Cannavacciuolo assolda cuoco messinese a "C'è posta per te"

“C’è posta per te”, Cannavacciuolo al giovane cuoco messinese: “Farò parlare di te”

Daniela Vitello

“C’è posta per te”, Cannavacciuolo al giovane cuoco messinese: “Farò parlare di te”

| 08/01/2023
“C’è posta per te”, Cannavacciuolo al giovane cuoco messinese: “Farò parlare di te”

4' DI LETTURA

Elio contatta la redazione di “C’è posta per te” per fare un regalo al figlio Samuele. Il giovane è nato a Messina ma vive in provincia di Cesena.

Elio (Foto da video)
Antonino Cannavacciuolo e Maria De Filippi (Foto da video)

“Non ho mai portato mio figlio fuori a mangiare una pizza”

“Ha 24 anni, è un figlio d’oro e devo chiedergli perdono – spiega il padre non senza commozione – Aveva 10 anni quando decido di prendere tre buste della Conad, metterci i miei vestiti e uscire dalla casa dove vivevo con lui e la mia ex moglie. Da quel momento, se prima lui era al centro della mia vita, il centro della mia vita inizia a essere il lavoro, il sindacato e Novella, quella che all’epoca era la mia compagna e oggi è la mia attuale moglie. Il giudice aveva stabilito che potessi stare con lui un giorno a settimana e anche il weekend. Almeno due weekend al mese. Ma spesso io uscivo dal lavoro, sapevo che lui era a casa da solo ma io me ne andavo a casa mia. Non l’ho mai portato fuori a cena, non l’ho mai portato fuori a mangiare una pizza. Nel 2018 mio figlio mi dà una prova di estrema maturità”.  

Samuele (Foto da video)
Antonino Cannavacciuolo (Foto da video)

Samuele ha accettato di fare da testimone al padre

“Elio si vuole sposare con la sua attuale moglie – racconta Maria De Filippi – e chiede a suo figlio di fargli da testimone di nozze convinto che la risposta sarebbe stata ‘no’. E invece Samuele dice: ‘Perché no?’ Quel giorno accanto a Elio non c’era più soltanto un figlio ma anche un uomo a cui oggi deve delle scuse”. Nella vita fa il cuoco e il suo mito è Antonino Cannavacciuolo. Ed è proprio il celebre chef il regalo speciale che Elio che ha voluto fare al figlio.
CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Samuele e Maria De Filippi (Foto da video)
Antonino Cannavacciuolo (Foto da video)

“Nonostante le mie assenze, non hai mai preso strade cattive”

Samuele accetta l’invito e si presenta in studio. Elio prende la parola: “Sono qui per chiederti perdono per colpe che non mi hai mai dato. Anzi, mi hai sempre teso la mano. Ho capito forse tardi, negli anni, le mie mancanze. Sei diventato un uomo molto migliore di me (…) Il giorno che ti ho preso tra le braccia in ospedale, appena ti hanno portato fuori dalla sala parto, nell’istante in cui le tue minuscole mani hanno stretto per la prima volta il mio dito, ho sentito che quel viaggio assumeva un senso nuovo e soprattutto che la mia vita non sarebbe stata più la stessa. Dal giorno in cui ho preso la porta di casa ho smesso di esserci. Ti devo chiedere scusa. Nonostante le mie assenze, non hai mai preso strade cattive, sbagliate. Sei diventato un uomo meraviglioso. Perdonami”.

Elio (Foto da video)
Samuele (Foto da video)

“Spero che il mestiere di cuoco possa regalarti tante soddisfazioni”

“Sei un cuoco appassionato che ha realizzato il sogno che aveva sin da bambino – aggiunge Elio – Al ristorante dove lavori tutti ti vogliono bene e ogni giorno porti a casa una conoscenza in più di quel mestiere che spero presto, oltre ai sacrifici, ti possa regalare tante soddisfazioni. Vorrei vincere alla lotteria e regalarti un posticino tutto tuo ma i miracoli non servono quando si ha talento e tu ne hai da vendere. E sono sicuro che ci arriverai comunque, figlio mio”.

Maria De Filippi (Foto da video)
Antonino Cannavacciuolo (Foto da video)

Antonino Cannavacciuolo: “Hai l’età giusta per lasciare il segno nella ristorazione”

Samuele resta senza parole alla vista di Antonino Cannavacciuolo. “Hai visto che non c’ho niente in mano? Ti potevo portare qualsiasi cosa che parla del nostro lavoro, poi ho pensato: ‘Se gli dico di venire a Villa Crespi?’ – dice lo chef – Lavoro con tanti ragazzi della tua età. Tu hai l’età giusta per lasciare il segno nella ristorazione, se vuoi posso darti una mano. Ti chiedo solo una cosa: voglia di arrivare lì. Io già ti vedo a Villa Crespi. Faccio una promessa a Maria: farò parlare di te. Mi piace fare crescere i giovani, vederli su un palcoscenico a ritirare un premio. Sarà sicuramente una strada faticosa, non ti regalo niente. Te lo devi guadagnare”.

Samuele e Antonino Cannavacciuolo (Foto da video)

Elio: “Finalmente ho fatto qualcosa di splendido per mio figlio”

“Certo, come ho sempre fatto”, risponde Samuele. “I tuoi occhi mi dicono che sei un ragazzo che ce la può fare. Fidati”, sentenzia Antonino Cannavacciuolo. “Finalmente ho fatto qualcosa di splendido per te. Sono orgogliosissimo di quello che sei diventato”, chiosa Elio. Il ristorante di Cannavacciuolo è ubicato all’interno dell’hotel 5 stelle lusso Villa Crespi a Orta San Giulio, in provincia di Novara.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 08/01/2023 13:10
Copyright © 2023

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965