Al Bano dopo la ramanzina del vescovo: "Sono indignato e amareggiato"

Al Bano dopo la ramanzina del vescovo: “Sono indignato e amareggiato”

Daniela Vitello

Al Bano dopo la ramanzina del vescovo: “Sono indignato e amareggiato”

| 20/07/2021
Al Bano dopo la ramanzina del vescovo: “Sono indignato e amareggiato”

Il cantante è profondamente ferito dalle parole del prelato

  • Carrisi si era esibito in chiesa per una coppia di sposi
  • L’ira di monsignor Mansi: “La liturgia non è un palcoscenico”
  • Non era la prima volta che Al Bano cantava durante una cerimonia religiosa

“Sono indignato. Indignato e profondamente amareggiato per la ramanzina che mi ha appena fatto Monsignor Luigi Mansi, vescovo di Andria. L’accusa di aver usato l’altare per esibirmi mi ha davvero addolorato”.

Al Bano Carrisi esprime tutta la sua amarezza e il suo sdegno sulle pagine del settimanale “DiPiù” dopo essere stata bacchettato pubblicamente dal prelato.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News
SEGUICI

Loredana Lecciso, Al Bano Carrisi, Giovanni Terzi e Simona Ventura (Foto Instagram)

Al Bano aveva cantato per una coppia di sposi

Qualche settimana fa, il cantante pugliese ha cantato l’Ave Maria di Gounod nella cattedrale di Andria in occasione del sì di Alessandra e Francesco. La sua performance ha suscitato l’ira del vescovo.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Al Bano Carrisi (Foto da video)

Il vescovo: “La liturgia non è un palcoscenico”

“A nessuno è concesso di usare la liturgia come palcoscenico per organizzare esibizioni di artisti di qualunque natura. Sarebbe una grave offesa alla celebrazione e al luogo sacro”, ha tuonato monsignor Luigi Mansi.

Al Bano Carrisi con la figlia Romina Jr. (Foto Instagram)

“Gli artisti si esibiscano nelle sale ricevimenti”

La Curia ha sottolineato che “i sacerdoti hanno il compito di verificare il rispetto di tali norme, visto che gli organizzatori potrebbero anche non conoscerle, perché non si ripetano più episodi di questo genere. Aver tollerato, per buon senso, alcuni comportamenti che poi si son rivelati irrispettosi per il luogo sacro, per la santa liturgia e per la comunità cristiana non vuol dire aver fatto dei favoritismi, ma semplicemente aver evitato situazioni che potevano divenire grottesche. I sacerdoti sono esortati ad adoperarsi per far comprendere la specificità del momento liturgico. Se proprio si vuole gli artisti possono essere fatti esibire durante la festa nella sala ricevimenti”.

Tali dichiarazioni hanno profondamente ferito il 78enne Al Bano che in altre occasioni aveva cantato in chiesa senza mai ricevere critiche o ramanzine.

Copyright © 2021

livesicilia.it

P.I. 05808650823