L’attacco a Chiara Ferragni: "La depressione post partum la porta a fare denunce politiche"

L’attacco a Chiara Ferragni: “La depressione post partum la porta a fare denunce politiche”

Daniela Vitello

L’attacco a Chiara Ferragni: “La depressione post partum la porta a fare denunce politiche”

| 04/04/2021
L’attacco a Chiara Ferragni: “La depressione post partum la porta a fare denunce politiche”

“La depressione post partum di Chiara Ferragni produce denunce politiche feroci alla Lombardia. Sempre la vecchia storia di fare il proprio mestiere (si fa per dire)…”. Così su Twitter Mariagiovanna Maglie dopo l’attacco sferrato via Instagram da Chiara Ferragni alla Regione Lombardia per la vicenda del vaccino somministrato alla nonna di Fedez soltanto in seguito alla sua protesta social (LEGGI QUI).

“Non mi sarebbe mai venuto in mente di usare mia nonna e le vicende di famiglia per niente di più di una denuncia personale, non un pippone politico – aggiunge la giornalista – Soprattutto se i numeri dimostrano che la Lombardia è la prima in numero di vaccini fatti”.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News
SEGUICI

Mariagiovanna Maglie (Foto da video)

La reazione dei Ferragnez: “Ha ridicolizzato una situazione molto grave”

Immediata la reazione dei Ferragnez. “Questa signora ha diagnosticato una depressione post parto a mia moglie via Twitter, avanguardia – commenta il rapper milanese – E io che mi limitavo a riconoscere le idiozie partorite da certi imbecilli. Devo aggiornarmi”.

“Ha ridicolizzato una situazione che colpisce moltissime donne e che va assolutamente presa sul serio – sentenzia la regina delle influencer – Per la giornalista che mi ha diagnosticato una depressione post parto, via Twitter per il fatto di essermi esposta vorrei dire che così non solo risulta poco professionale (si è trasformata in medico in un tweet in cui afferma che ognuno devia fare il proprio lavoro) ma anche completamente fuori luogo ridicolizzando una situazione molto grave ed invalidante che colpisce almeno il 10/15% delle donne e che deve assolutamente essere presa sul serio”.

Nella vicenda entra a gamba tesa anche Roberto Burioni. “Surreale che una giornalista nello stesso tweet dove invita ognuno a fare il suo mestiere si metta a giocare al dottore”, dichiara il virologo.

Chiara Ferragni e Fedez (Foto ‘Vanity Fair’)

Mariagiovanna Maglie rincara la dose

Mariagiovanna Maglie, però, non ha alcuna intenzione di fare dietrofront e rincara la dose. “Ribadisco il concetto – scrive su Twitter – rivendico la battuta che i fan di sinistra della Ferragni pensano sia loro privilegio. L’omessa segnalazione del Comune di residenza nella compilazione dell’adesione è stato l’unico problema della nonna di Fedez. Il resto è propaganda”.

“Me ne farò una ragione se la conclusione sarà che la credibilità è in mano agli influencer di borse e vestiti – aggiunge in riferimento alle critiche ricevute – Nel frattempo continuo a parlare finché posso e delle bimbe dei Ferragnez francamente me ne infischio”.

Mariagiovanna Maglie (Foto Instagram)

Il nuovo attacco di Fedez contro la Regione Lombardia

Nelle scorse ore, Fedez ha replicato all’Ats Città Metropolitana di Milano che ha negato che l’operatore che ha contattato telefonicamente Luciana Violini le abbia chiesto se fosse la nonna di Fedez. Secondo l’Ats Milano, il ritardo nella somministrazione del vaccino alla 90enne sarebbe da imputare ad un errore nella compilazione del modulo di adesione.

“Cara Regione Lombardia, io sinceramente avrei evitato di infierire – ha tuonato Fedez – La Lombardia smentisce ciò che ha scritto mia moglie, ovvero che mia nonna sia stata vaccinata esattamente il giorno dopo che mia moglie ha fatto le stories sulle Regione. Mia nonna avrebbe sbagliato a compilare il modulo omettendo il comune di residenza. Purtroppo questa scusa fa acqua da tutte le parti. Punto prima: sul sito di Aria, quando si compila la domanda per il vaccino, il comune viene messo in automatico. Se questo non bastasse a farvi fare la più grande figura di me*da di tutti i tempi, vi dirò che mia nonna ha compilato la domanda per il vaccino mesi fa ed è stata contattata, guarda un po’, il giorno dopo che io ho pubblicato una storia. Anche lì, il giorno dopo, senza favoritismi, senza preferenze. Solo una strana coincidenza. Mia nonna quel giorno non è potuta uscire perché inferma ad una gamba”.

Chiara Ferragni e Fedez (Foto Instagram)

“Fontana e Moratti, chiedete almeno scusa”

“Settimane dopo – ha aggiunto – dopo che si sono dimenticati di lei come di tutti gli altri anziani, il giorno dopo che mia moglie fa delle stories per lamentarsi della Regione e cosa succede? Mia nonna viene contattata e le chiedono: ‘Lei è la nonna di Fedez?’ Questa è la modalità Lombardia: cercare di tappare i buchi trovando delle soluzioni che non siano uguali per tutti ma che mettono a tacere le polemiche in un sistema che fa acqua da tutte le parti.  Chiedo direttamente a voi, Attilio Fontana e Letizia Moratti, vogliamo quantomeno riscoprire il senso della vergogna e chiedere scusa a tutti i cittadini per aver adottato un comportamento che non vede stessi diritti e stesse opportunità per il cittadino ma semplicemente una modalità che verte a salvarsi la faccia ed evitare la gogna mediatica? Chiedete almeno scusa”.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Copyright © 2021

livesicilia.it

P.I. 05808650823