L'ex moglie di Schillaci in tv: "Voglio occupare la mia casa e andare in carcere" - Perizona Magazine

L’ex moglie di Schillaci in tv: “Voglio occupare la mia casa e andare in carcere”

Daniela Vitello

L’ex moglie di Schillaci in tv: “Voglio occupare la mia casa e andare in carcere”

| 24/10/2016

Barbara D’Urso è tornata ad ospitare nel suo salotto domenicale Rita Bonaccorso. La trasmissione ha ricostruito il calvario dell’ex moglie di Totò Schillaci che da 20 anni si professa vittima di un caso di mala giustizia in quanto socia apparente di una gioielleria torinese che ha acquistato preziosi senza mai pagarli. La donna è stata condannata a risarcire i suoi creditori da ben cinque sentenze. 

Nel 1993 ha raccontato ad un settimanale di essere stata vittima di un grave furto proprio nella gioielleria di cui era socia apparente. Ma pochi giorni dopo ha cambiato versione dichiarando che era stata tutta una messinscena, che non era davvero socia della gioielleria, ma il tribunale ha dimostrato il contrario ovvero che agiva in qualità di socia vera e propria e in quanto tale deve risarcire i creditori e saldare le spese legali. Poichè la Bonaccorso non ha mai pagato i debiti, il tribunale di Palermo ha disposto il sequestro della sua casa che tra quattro giorni sarà messa all’asta. 

Com’è noto, Rita ha scelto di vivere in una roulotte posta davanti al cancello della sua villa. “Chiunque compra la mia casa dovrà fare i conti con me…Voglio occupare la mia casa. Io voglio andare in carcere, non m’interessa più nulla. Voglio essere arrestata!!!”, ha detto l’ex moglie di Schillaci in studio. Per poi aggiungere: “Ho perso l’equilibrio interiore. Sto malissimo. Sono un’altra persona. Sono sbattuta a destra e a sinistra e non ce la faccio più. Non vivo più, sono distrutta…Quando esco dal tribunale, sono sempre ansiosa, sto male. Io voglio la verità. L’uomo riesce andare sulla Luna e non riesce a vedere un fascicolo dove le carte sono inesistenti. Ci sono cose che non vanno. Non ce la faccio più a gridare giustizia e a essere sbattuta da un tribunale all’altro. Abbiamo chiesto il sequestro di questo fascicolo. Dovete guardare le carte!”.

In studio, un avvocato in rappresentanza dei creditori ha dichiarato che la sentenza che ha certificato il debito non è più contestabile: “C’è una sentenza della Cassazione che certifica l’esistenza di un debito. Ora si sta parlando della cessione del credito, non del debito. I creditori hanno un certo fastidio a causa di queste lungaggini giudiziarie che non fanno bene nemmeno alla Bonaccorso. La difesa che la Bonaccorso sta facendo ora, andava fatta a tempo debito. Quella sentenza non è più contestabile”.

LA DISPERAZIONE DI RITA (VIDEO)

L’UDIENZA CRUCIALE PER RITA (VIDEO)

Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965