Aldo Grasso demolisce Pierluigi Diaco: "Tuttologo del niente"

Aldo Grasso demolisce Pierluigi Diaco: “Tuttologo del niente”

Daniela Vitello

Aldo Grasso demolisce Pierluigi Diaco: “Tuttologo del niente”

| 28/09/2022
Aldo Grasso demolisce Pierluigi Diaco: “Tuttologo del niente”

2' DI LETTURA

Da giorni Pierluigi Diaco è sotto attacco per via dei bassi ascolti di “Bella Ma’”, nuovo programma di Rai2 che ha preso il posto di “Detto Fatto”. L’ultimo affondo arriva da Aldo Grasso. Il celeberrimo critico televisivo ci è andato giù pesante nella sua consueta rubrica sul “Corriere della Sera”.

Pierluigi Diaco (Foto da video)

“Sono anni che non mi spiego questo mistero, questo bluff”

“Sarebbe fin troppo facile sostenere che ‘Bella Ma’’, a partire dal titolo, è uno dei più velleitari e inconsistenti programmi della storia della Rai – ha esordito – È un format ideato e condotto su Rai2 da Pierluigi Diaco ed è spacciato come «il primo talent di parola della tv italiana», uno scontro fra concorrenti della «generazione Z» e «Boomers» (solo a scrivere scempiaggini del genere mi vengono i brividi). I programmi possono riuscire o non riuscire, vanno e vengono, il vero problema è chi resta, cioè Diaco. Sono anni che non mi spiego questo mistero, questo bluff, questo «tuttologo del niente», come è stato a suo tempo definito. Eppure è in azione tutto l’anno, in radio, in tv o come badante di ex «mostri sacri»”.

Sabrina Salerno e Pierluigi Diaco (Foto da video)

“Si esprime in un vortice di falò sentimentaloidi che non riscaldano”

“La sua mania principale è di confessare gli altri, come se la parola fosse un boccone, un’informe poltiglia che passa e ripassa da mascella a mascella, come se lo psicologismo finisse in tv solo quando è in stato di avanzata putrefazione – ha aggiunto – Diaco usa un linguaggio povero, il più disonesto dei linguaggi perché consente di esprimere solo le misere idee compatibili con il suo lessico. E infatti, fateci caso (o anche no) Diaco si esprime in un vortice di ammiccamenti, di ricerca di complicità, di falò sentimentaloidi che fanno luce ma non riscaldano”.

Pierluigi Diaco (Foto da video)

“Il paraDiaco vuole fare dello spettatore un complice, non sempre gli riesce”

“Un giorno ho letto questa sua dichiarazione – ha concluso – e ho seriamente temuto per Viale Mazzini: «È un progetto portato avanti in stretta collaborazione con Antonio Di Bella (direttore del daytime Rai) e condiviso dall’amministratore delegato (Carlo Fuortes, ndr). La mission che mi è stata data è di mettere insieme innovazione e tradizione». Passi per Di Bella, ma l’idea che Fuortes discuta un programma con Diaco e gli dia una mission mi è sembrata una scena tragica finita per caso in un vaudeville. Il paraDiaco vuole fare dello spettatore un complice per fare strada insieme lungo i sentieri della consolazione. Non sempre gli riesce”.
CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Bianca Berlinguer e Pierluigi Diaco (Foto da video)

Le polemiche sul contratto

Qualche giorno fa, “Il Foglio” ha svelato che l’importo complessivo del suo contratto ammonterebbe 274.280 euro. Per ogni puntata (ne sono previste 163, ndr.) Diaco incasserebbe 1.560 euro in una fascia che ha come parametro medio 800 euro. Una cifra a cui si sarebbero aggiunti altri 20mila euro per l’ideazione della trasmissione.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 28/09/2022 17:21
Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965