Demolita la casa di Davide Marotta, l'attore di "Ciribiribì Kodak"

Demolita la casa di Davide Marotta: l’attore di “Ciribiribì Kodak” si era appellato al Tar

Paola Chirico

Demolita la casa di Davide Marotta: l’attore di “Ciribiribì Kodak” si era appellato al Tar

| 22/11/2022
Demolita la casa di Davide Marotta: l’attore di “Ciribiribì Kodak” si era appellato al Tar

1' DI LETTURA

È finito male il caso di Davide Marotta, l’attore di “Ciribiribì Kodak” con all’attivo una lunga carriera cinematografica e teatrale. Marotta ha recitato in film di grande successo, come “La Passione di Cristo” con Mel Gibson e nei panni del Grillo Parlante nel “Pinocchio” di Matteo Garrone. “In quella casa ci sono nato – aveva dichiarato l’attore qualche giorno fa da Barbara D’Urso – la mia famiglia ci viveva da oltre 100 anni”.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Davide Marotta (Foto instagram)

La casa di Davide Marotta è stata abbattuta

Davide Marotta, affetto da nanismo e invecchiamento precoce, viveva in quella casa con la madre ultra novantenne e il fratello disabile al 100%. Nonostante il ricorso vinto al Tar nel 2022, nella mattinata di ieri 21 novembre, la casa di Marotta è stata abbattuta. Sull’abitazione, un ex rudere dell’Ottocento, pendeva una sentenza di demolizione della Procura della Repubblica di Napoli.

Davide Marotta (Foto instagram)

Il ricorso al Tar e una sentenza che non vede ragioni

Marotta aveva vinto il ricorso al Tar ottenendo la sospensione del diniego del Comune al condono, ma l’iter per l’abbattimento è andato avanti fino al 21 novembre, quando è stata eseguita la demolizione. Marotta si era appellato anche alla Convenzione Europea che tutela il diritto inalienabile al domicilio e sabato aveva consegnato le chiavi dell’abitazione alle forze dell’ordine. È intervenuto anche Severino Nappi che scrive: “Questa è la casa di Davide Marotta che viene abbattuta. Mandare per strada un’intera famiglia, con un’anziana disabile di quasi 90 anni, non è giustizia. Questa è una giustizia sorda al buonsenso, senza flessibilità, senza ragione. Non ci fermeremo. La nostra battaglia continua”.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 22/11/2022 17:50
Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965