Maria di Trapani in tv: "Io maltrattata e costretta a mangiare riso con vermi" - Perizona Magazine

Maria di Trapani in tv: “Io maltrattata e costretta a mangiare riso con vermi”

Daniela Vitello

Maria di Trapani in tv: “Io maltrattata e costretta a mangiare riso con vermi”

| 21/02/2017

Le telecamere di “Pomeriggio Cinque” entrano a casa di Maria Caruso, meglio nota come “Maria di Trapani”, la web star portata alla ribalta dal programma “Stranuamuri siciliano” condotto da Alberto Lipari.

Proprio quest’ultimo, insieme ad una sua collaboratrice, è stato trascinato in tribunale da Maria con l’accusa di maltrattamenti. La ragazza ha raccontato in tv di essere stata sfruttata, segregata e costretta a mangiare pasta e riso con i vermi. I fatti risalgono al 2013-2014.

Barbara D’Urso chiede il perchè la ragazza abbia sporto denuncia solo adesso. “Quando l’hanno riportata a casa il 19 ottobre 2014 era ossa e pelle – dichiara il fratello di Maria – e mia mamma è scoppiata in lacrime. L’hanno scaricata dopo aver spremuto il limone”. “Io non capisco – rileva la conduttrice – in tutti i video sul web lei non è pelle e ossa”.

“Sono stata trattata malissimo – racconta Maria – Ho cominciato a fare video dal 2013, volevo fare un po’ di serate e soldi, trovare un fidanzato…Non avevo più petto né pancia. Il medico curante mi ha scritto delle pillole. Stavo morendo, stavo finendo al cimitero. Non avevo più forze…Mi hanno fatto mangiare riso pieno di vermi…”.

Barbara D’Urso continua a manifestare le proprie perplessità e fa sapere che una perizia ha giudicato la ragazza capace di intendere e volere.

“Tutte e due sono persone false – conclude Maria – Mi devono dare i soldi e basta”.

La conduttrice chiude il collegamento dicendosi disposta ad accogliere la replica di Alberto Lipari e della sua collaboratrice.

In un’intervista rilasciata a “Tp24.it” il conduttore tv, finito sotto processo, respinge ogni accusa. “Siamo calunniati da Maria di Trapani solo ed esclusivamente per ragioni economiche – si difende esprimendo fiducia nella giustizia – Non è vero che è stata segregata in casa e costretta a fare i bisogni in pentola, ma stava in una villetta con piscina e boschetto…Produrremo giudizialmente dei video realizzati dalla stessa Maria su nostro suggerimento, che mostrano la stessa mentre si occupa delle ordinarie faccende domestiche nell’immobile che poi è stato descritto come fatiscente, privo di letto e con una pentola per espletare i propri bisogni…Non proviamo rancore per Maria perché siamo sicuri che la mano che la pilota non è la propria”.

GUARDA IL VIDEO (dal minuto 0:14:34)

Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965