Vignetta su Arianna Meloni, la premier: "Allusioni indegne"

Vignetta su Arianna Meloni, la premier: “Allusioni indegne, così si destabilizzano le famiglie”

Germana Bevilacqua

Vignetta su Arianna Meloni, la premier: “Allusioni indegne, così si destabilizzano le famiglie”

| 21/04/2023
Vignetta su Arianna Meloni, la premier: “Allusioni indegne, così si destabilizzano le famiglie”

4' DI LETTURA

Una vignetta pubblicata su ‘Il Fatto Quotidiano’ in prima pagina ha sollevato un gran polverone nell’ambiente della politica e non solo. Lo spunto per il vignettista Natangelo nasce dalle parole del ministro Francesco Lollobrigida, che a proposito di natalità in calo in Italia e migranti ha parlato del rischio di “sostituzione etnica”. Il titolo è “Obiettivo incentivare la natalità” e ritrae una donna a letto con un uomo di colore. La vignetta è corredata da una frase in cui la donna, in cui si è riconosciuta Arianna Meloni, moglie di Lollobrigida e sorella della premier, dice che c’è da star tranquilli poiché il marito è “tutto il giorno fuori a combattere la sostituzione etnica”. Una trovata che ha causato uno tsunami di reazioni da più parti, l’ira della destra e la solidarietà, in qualche caso, delle opposizioni. “C’è un limite a tutto, anche all’indecenza – ha commentato il presidente del Senato Ignazio La Russa – quella pubblicata dal Fatto quotidiano non è una vignetta divertente, non è satira, è solo spazzatura dalla quale tutti dovrebbero prendere le distanze. Solidarietà sincera ad Arianna e Francesco Lollobrigida”.

Giorgia Meloni e Francesco Lollobrigida (Foto da Instagram)

Giorgia Meloni: “Sprezzo del rispetto verso una donna, una madre, una persona”

La premier Giorgia Meloni è subito scesa in campo in difesa della sorella, alla quale è molto legata, pubblicando un post su Facebook che dice: “Quella ritratta nella vignetta è Arianna. Una persona che non ricopre incarichi pubblici, colpevole su tutto di essere mia sorella. Sbattuta in prima pagina con allusioni indegne, in sprezzo di qualsiasi rispetto verso una donna, una madre, una persona la cui vita viene usata e stracciata solo per attaccare un Governo considerato nemico.  E il silenzio assordante su una cosa del genere, da parte di quelli che dalla mattina alla sera pretendono di farci la morale, dimostra plasticamente la malafede della quale siamo circondati.  Ma se qualcuno pensa di fermarci così, sbaglia di grosso. Più sono circondata da questa ferocia, più sono convinta di dover fare bene il mio lavoro. Con amore. La cattiveria senza limiti la lasciamo agli autoproclamatisi ‘buoni'”.

Giorgia Meloni (Foto da Instagram)

Arianna Meloni: “Lo sanno queste persone che dietro alle loro cattiverie esistono persone?”

Insomma la premier non l’ha presa affatto bene e neanche la diretta interessata che interviene scrivendo: “Lo sanno queste persone che dietro alle loro cattiverie esistono persone? Persone con i loro problemi, le loro angosce, con i loro sentimenti, con le loro paure? Ma soprattutto con le loro famiglie, i loro amici, i colleghi di lavoro e i loro figli? Lo sanno, ma per loro attaccare l’avversario vale anche la destabilizzazione della vita delle persone e delle loro famiglie”. Lupi, capo politico di Noi moderati ha commentato: “La vignetta del Fatto quotidiano è disgustosa e volgare, offende non solo Arianna e Francesco Lollobrigida, ma tutte le persone che credono nella politica come confronto sui temi e come servizio al Paese”. Solidarietà anche da parte di Maria Elena Boschi di Italia Viva. “Non condivido una parola di ciò che ha detto Lollobrigida ma questa vignetta del Fatto quotidiano è disgustosa”, ha dichiarato.
CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Arianna e Giorgia Meloni (Foto Facebook)

Carlo Calenda:”La vignetta del Fatto fa schifo”

La deputata del Partito Democratico Michela Di Biase si è così espressa: “Vergognosa, sessista e misogina”. Sulla stessa linea la responsabile dem della Giustizia Debora Serracchiani: “Sessista e offensiva. Ecco cos’è la Vignetta del Fatto. C’è poco da dire. Ad Arianna Meloni e alla sua famiglia la mia solidarietà”. Carlo Calenda, leader di Azione, non ha usato mezze misure: “La vignetta del Fatto fa schifo. Né più, né meno. La satira in questo caso non c’entra proprio nulla. Si tratta di volgarità pura e semplice. La mia solidarietà e quella di Azione alla presidente del Consiglio e a sua sorella Arianna”. Mentre Gennaro Sangiuliano, ministro della Cultura, ha detto: “Scandalizzato dalla vignetta pubblicata in prima pagina sul Fatto quotidiano. Siamo abituati alle critiche e continuiamo a lavorare a testa bassa per il bene della Nazione ma oggi si è superato il limite: mi auguro che da parte del direttore Marco Travaglio arrivino scuse immediate e che tutte le forze politiche esprimano la loro indignazione. A partire dalla segretaria del Partito democratico Elly Schlein, che sono certo vorrà prendere le distanze e condannare con fermezza questa indecenza”. Marco Travaglio, direttore de “Il Fatto quotidiano, interpellato dall’Ansa ha replicato: “Non posso passare il mio tempo a spiegare le battute a chi non le capisce”.

Pubblicato il 21/04/2023 08:28

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Copyright © 2023

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965