Alfonso Signorini parla del compagno: "Insieme da 19 anni ma ognuno vive a casa sua"

Alfonso Signorini parla del compagno: “Insieme da 19 anni ma ognuno vive a casa sua”

Daniela Vitello

Alfonso Signorini parla del compagno: “Insieme da 19 anni ma ognuno vive a casa sua”

| 25/10/2021
Alfonso Signorini parla del compagno: “Insieme da 19 anni ma ognuno vive a casa sua”

L’intervista intima a “Verissimo”

  • Il conduttore del “GF Vip” svela di essere stato bullizzato da bambino
  • Poi parla del Covid e del lungo legame con Paolo Galimberti
  • “A volte litighiamo in modo furibondo e non ci sentiamo”

E’ un’intervista molto intima quella rilasciata da Alfonso Signorini a Silvia Toffanin nel salotto di “Verissimo”. Il conduttore del “Grande Fratello Vip” svela di essere stato bullizzato da bambino, parla della sua lunga storia d’amore con Paolo Galimberti e ricorda la madre morta nove anni fa alla quale era profondamente legato.

“Ho sconfitto il Covid ma è stato un incidente frontale”

Il direttore di “Chi” esordisce raccontando la sua esperienza personale con il Covid che ha contratto alla fine della quinta edizione del “GF Vip”. “Per me, come per tantissimi, il Covid è stato un incidente frontale – spiega – Durante l’interminabile edizione del Grande Fratello, eravamo controllatissimi. Vivevamo praticamente nel terrore. Ho fatto sei mesi di programma dove, grazie a Dio, non ho avuto nessun problema. L’ultima puntata, mi sono un po’ lasciato andare. C’era un clima di festa contagioso e non ho rispettato i canoni di sicurezza, anche perché gli ospiti erano tutti tamponati, anche il pubblico lo era. Fatto sta che dopo tre giorni mi sentivo a pezzi. Mi ero preso il Covid ed è stata un’esperienza molto dura”.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News
SEGUICI

Silvia Toffanin (Foto Facebook)

“Ero terrorizzato ma non mi sono fatto ricoverare”

“Ero completamente da solo e la solitudine forse faceva peggio del Covid – ricorda – I sintomi erano tutti tenuti sotto controllo ma io ero terrorizzato, specie quando veniva la sera. Non poteva avvicinarsi nessuno, avevo il gatto ma dicevo ‘se qui mi sento male, cosa faccio?’. Io non mi sono voluto ricoverare perché mi richiamava alla memoria l’ospedale dove ho vissuto una parte della mia vita, poi mia mamma quando era ricoverata. Mi fa star male, ancora non ce la faccio, purtroppo è una mia debolezza”.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Alfonso Signorini con la nipote Ilaria (Foto Facebook)

Signorini e l’amore per Paolo Galimberti

In quell’occasione, come in tante altre, Alfonso Signorini ha potuto contare sull’amore e sul sostegno del compagno Paolo Galimberti, noto imprenditore ed ex senatore ed esponente di Forza Italia. “Ci sentivamo sempre al telefono, lui voleva venire a tutti i costi e io non volevo – confida – Dato che sapeva che avevo paura del buio e della notte, mi diceva ‘stanotte vengo a dormire nel tuo garage, se hai bisogno io sono lì’. Insomma, è stata una bella cosa”.

Alfonso Signorini (Foto Facebook)

“Litighiamo furiosamente ma ci vogliamo molto bene”

“Paolo è il mio compagno da 19 anni – confessa – 19 anni di vita insieme. Sono tanti…eh! Noi ci rispettiamo molto e poi abbiamo due vite molto parallele. Siamo entrambi autonomi. Ognuno ha la sua casa, ognuno ha la sua vita, però si sente sempre il bisogno di trovarsi, di stare insieme. La qualità del tempo è quello che fa la differenza. Abbiamo due caratteri molto diversi, però ci vogliamo molto bene. Io ci sono per lui e lui per me. Abbiamo fatto molto cammino insieme, a volte litighiamo in modo furibondo, non ci sentiamo. Però io mi ricordo sempre quello che mi disse mia mamma. A lei Paolo piaceva molto. Il giorno che se ne è andata, ha chiesto alla sua badante di mettere una t-shirt che le aveva regalato Paolo quando era andato a fare una regata con la barca a vela. E se ne è andata con la sua maglietta addosso. Me lo ricorderò sempre questo particolare”.

GUARDA IL VIDEO

Silvia Toffanin (Foto Facebook)

“Vorrei rispondere alle chiamate di mia madre”

Signorini si commuove parlando della madre di cui conserva gelosamente una sciarpa: “Però purtroppo sta andando via il profumo. Quando veniva a casa mia, lei aveva la sua camera da letto che c’è ancora. Quando torno a casa a Milano, dopo la diretta del Grande Fratello, mi piace andare a dormire nel suo letto. Non so perché ma mi dà molta energia. E’ ancora una bella presenza, non esiste la morte. Sono passati 9 anni da quando non c’è più. Forse sono tanti ma per me non sono niente. Ho una grande voglia di ritrovarci, questa è una bella sicurezza. Purtroppo non la sogno ma la sento molto. Mi aveva lasciato un messaggio in segreteria che io ho cancellato e questo è stato tremendo. Me ne lasciava tanti perché io di fatto non c’ero quasi mai. Tante volte il telefono squillava, prendevo il cellulare in mano, c’era scritto ‘mamma’ e non ho risposto. Adesso vorrei rispondere e non posso più farlo”.

Copyright © 2022

livesicilia.it

P.I. 05808650823