Pranzo di Natale a pagamento dalla nonna

Nonna fa pagare il pranzo di Natale a figli e nipoti: “Devo coprire i costi”

Germana Bevilacqua

Nonna fa pagare il pranzo di Natale a figli e nipoti: “Devo coprire i costi”

| 27/12/2022
Nonna fa pagare il pranzo di Natale a figli e nipoti: “Devo coprire i costi”

2' DI LETTURA

Il Natale si trascorre in famiglia, meglio se a casa della nonna che cucina manicaretti per tutti, figli e nipoti. Una tradizione a cui nessuno riesce a rinunciare, non solo in Italia, ma che diventa ogni anno più dispendiosa e per qualcuno difficile da sostenere economicamente. Allora ecco che arriva l’idea di una signora, Caroline Duddridge 63enne britannica di Cardiff, che quest’anno ha deciso di ‘imporre’ una tariffa per partecipare al tradizionale pranzo di Natale a casa sua. Una quota da pagare per tutti, figli e nipoti e a chi le chiede il motivo risponde: “Perché chi ospita dovrebbe sostenere l’intero costo del pranzo?”.

Tavola natalizia

“Con l’aumento dei prezzi fare la spesa è diventato molto costoso”

La 63enne ha ben cinque figli e svariati nipoti che durante le feste si presentano a casa sua, e per poterli ospitare tutti quanti ha chiesto un contributo per le spese.  La donna, intervistata a “BBC Radio 5 Live”, ha poi spiegato: “Mio marito è morto nel 2015 e il mio reddito spendibile si è dimezzato. Lavoravo part-time come assistente didattica e ho iniziato a ricevere la pensione di vedovanza, ma arrivare a fine mese è diventato più difficile. Con l’aumento dei prezzi fare la spesa è diventato molto costoso. Ci sono persone che pensano che io sia un po’ avara, ma i miei amici pensano che sia una buona idea”.
CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Tavola natalizia

“Abbiamo provato varie formule ma nessuna ha funzionato”

Sono molti anni –  racconta ancora la signora –  che cerco un modo di far contribuire i miei figli alle spese del pranzo di Natale. Inizialmente si era deciso che ognuno comprava qualcosa da mangiare ma non è andata bene, poi si è passati ai soldi con cassa comune ma sorgevano discussioni su cosa comprare. Infine al contributo economico dopo la spesa ma c’era sempre qualche ritardatario e altre volte c’era chi non pagava per i figli”. Così quest’anno la signora ha cambiato formula imponendo tariffe precise da versare in anticipo.

Caroline Duddridge (Foto da Instagram)

Tariffe precise e differenziate per figli e nipoti

Le regole di quest’anno erano chiarissime. Le somme decise dovevano essere versate in anticipo sul conto corrente della signore Caroline per essere invitati al pranzo di Natale a casa sua. La tariffa ammontava a 15 sterline ai suoi due figli (circa 17 euro) e 10 sterline alle sue tre figlie, che lavorano solo part time. Ai nipoti invece tariffe ridotte in base all’età: ai quattro minori oltre i cinque anni 5 sterline mentre ai suoi due nipoti di tre anni 2,50 sterline. “In questo modo ho autonomia su quello che posso comprare e risparmio anche sullo spreco di cibo che è un’altra cosa importante visto che in passato finiva sempre con molte pietanze gettate nella spazzatura” aveva sottolineato la donna. “Spero che i miei nipoti capiscano che è una buona idea. Una cosa giusta. Io non voglio un profitto, lo faccio solo per avere un po’ di aiuto con i costi” aveva concluso la nonna.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 27/12/2022 14:55
Copyright © 2023

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965