Checco Zalone virologo promosso dai "colleghi", Bassetti: "Numero uno, ha colto nel segno"

Checco Zalone virologo promosso dai “colleghi”, Bassetti: “Numero uno, ha colto nel segno”

Daniela Vitello

Checco Zalone virologo promosso dai “colleghi”, Bassetti: “Numero uno, ha colto nel segno”

| 03/02/2022
Checco Zalone virologo promosso dai “colleghi”, Bassetti: “Numero uno, ha colto nel segno”

4' DI LETTURA

La reazione dei virologi alla parodia del comico pugliese

  • Pregliasco: “Mi auguro di tornare a occuparmi di rosolia”
  • Galli: “Ha fatto delle cose che definire divertentissime è poco”
  • L’unica a storcere il naso è stata Maria Rita Gismondo: “Porti rispetto”

I virologi promuovono Checco Zalone. Chi si aspettava che i medici che da due anni combattono in prima linea contro il Covid è rimasto deluso. La gag proposta ieri sera sul palco dell’Ariston da Checco Zalone (GUARDA IL VIDEO) ha strappato un sorriso anche ai diretti interessati. Unica eccezione: Maria Rita Gismondo.

Checco Zalone (Foto da video)

Checco Zalone nei panni del cugino virologo di Al Bano

Com’è noto, l’attore e comico pugliese si è calato nei panni del dottor Oronzo Carrisi, il cugino virologo del cantante Al Bano. Un personaggio di pura fantasia che ha cantato “Pandemia ora che vai via” sbeffeggiando quei professionisti che ogni giorno entrano nelle nostre case per fornire il loro autorevole punto di vista sull’evoluzione della pandemia. Tutto ciò in barba alle critiche di quanti puntano il dito sulla loro sovraesposizione mediatica.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Matteo Bassetti (Foto Instagram)

Bassetti: “Zalone è un numero uno, sono un suo estimatore”

“Zalone è fantastico, eccezionale – ha commentato Matteo Bassetti ai microfoni di AdnKronos Salute – Io sono un grande estimatore, è un numero uno e ho visto i suoi film. Ha colto nel segno. ‘Pandemia ora che vai via’ speriamo davvero che vada via e insomma ha colto questo anno dei virologi. Io mi sono sentito poco tirato in ballo perché non sono un virologo ma un infettivologo”.

Checco Zalone nei panni del cugino virologo di Al Bano (Foto da video)

“Speriamo che la canzoni porti fortuna alla fine della pandemia”

“A parte questo – ha aggiunto il direttore della Clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova – credo sia bello ridere anche su questo aspetto della comunicazione di questi due anni, i virologi che non devono parlare, devono stare zitti, non vanno d’accordo. Zalone ha colto questo aspetto. Ma speriamo che la canzone porti fortuna alla fine della pandemia. Io non ho nessun problema a tornare a fare il mio lavoro, anche se andrò meno in televisione sarò felice lo stesso. Ci saranno altri modi di comunicare le malattie infettive”.

Matteo Bassetti (Foto Instagram)

Pregliasco: “Mi auguro di tornare a occuparmi di rosolia”

“A me piace molto Zalone e mi è piaciuto anche ieri – ha dichiarato Fabrizio Pregliasco – direi che ha colto un elemento di positività per il futuro, spero presto di essere disoccupato almeno sulla parte di divulgazione scientifica e che tutto quello che ha detto sia un elemento augurale. Siamo ancora in una fase non così tranquilla, però mi aspetto che tutto ciò possa avvenire e che io possa tornare a occuparmi di rosolia, che poi – rileva – non è una così banale, anche quella fa danni. C’è da fare sulle malattie infettive, sulle problematiche dell’influenza perché il Covid rimarrà con noi e questo è un elemento che purtroppo dovremo considerare”.

Fabrizio Pregliasco (Foto da video)

“Ricordiamo però che siamo ancora a 300 morti”

“In realtà si è parlato di professionisti con specificità diverse – precisa il docente di igiene – perché virologo è una definizione giornalistica come può essere quella di ‘avvocato divorzista’, in realtà sono persone che si occupano di diverse specialità, ci sono biologi, infettivologi, c’è Ilaria Capua che è una veterinaria e ognuno contribuisce con sue specificità a una realtà complessa che necessita di multidisciplinarietà. Quindi Zalone sicuramente divertente da vedere in prospettiva, ricordiamo però che siamo ancora a 300 morti”.

Checco Zalone nei panni del cugino virologo di Al Bano (Foto da video)

Galli: “Sorrido e basta, non starei a farci castelli di carta sopra”

“Zalone ha fatto delle cose che definire divertentissime è poco – gli ha fatto eco Massimo Galli, ex direttore del reparto di Malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano – Penso alla canzone ‘La Vacinada’. Immagino che ieri abbia voluto raccogliere un sentimento generale degli italiani che non ne possono più della pandemia. Sorrido e basta, non starei a farci dei castelli di carta sopra”.

Massimo Galli (Foto da video)

Lopalco: “Ironizzare non è sminuire o derubricare”

“Ci sono rimasto male, avrei preferito un duetto con Zalone – ha affermato l’epidemiologo Pier Luigi Lopalco, docente di igiene all’Università del Salento – L’ironia è una chiave di lettura della realtà che va rispettata, ironizzare non è sminuire o derubricare. Quando guarderemo indietro, a questi anni di pandemia, alcune azioni ci sembreranno esagerate e potremmo avere anche la liberà di riderci sopra”.

Maria Rita Gismondo (Foto da video)

Gismondo: “Non ci sto ad essere accomunata a colleghi litigiosi”

L’unica a storcere il naso dinanzi alla performance del comico pugliese è la microbiologa dell’ospedale Sacco Maria Rita Gismondo: “Zalone sia certo che non abbiamo bisogno di una pandemia per aver da lavorare e porti rispetto. E’ vero che ci sono stati, da parte di alcuni (esperti, ndr.), comportamenti discutibili. Ma è anche vero che siamo tutti impegnati in prima fila, rinunciando da 2 anni anche alla vita personale. Non ci sto ad essere accomunata a colleghi litigiosi. Piuttosto avrei voluto che si ringraziassero tutti i sanitari”.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 03/02/2022 14:25
Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965