Provò a vaccinarsi con il braccio di silicone, ecco che fine ha fatto

Provò a vaccinarsi con il braccio di silicone, ecco che fine ha fatto

Daniela Vitello

Provò a vaccinarsi con il braccio di silicone, ecco che fine ha fatto

| 18/01/2022
Provò a vaccinarsi con il braccio di silicone, ecco che fine ha fatto

2' DI LETTURA

Guido Russo ha riaperto il suo studio dentistico

  • L’Ordine dei medici ha revocato la sospensione
  • Questo solo dopo che l’odontoiatra si è vaccinato
  • “Sono stato costretto perchè dovevo lavorare”

Che fine ha fatto il dentista che provò a “vaccinarsi” con il braccio di silicone? Guido Russo, questo il nome del medico odontoiatra che lo scorso dicembre balzò agli onori della cronaca dopo essersi presentato in un centro vaccinale di Biella con un braccio finto. Un gesto dimostrativo, assicura lui. Il sospetto è invece che volesse fingere di vaccinarsi contro il Covid per ottenere il green pass raggirando il sistema. Il vaccino è infatti obbligatorio per la categoria professionale alla quale appartiene.

L’Ordine revoca la sospensione

L’addetta alle somministrazioni ci mise un attimo a rendersi conto che quel braccio aveva qualcosa di strano. Russo fu immediatamente sospeso dall’Ordine dei medici di Biella. La sospensione, che aveva a che fare con il suo rifiuto di rispettare le regole della sua categoria, è stata revocata dal momento che il dentista ha deciso di vaccinarsi. Stavolta sul serio. Russo ha riaperto lo studio dentistico e ha ripreso a lavorare.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Guido Russo (Foto da video)

“Non mi sono vaccinato per mia volontà”

“Sono stato costretto perché altrimenti non posso lavorare, mi avevano sospeso – ha spiegato in un’intervista al quotidiano “La Repubblica” – Sono l’unico che lavora in famiglia, non potevo permettermelo, me lo ha detto anche mia moglie. Però la mia non è stata un’azione volontaria, era questo che volevo spiegare con il mio gesto”. L’azione disciplinare avviata dall’Ordine dei medici provinciale prosegue dal momento che si ritiene che Guido Russo abbia “offeso” un’intera categoria. Anche la vicenda giudiziaria va avanti. Il dentista è infatti accusato di tentata truffa ai danni dello Stato.

Guido Russo e Massimo Giletti (Foto da video)

“Volevo lanciare una provocazione”

Ospite di Massimo Giletti a “Non è l’Arena, Guido Russo assicurò che non era sua intenzione truffare lo Stato. “Intanto, si vedeva da lontano che era finto – disse – L’operatrice l’ha capito dopo due secondi. Era una cosa proprio artigianale. Io volevo che andasse a chiamare tutti, che andasse a chiamare i responsabili, i carabinieri… che si creasse una situazione di scompiglio lì dentro in modo da avere un po’ di audience per lanciare una piccola protesta mia personale. Volevo lanciarla localmente, a Biella, non pensavo di arrivare a un pubblico così vasto. La mia era una provocazione per lanciare una mia protesta personale…sul fatto che adesso gli italiani hanno la libera scelta su fare o non fare il vaccino mentre determinate categorie sono obbligate per lavorare. Allora non è più una libera scelta! Non solo la categoria sanitaria ma anche le forze dell’ordine e gli insegnanti. E’ quasi un ricatto”.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 18/01/2022 10:16
Copyright © 2023

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965