Aurora Ramazzotti lancia un talk sulle dipendenze affettive e Selvaggia Lucarelli tuona

Aurora Ramazzotti lancia un talk sulle dipendenze affettive e Selvaggia Lucarelli tuona

Daniela Vitello

Aurora Ramazzotti lancia un talk sulle dipendenze affettive e Selvaggia Lucarelli tuona

| 08/02/2022
Aurora Ramazzotti lancia un talk sulle dipendenze affettive e Selvaggia Lucarelli tuona

3' DI LETTURA

La nuova puntata di “Blue Chats” uscirà sui social il 14 febbraio

  • In una clip, la figlia di Michelle Hunziker elenca i sintomi della dipendenza affettiva
  • La giornalista mette in guardia chi ne soffre dalla “psicologia da bar”
  • “Si apprezzano le buone intenzioni, ma lasciate che ne parlino gli esperti”

Il 14 febbraio, sui social, uscirà una nuova puntata di “Blue Chats”, il talk ideato da Aurora Ramazzotti in collaborazione con Freeda. Nel promo, la figlia di Michelle Hunziker e Eros Ramazzotti svela l’argomento della nuova puntata: “Sai quali sono i sintomi della dipendenza affettiva? Utilizzo di tutte le energie sugli altri, costante ansia di poter perdere il legame, bisogno di continue rassicurazioni, difficoltà nell’identificare i propri bisogni, soddisfare richieste affettive esagerate, non sentirsi amati abbastanza. Impariamo a riconoscerli per poter vivere delle relazioni sane”.

La Instagram Story di Selvaggia Lucarelli

Selvaggia Lucarelli: “Lasciate stare la psicologia da bar”

Selvaggia Lucarelli ha storto il naso di fronte a questa clip che ha rilanciato tra le sue Instagram Stories per precisare che temi come questo dovrebbero parlare solo esperti o quanti hanno vissuto in vita loro una relazione tossica.

“Sono molto felice che oggi si parli di dipendenze affettive più di prima – ha commentato – Che sia diventato un argomento di discussione in tanti contesti, anche i più diversi. Voglio però dire che un conto è parlare della propria esperienza, un conto è parlarne da esperti senza essere esperti. Non va bene che la prima o il primo che passano vi dica: vi dico come riconoscere una dipendenza affettiva. Sto vedendo cose assurde. Lasciate agli psicologi quello che è degli psicologi (…) Si apprezzano le buone intenzioni ma la psicologia da bar, fatta da non esperti, è utile solo a chi fa psicologia da bar. Raccontate le VOSTRE esperienza, quello sì che è utile”.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

La Instagram Story di Selvaggia Lucarelli

La giornalista ha vissuto una relazione tossica

La giornalista di “Tpi” e di “Domani” ha scritto un libro dal titolo “Crepacuore” e rilasciato un podcast in sei puntate dal titolo “Proprio a me” in cui ha ripercorso la sua esperienza personale. Dopo la separazione da Laerte Pappalardo da cui ha avuto il figlio Leon, la Lucarelli ha vissuto una relazione tossica durata quattro anni che l’ha segnata nell’anima.

“Mi sono bucata per quattro anni – ha confessato in un’intervista al “Corriere della Sera” – Non mi infilavo una siringa nel braccio perché la mia droga non era una sostanza, era una relazione (…) Io volevo che chi ha attraversato quello che ho vissuto io si riconoscesse: non è infelicità, è malattia. Era una di quelle cose che macinavo dentro di me da tanto tempo, questa vicenda si è chiusa molti anni fa (…) Il mio rimpianto più grande è di avere perso con mio figlio almeno tre anni perché forse l’ultimo è stato un po’ più di guarigione. Mi sono persa tre anni di maternità felice. Non che non abbia dato priorità a mio figlio: non ho mai pensato di lasciarlo al padre e di non prendermene cura. Ma non ho dato priorità alla sua felicità. Quando sei vittima di una dipendenza la priorità è avere la dose”.

La Instagram Story di Selvaggia Lucarelli

“Un incontro sfortunato, ho pagato un prezzo altissimo”

“Ho avuto la mia parte di responsabilità, lui si è infilato in una serie di mie pieghe e lati irrisolti – ha aggiunto a proposito del suo ex – È stato un incontro sfortunato e io ho amplificato in questa relazione tutte le mie problematiche. Ho fatto molta psicoanalisi fai-da-te. Oggi non dico ‘meno male che è accaduto’ perché il prezzo è stato altissimo. Ma se non avessi avuto uno choc emotivo così violento non avrei potuto vedere i miei limiti nella sfera sentimentale e non li avrei potuti risolvere”. Alle donne che si riconosceranno nella sua storia, ovviamente ha consigliato “di farsi aiutare. E non dall’amica che ti sgrida, ma da psicologhe che curano le dipendenze affettive”.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 08/02/2022 17:55
Copyright © 2023

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965