins , si era registrato un nuovo dramma. Jason Miller, un tecnico delle luci inviato al Bonanza Creek Ranch di Santa Fe per smantellare le strutture usate per le riprese, era stato morso da un ragno velenoso. Il suo braccio era andato in sepsi e aveva rischiato l’amputazione. Un pericolo, fortunatamente, scongiurato dai medici che sono riusciti a salvare l’arto. Miller, che soffre di diabete, ha raccontato di essere stato sottoposto ad un intervento chirurgico invasivo culminato con la rimozione di diversi muscoli e parte della pelle del braccio sinistro.

Copyright © 2021

livesicilia.it

P.I. 05808650823