Vanessa Incontrada in bikini sulla copertina di "Nuovo", social in fiamme: "Bodyshaming occulto"

Vanessa Incontrada in bikini sulla copertina di “Nuovo”, social in fiamme: “Bodyshaming occulto”

Daniela Vitello

Vanessa Incontrada in bikini sulla copertina di “Nuovo”, social in fiamme: “Bodyshaming occulto”

| 10/06/2022
Vanessa Incontrada in bikini sulla copertina di “Nuovo”, social in fiamme: “Bodyshaming occulto”

4' DI LETTURA

Vanessa Incontrada, già in passato vittima di bodyshaming, è di nuovo al centro delle polemiche per via del fisico. Il settimanale “Nuovo” ha pubblicato sulla cover dell’ultimo numero uno scatto dell’attrice e conduttrice spagnola che a detta dei più non le renderebbe giustizia e rappresenterebbe una sorta di “bodyshaming occulto”. “In spiaggia nella sua Follonica, Vanessa Incontrada sfoggia il bikini”, titola il magazine diretto da Riccardo Signoretti.

Vanessa Incontrada (Foto ‘Nuovo’)

Il settimanale cita la Incontrada: “La perfezione non esiste”

“Primo sole per Vanessa Incontrada. L’attrice di Barcellona approfitta di una pausa dalle riprese di Fosca Innocenti 2 – dove recita con Francesco Arca – per mettersi in bikini nella sua Follonica. Col caldo che fa, Vanessa cerca un filo di brezza sul bagnasciuga”, si legge sui profili social di “Nuovo”. Il settimanale riporta poi una frase pronunciata dalla stessa Incontrada: “La perfezione non esiste. Ho perso tempo a cercare di essere giusta, dimenticando di essere felice”.

Vanessa Incontrada (Foto da video)

Sui social divampa la polemica

Vanessa Incontrada è reduce dalla separazione con l’imprenditore Rossano Laurini da cui ha avuto il figlio Isal. La foto di copertina di “Nuovo” ha generato un acceso dibattito sui social. “Mettere questa foto in prima pagina, con la finzione di far passare tutt’altro messaggio. Che vergogna”, “Le hanno messo una foto terribile quando lei non è affatto così. Comunque è stupenda Vanessa”, “Una foto presa male, ma con l’intenzione di creare gossip da 4 soldi. Così facendo dà modo alle persone di fare commenti stupidi e cattivi sull’ aspetto fisico di Vanessa”, hanno commentato alcuni internauti.

Rossano Laurini e Vanessa Incontrada (Foto Instagram)

Lorenzo Tosa: “E’ uno scatto che non ha nessuna logica”

“Ieri è comparsa su una nota rivista di gossip una foto che ritrae Vanessa Incontrada in spiaggia a Follonica accompagnata da un titolo urlato a tutta pagina: ‘Vanessa Incontrada sfoggia il bikini’ – ha scritto il giornalista Lorenzo Tosa sui social – È uno scatto rubato, di quelli da paparazzi e teleobiettivo, che non ha nessuna logica, nessun altro senso o scopo se non quello di mostrare una donna in un momento privato, nella peggior posa possibile, con i chili in più scientemente evidenziati con l’unica intenzione di esporla ai giudizi, ai commenti maligni, al tribunale social. Non c’è nulla che non vada nell’immagine di Vanessa Incontrada, sia chiaro. Non c’è nulla che non vada in lei, che è e resta una donna straordinariamente bella nelle sue linee, nelle sue imperfezioni (e in qualunque posa)”.  

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Vanessa Incontrada (Foto Instagram)

“Il corpo di Vanessa è normalissimo”

“Ciò che mette i brividi di questo metodo – perché questo è un metodo – è l’esibizione morbosa del corpo, la ricerca ossessiva dello scoop e del gossip, il body shaming occulto e ipocrita che fa leva – sapendolo – sugli istinti più bassi di chi guarda (e giudica) – ha aggiunto – Il corpo di Vanessa è normale, normalissimo. È quella foto, semmai, a non esserlo. Una foto, nella redazione di una rivista di gossip, si sceglie, tra centinaia di scatti. Si seleziona con chirurgica precisione. Nulla è lasciato al caso. La verità è che hanno provato a umiliare una donna, ma hanno finito solo per esaltarne la bellezza. Che col fisico non c’entra nulla, fatevene una ragione prima o poi”.

Vanessa Incontrada (Foto Instagram)

Caterina Collovati: “Quello scatto non piacerebbe a nessuno”

“Mi ha colpito, non è una bella foto. Si poteva evitare – ha dichiarato Caterina Collovati a “Leggo” – Ma ‘body shaming’ non è un termine che non mi piace utilizzare. Di certo se non vuoi fare del male a una persona quella foto non la metti. Usciamo dall’ipocrisia di piacersi a tutti i costi, quello scatto non piacerebbe a nessuno. Il rispetto deve esserci sempre, a maggior ragione per le donne, spesso bersaglio sui social. Ma non bisogna nemmeno esagerare nel dire che chi è sovrappeso si piace a prescindere perché sono convinta che non sia vero. Dimagrire poi è anche una questione di salute e ammetterlo è una forma di attenzione verso le nuove generazioni: facciamo di tutto per migliorare l’alimentazione nelle scuole e poi colpevolizziamo chi vuole tenersi in forma?”.

Vanessa Incontrada (Foto da video)

Roberto D’Agostino: “Smettiamola di drammatizzare tutto”

A pensarla diversamente è Roberto D’Agostino. “Essere personaggi di rilievo mediatico fa sì che ogni tanto ci si riveda pure in foto nelle quali si sbadiglia, ci si gratta la testa e via dicendo – è il parere del papà di “Dagospia” – Rientra nelle regole del gioco. Poi, certo, qualcuno esagera su certe smagliature della vita e anche dei fianchi (…) Non si cercano foto brutte. Una volta la gente faceva battute pesanti al bar nella piazza del paese e rimanevano lì, oggi la piazza è digitale. Ci sono tanti che non hanno nulla da fare o hanno bisogno di distruggere ciò che amano. Sono cose che vanno viste come goliardia, malcostume, idiozia o quant’altro, ma senza farne una tragedia. Bisogna smetterla di drammatizzare tutto. Si devono affrontare questi episodi con il sorriso. Una foto brutta su un giornale? I giornali vivono quel giorno e muoiono la sera. Non conta un rotolo in più alla vita. I problemi dell’esistenza sono altri”.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 10/06/2022 10:45
Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965