Ubriaca irrompe in casa del vicino e gli “strappa” i genitali

Ubriaca irrompe in casa del vicino e gli “strappa” i genitali mentre fa la doccia

Daniela Vitello

Ubriaca irrompe in casa del vicino e gli “strappa” i genitali mentre fa la doccia

| 01/12/2022
Ubriaca irrompe in casa del vicino e gli “strappa” i genitali mentre fa la doccia

2' DI LETTURA

E’ finita nuovamente in manette una 25enne brasiliana che in diverse occasioni aveva già seminato il panico a Rimini. Nella notte tra sabato e domenica, racconta RiminiToday, la giovane ha destato la curiosità di un passante che l’ha notata davanti ad un locale notturno mentre, sporca di sangue, urlava di essere stata violentata. Insieme a lei c’era il fidanzato, anche lui coperto di sangue. Il passante ha subito allertato le forze dell’ordine.

“Arrestata per resistenza, oltraggio e lesioni a pubblico ufficiale”

Una volta giunti sul posto, gli agenti sono riusciti a caricarla sull’auto di servizio con non poche difficoltà. Alla vista dei poliziotti, infatti, la ragazza – in evidente stato di ebbrezza – ha iniziato a dare in escandescenze riservando loro calci e morsi. La donna è stata arrestata per resistenza, oltraggio e lesioni a pubblico ufficiale. Durante il processo per direttissima, ha patteggiato 10 mesi con la sospensione della pena. Tuttavia, il Questore potrebbe adottare un provvedimento nei suoi confronti dal momento che non è la prima volta che finisce nei guai.
CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

L’aggressione al vicino di casa scambiato per un malvivente

La scorsa estate, la 25enne brasiliana balzò agli onori della cronaca per un episodio che la vide protagonista e che destò parecchio scalpore. “Sempre in preda ai fumi dell’alcol – si legge nella ricostruzione di RiminiToday – era tornata a casa ma aveva sbagliato clamorosamente la porta del proprio appartamento andando ad infilarsi in quello del vicino. La 25enne aveva sorpreso così il padrone di casa sotto la doccia e, forse ritenendolo un malvivente, l’aveva aggredito con un violento strappo alle parti basse tanto da provocargli un trauma alla sacca scrotale per una prognosi inferiore ai 20 giorni per la quale era stata denunciata a piede libero”.

Gli altri precedenti

Ma non è finita qui. Perché la giovane è anche al centro di un’indagine che la vede accusata di aver appiccato il fuoco ad un locale di Riccione dove prestava servizio come cameriera. Infine, sul suo capo pende una condanna a 3 anni e 8 mesi per aver scatenato il putiferio all’interno di un ristorante riminese dov’era attovagliata insieme al compagno.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 01/12/2022 16:11
Copyright © 2023

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965