Selvaggia Lucarelli contro "Le Iene": "Non ho mai visto una cosa più indecente di questo servizio"

Selvaggia Lucarelli contro “Le Iene”: “Non ho mai visto una cosa più indecente di questo servizio”

Daniela Vitello

Selvaggia Lucarelli contro “Le Iene”: “Non ho mai visto una cosa più indecente di questo servizio”

| 10/11/2021
Selvaggia Lucarelli contro “Le Iene”: “Non ho mai visto una cosa più indecente di questo servizio”

Il racconto di una ragazza che ha dimenticato gli abusi subiti da bambina per 30 anni

  • La giovane sostiene che i ricordi siano riaffiorati dopo anni grazie all’EMDR
  • Selvaggia Lucarelli furiosa: “Tesi pericolosa, oltre che anti-scientifica”
  • “Basta un’accusa plasmata da uno psicologo disonesto per rovinare una vita”

“Questa ragazza sta per rivedere dopo tanti anni l’uomo che le ha distrutto la vita: lo zio che avrebbe abusato di lei quando era solo una bambina”. Comincia così il servizio mandato in onda ieri sera a “Le Iene” che racconta la storia di una ragazza che per quasi 30 anni ha dimenticato gli abusi subiti da piccola. Quegli abusi sarebbero rimasti chiusi in un cassetto inaccessibile della sua mente e da lì le avrebbero avvelenato la vita tra crisi di panico e problemi con sesso e cibo. “Nel momento in cui dirò tutto per me sarà veramente chiuso il cerchio”, dice la ragazza mentre si appresta ad incontrare il suo presunto orco”.

“Avevo paura di tutto e nell’intimità provavo un senso di schifo”

“Sono sempre stata una bambina allegra, solare – racconta all’inizio del servizio – Crescendo sono diventata una ragazza fragile e tanto tanto insicura. Mi davano fastidio le miei forme, il seno, i fianchi, tutto ciò che poteva attrarre l’altro sesso. Dai 20 anni in poi ho cominciato ad avere crisi di ansia, gli attacchi di panico, avevo paura anche di uscire. Andare a lavorare era diventato un incubo. Avevo paura di tutto”.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News
SEGUICI

Sono stata in cura da una psicoterapeuta per sette anni – confessa – Stavo meglio, le paure erano diminuite. Avevo sempre problemi col cibo, manie sull’ordine, sulla pulizia. Nell’intimità non riuscivo a lasciarmi andare, a volte provavo anche una sensazione di schifo, come se fosse una cosa sporca. In una delle ultime sedute, la mia psicoterapeuta mi ha praticato il metodo EMDR”.

Veronica Ruggeri (Foto da video)

La ragazza sostiene di aver ricordato gli abusi grazie all’EMDR

“L’emdr – spiega l’inviata de “Le Iene – è una particolare psicoterapia usata per trattare le conseguenze dei traumi, lavora sul ricordo, inconscio o meno, che quel trauma ha causato e che anche inconsapevolmente può influenzare ogni aspetto della vita”.

I primi ricordi cominciano a riaffiorare ma la ragazza si spaventa a tal punto da interrompere la terapia. All’inizio cerca di convincersi di esserselo solo immaginato e torna alla sua vita di sempre che però diventa un vero inferno. Dopo essere arrivata a pesare poco più di 40 chili, si rivolge ad un’altra psicoterapeuta specializzata proprio in EMDR grazie alla quale riesce a scavare a fondo nella sua mente.

GUARDA IL SERVIZIO

Selvaggia Lucarelli: “Non ho mai visto una cosa più indecente di questa”

Nelle scorse ore, sui social, Selvaggia Lucarelli si è scagliata pesantemente contro “Le Iene”. “Non ho mai visto una cosa più indecente di questo servizio – ha tuonato – Una ragazza con gravi disturbi pregressi in cura da psicologi scoprirebbe grazie alla terapia emdr (una terapia che sfrutta, tra le altre cose, il movimento dei bulbi oculari) di essere stata violentata dallo zio quando era bambina e va con le Iene a dirlo allo zio dopo qualche decennio. A parte che sostenere che il movimento dei bulbi oculari metta in comunicazione emisfero destro e sinistro e ciò RISVEGLI dei ricordi che NON SAPEVAMO DI AVERE è una tesi pericolosa oltre che anti-scientifica. Ed è esattamente uno dei nodi centrali della vicenda Veleno/Bibbiano, nel senso che proprio sui (FALSI) ricordi di bambini ‘stimolati’ da psicologi (con o senza emdr) si fonda la principale tesi accusatoria nei confronti di Claudio Foti e di altri suoi ‘allievi’. Tutto il servizio sembra uno spot all’emdr, ma la vera perla è prendere e andare con una telecamera a dare del pedofilo-stupratore a un anziano senza uno straccio di prova se non ‘grazie all’emdr ho recuperato dei ricordi’. Ma poi di che età parliamo? Dagli 8 anni fino a? In che periodo avvenivano gli abusi? Sono stati sentiti gli altri parenti? Testimoni?”.

Selvaggia Lucarelli (Foto da video)

“Basta un’accusa plasmata da uno psicologo disonesto e la vostra vita è finita”

“Infine, stiamo parlando di una testimone con gravi disturbi – ha aggiunto – in cura da psicologi da anni. Andare a fare gli sceriffi citofonando a casa di un anziano con una ragazza problematica che lo accusa di pedofilia a distanza di decenni è lo spettacolo peggiore a cui si possa assistere. A questo genere di accuse non sempre si sopravvive. Non vi sono bastati i suicidi di Veleno, di Sagliano Micca, evidentemente. A proposito. Non so se questa sia una grande pubblicità per l’emdr. Io francamente sono molto spaventata all’idea che mio figlio possa resuscitare dal nulla dei ricordi che non sapeva di avere. E se uno psicologo l’aiutasse a fabbricarli? Ecco, se non avete mai capito di cosa si parla quando si parla di Veleno, Sagliano Micca o Bibbiano, sappiate che si parla soprattutto di questo. E guarda caso, domani arriva la sentenza Bibbiano. Basta un’accusa plasmata dalle sapienti mani (e menti) di uno psicologo disonesto e la vostra vita è finita. Terrore puro”.

Copyright © 2022

livesicilia.it

P.I. 05808650823