Vialli, parla il medico che lo operò: "Tumore molto aggressivo"

Vialli, parla il medico che lo operò: “Tumore particolarmente aggressivo”

Daniela Vitello

Vialli, parla il medico che lo operò: “Tumore particolarmente aggressivo”

| 07/01/2023
Vialli, parla il medico che lo operò: “Tumore particolarmente aggressivo”

2' DI LETTURA

Nel 2017 Alessandro Zerbi, responsabile dell’unità operativa di chirurgia pancreatica all’Humanitas di Milano, operò Gianluca Vialli dopo la diagnosi di tumore al pancreas. “Un intervento tecnicamente riuscito” cui, però, seguì un lungo calvario culminato con la morte dell’ex bomber di Sampdoria e Juventus a causa di una recidiva.

Alessandro Cattelan e Gianluca Vialli (Foto da video)

“Il primo sintomo? Un ittero”

Il professor Zerbi ha rotto il silenzio in un’intervista rilasciata nelle scorse ore a “Gazzetta Active” in cui ripercorre gli inizi della battaglia di Gianluca Vialli. “Gianluca conosceva già Humanitas, ci siamo incontrati quando si è rivolto a me per degli approfondimenti a fronte di alcuni sintomi: in particolare era diventato itterico, che è uno dei sintomi precoci di questo tumore”, ha esordito il medico ricordando come l’ex calciatore abbia reagito “con grande coraggio e lucidità” alla scoperta della malattia.
CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Gianluca Vialli (Foto Instagram)

“E’ tornato a casa dopo pochi giorni grazie al suo fisico allenato”

“L’intervento era andato tecnicamente bene – ha svelato il chirurgo – tanto è vero che Vialli è tornato a casa dopo pochi giorni anche grazie al suo fisico allenato. Le cure post-operatorie sono state eseguite a Londra, dove abitava. Purtroppo si trattava di una neoplasia particolarmente aggressiva e, come tutti i tumori, poteva ripresentarsi”.
CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Gianluca Vialli (Foto da video)

“Perchè il tumore al pancreas è più aggressivo di altri”

“Il tumore è biologicamente più aggressivo di altri – ha spiegato il professor Zerbi – inoltre la sua sede anatomica profonda nell’addome e il fatto che sia sprovvisto di una capsula fa sì che le cellule tumorali pancreatiche possano diffondersi nell’organismo precocemente. A questo si aggiunga la difficoltà della diagnosi, che il più delle volte è tardiva in mancanza di sintomi precoci. La ricerca scientifica sta andando avanti per migliorare la prognosi della malattia e la diagnosi e, negli ultimi anni, stiamo registrando progressi tangibili”.

Gianluca Vialli

I fattori che aumentano il rischio di contrarre questa malattia

“Fumo, vita sedentaria, obesità – ha concluso – sono fattori di rischio per questo e per tutti i tumori, come ricordano AIOM e Airtum nell’ultimo rapporto sui tumori in Italia. In altri casi, per il carcinoma del pancreas entrano in gioco fattori genetici ed ereditari”.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 07/01/2023 12:41
Copyright © 2023

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965