Tony Colombo, blitz dei vigili urbani durante il concerto: l’esibizione non era autorizzata

Daniela Vitello

Tony Colombo, blitz dei vigili urbani durante il concerto: l’esibizione non era autorizzata

| 08/11/2019

La polizia municipale stacca la musica a Tony Colombo. E’ accaduto ieri sera a Napoli. Gli agenti sono intervenuti dopo aver ricevuto una segnalazione su un concerto organizzato in occasione dell’inaugurazione di un negozio nel quartiere Pignasecca. Arrivati sul posto, hanno accertato che l’esibizione in programma, ovvero quella del neomelodico palermitano, era sprovvista delle autorizzazioni previste per legge. Gli organizzatori sono stati identificati e il concerto è stato sospeso.

Subito dopo il fatto, Tony Colombo si è riversato sui social per comunicare ai fan che d’ora in avanti non farà più un concerto senza le giuste autorizzazioni.

“Ragazzi, buonasera a tutti. Scusateci per questa esibizione mancata a piazza Dante ma purtroppo senza autorizzazioni non si possono fare feste – ha dichiarato in una Instagram Story – Non possiamo esibirci senza permessi. Ho dovuto interrompere quando mi sono accorto che purtroppo non c’erano i permessi. E’ giusto così. Le feste nei luoghi pubblici devono essere autorizzate dal Comune, dalla Siae. Volevo scusarmi, spero non capiti più. Anche perché io non farò mai più un’esibizione senza le giuste autorizzazioni. Quindi evitate di chiamarmi per le feste perché senza le autorizzazioni non vengo. Mando un bacio a tutte le persone che stasera stavano in piazza Dante per la mia esibizione ma purtroppo è andata in questo modo. Ed è giusto così”.

“Nel 99% delle situazioni, quando andiamo a cantare in questo tipo di eventi, non siamo noi responsabili ma l’agenzia che organizza – ha precisato in un’altra Story – Quando organizziamo noi le feste, siamo noi responsabili. In questo caso non c’erano i permessi e ci siamo fermati. E così faremo in tutte le feste: prime le autorizzazioni e poi l’esibizione. Invito tutti gli artisti a fare la stessa cosa”.

“Deve cambiare quest’aria – ha chiosato – Non è possibile che si continua a fare quello che si vuole! Napoli è una città bellissima ma dobbiamo rispettarla. Al di là delle polemiche io non ho mai trasgredito una legge. Ho sempre rispettato chi fa il suo lavoro per farci vedere Napoli come la città più bella del mondo. Finiamola con queste feste senza permessi e senza conoscere limiti e rispetto. Sarò il primo artista a rifiutare le feste se non in regola…è una promessa! Vediamo quanti artisti faranno la stessa cosa per vedere una Napoli diversa”.

CLICCA QUI E SEGUICI SU INSTAGRAM

Copyright © 2021

livesicilia.it

P.I. 05808650823