Rita Rusic in gara a "Pechino Express" con il baby fidanzato: "Un giorno penso che fuggirà"

Rita Rusic in gara a “Pechino Express” con il baby fidanzato: “Un giorno penso che fuggirà”

Daniela Vitello

Rita Rusic in gara a “Pechino Express” con il baby fidanzato: “Un giorno penso che fuggirà”

| 24/03/2022
Rita Rusic in gara a “Pechino Express” con il baby fidanzato: “Un giorno penso che fuggirà”

3' DI LETTURA

Tra le coppie di concorrenti dell’edizione 2022 di “Pechino Express” iniziata lo scorso 10 marzo su Sky c’è anche quella formata da Rita Rusic, 61 anni, e dal fidanzato Cristiano Di Luzio, modello 32enne di Anzio. In un’intervista a “Il Messaggero”, la produttrice cinematografica parla della sua esperienza lungo la “Rotta dei Sultani” tra Turchia, Uzbekistan, Giordania ed Emirati Arabi. 

Rita Rusic (Foto Instagram)

“Il primo giorno volevo cavare gli occhi al mio agente”

Prima di imbarcarsi in questa avventura, il suo motto era: “Prima delle 11 non incontro manco il Papa”. “Il primo giorno volevo cavare gli occhi al mio agente – racconta – Dopo mezz’ ora ero già su un cavallo che girava su se stesso tipo giostra. Il terrore. Non andavo a cavallo da quando ho fatto Attila, flagello di Dio”. Tutto sommato, la reputa “un’esperienza positiva”.

Rita Rusic (Foto da video)

“Abbiamo incontrato una cultura diversa dalla nostra”

Grazie al viaggio alla scoperta del Medio Oriente, ha imparato “che cresciamo con convinzioni sbagliate”. “Abbiamo viaggiato in paesi islamici e abbiamo incontrato una cultura diversa dalla nostra, ma accogliente – spiega – Gente anche povera che ci ha aperto la porta di casa. A un certo punto mi sono vergognata di come siamo. C’era una signora gentilissima, anziana, che la notte si alzava per metterci i legnetti nella stufa, pensando che non fossimo abituati a certe temperature. Quando sono andata via le ho regalato un mio anello e lei si è messa a piangere. Mi ricordava mia nonna”.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Rita Rusic con il fidanzato (Foto Instagram)

“Io e Cristiano siamo più uniti di prima”

Rita Rusic ha indossato il velo. “Se vado a casa d’altri, mi adeguo – confessa – A Roma lo vivo come una cosa orribile, come un simbolo di inferiorità, là mi è sembrato persino comodo. Ti protegge e ti fa sentire libera di non dover essere perfetta”. Da “Pechino Express” il suo rapporto con il giovane fidanzato è uscito rafforzato (“Siamo più uniti di prima”).

Rita Rusic (Foto Instagram)

“Gli facevo portare anche il mio zaino”

“Certo, delle liti assurde – ammette – A un certo punto dovevamo trovarci un posto dove dormire, ma lui si rifiutava. Sosteneva di non essere abituato a chiedere un letto. Allora gli ho fatto notare che con me, invece, non aveva avuto problemi a chiederlo: avevamo cenato una sola volta insieme, e già si offriva di accompagnarmi a Milano. Si è offeso. Dicevo a tutti che era mio marito. E gli facevo portare due zaini, pure il mio. Non vorrei che mi perdesse tonicità”.

LEGGI ANCHE: Rita Rusic mostra il giovane fidanzato, gli haters: “E’ tuo figlio?”

Rita Rusic (Foto da video)

“Non ci obbliga nessuno a stare insieme”

Dopo aver confidato di voler bene al suo ex marito Vittorio Cecchi Gori, la produttrice cinematografica svela di aver capito che il segreto per durare una coppia è l’ironia. “L’unico problema di Cristiano è che mi fa venire le rughe a forza di ridere – dice – Abbiamo voglia di stare insieme e non ci obbliga nessuno. Un giorno penso che fuggirà. Mi farò un pianterello, poi passa. Io vado avanti. Come una guerriera”.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 24/03/2022 17:34
Copyright © 2023

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965