Marco Bellavia torna al "GF Vip": "Mia madre a casa mi guardava e piangeva"

Marco Bellavia torna al “GF Vip”: “Mia madre a casa mi guardava e piangeva”

Daniela Vitello

Marco Bellavia torna al “GF Vip”: “Mia madre a casa mi guardava e piangeva”

| 21/10/2022
Marco Bellavia torna al “GF Vip”: “Mia madre a casa mi guardava e piangeva”

7' DI LETTURA

Marco Bellavia è tornato al “Grande Fratello Vip”. L’ex conduttore di “Bim Bum Bam” ha fatto il suo ingresso in studio in occasione della decima puntata esclamando: “Ho fatto un gran macello”. Dopo aver rivisto le drammatiche immagini degli ultimi giorni trascorsi nella casa di Cinecittà, l’ex gieffino ha ripercorso la sua esperienza nel corso di una lunga chiacchierata con Alfonso Signorini.

Alfonso Signorini e Marco Bellavia (Foto da video)
Pamela Prati (Foto da video)

“Mi sono ritirato anche per le persone che stavano a casa”

“La cosa che mi fa più soffrire è che mia mamma a casa piangeva – ha esordito in lacrime – Nel momento in cui la situazione si è fatta rigida, ho pensato di fare questo (ritirarsi, ndr.) anche per le persone che stavano a casa: mio figlio, la mamma di mio figlio, mio fratello. Mia madre ha 89 anni ed è stata 24 ore al giorno a guardarmi. Il disagio si è accumulato perché non ho dormito. Era come se fossi ubriaco. Ho passato dei giorni a non comprendere le cose che facevo”.

Alfonso Signorini e Marco Bellavia (Foto da video)
Ginevra Lamborghini (Foto da video)

“Ho iniziato a dormire meno e ho accumulato stress”

Marco Bellavia è riuscito a risalire all’origine del suo malessere solo una volta tornato a casa. “Quando ho avuto la prima nomination, ho iniziato a dormire meno di notte – ha spiegato – Poi, come sai, in quella casa si dorme relativamente perché non si ha l’orologio. Lì mancavano i punti di riferimento, i ragazzi erano già lì da un po’ organizzati e io non sono riuscito a organizzarmi velocemente come loro. A un certo punto, mi sono ritrovato a dormire poco. Sono stato male perché ho accumulato stress. I cinque giorni di quarantena già mi avevano un po’ sfasato. Quest’anno, non so se hai notato, non abbiamo detto i nomi dei partecipanti. Io a tutti i miei amici non sono stato in grado di dire dove andassi a settembre. Questa cosa mi è pesata un po’ perché questi amici negli anni mi hanno aiutato a superare anche il momento della pandemia”.

Marco Bellavia (Foto da video)
Alfonso Signorini (Foto da video)

“Mi sono ritrovato a parlare con persone che non ascoltavano”

“Perché i miei coinquilini non hanno colto il mio sos? Beh, siccome sono ciclista, dal primo giorno mi sono messo a pedalare sulla bicicletta per creare acqua calda per i ragazzi, per far fare loro le docce – ha proseguito – Quando poi dovevo fare la doccia io non pedalava nessuno e lì ho avuto i primi timori. Poi è arrivata la prima nomination che mi ha spaventato. Ho sempre trovato un muro con la maggior parte di loro. Non è che non volessero avere a che fare con la sofferenza, io soffrivo ma loro non sapevano perché. Nessuno mi ha chiesto: ‘Ma stanotte hai dormito bene?’ Mi sono ritrovato a parlare con persone che non ascoltavano. Nel momento in cui una persona ha un piccolo disagio, se una persona non ti ascolta e vuole avere ragione a tutti i costi, ti ritrovi disorientato perché in 23 persone nessuno ti aiuta. Se ti aiutassero in 23 sarebbe più interessante”.

Marco Bellavia e Ginevra Lamborghini (Foto da video)

“Se qualcuno è depresso, non deve stare da solo”

“Alcuni di loro pensavano che tu fossi stato messo dentro da noi come elemento di disturbo – è intervenuto Alfonso Signorini – Cosa lontanissima dalla realtà. Noi non ci siamo accorti di nulla ma semplicemente perché non c’era nulla di cui accorgersi. Tu hai fatto i tuoi colloqui, i tuoi provini. Hai passato la visita dallo psicologo ed era tutto regolare. Sei entrato sanissimo”. “Se fosse stato tutto finto, avrei vinto un Oscar. Ma magari!”, ha ribattuto l’ex gieffino. “La casa ci ha mostrato che essere così, nella solitudine, rende tutto più difficile”, ha sottolineato il conduttore. “Nonostante tutto, dobbiamo andare avanti – ha sentenziato Marco Bellavia – Alcune persone non hanno capito cosa vuol dire la parola ‘resilienza’. Se qualcuno è depresso deve stare con noi e lottare, non deve stare da solo”.

Alfonso Signorini e Marco Bellavia (Foto da video)

Il confronto con Ginevra Lamborghini

Marco Bellavia ha avuto modo di confrontarsi in diretta con Ginevra Lamborghini, squalificata per avere usato una frase che ha legittimato il bullismo. “Sono un po’ emozionata perché ci tenevo tanto a vederti – ha detto la Lamborghini – Sei stato il mio pensiero costante dall’1 ottobre perché mi sono resa conto di averti ferito. Non è mai stata una mia intenzione (…) Ho ripensato a cosa ho detto di te (…) ho guardato anche il comportamento degli altri inquilini della casa e ci ho visto una dinamica di branco. Mi sono sentita subito in colpa perché tu non meritavi assolutamente quel trattamento”.

Marco Bellavia e Ginevra Lamborghini (Foto da video)

Bellavia: “Non devi chiedere scusa a me ma al pubblico”

“Che non meritassi quel trattamento mi sembra palese – ha replicato Bellavia – Il problema è che le persone che ci hanno guardato da casa si sono sentite coinvolte e hanno condiviso questo dolore che tu hai provocato anche a loro. Le persone che a casa non stavano bene come sono stato io in quel momento si sono sentite colpite da questo branco. Le reazioni del pubblico saranno state un po’ più dure nei tuoi confronti. Immagino che mi stia chiedendo scusa. Io naturalmente ti perdono come quando ti avevo già perdonato quando avevo visto le prime immagini. Tu dovresti chiedere perdono a tutto il pubblico che si è immedesimato nella mia persona quando hai fatto questa cosa in modo che anche il pubblico possa accogliere le tue scuse”.
CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Giovanni Ciacci (Foto da video)
Gegia (Foto da video)

Il mea di culpa di Ciacci e Gegia e l’incontro con Pamela Prati

Poi è arrivato il mea culpa di Giovanni Ciacci: “Ti devo chiedere scusa per non averti creduto, per non averti capito ma soprattutto per la mia superficialità. Ero preso forse troppo dal gioco e non ho guardato cosa ci fosse di là”. Dopo l’abbraccio con lo stylist senese, Bellavia ha affrontato Gegia. “Ho cercato di aiutarti come ho potuto perché anch’io là dentro non stavo bene. Ti ho sgridato per stimolarti”, si è giustificata la comica. “Scusa Gegia, ma tu da psicologa non ti sei mai accorta di niente?”, ha chiesto Signorini infastidito. “Io non agisco da psicologa, ho sempre fatto l’attrice. Io lì ero una concorrente e come lui stavo vivendo un momento di disagio”, ha risposto la comica. A quel punto, Marco Bellavia l’ha “gelata”: “Hai detto delle cose che potevi anche evitare”. Dopo il confronto con Gegia, l’incontro in studio con Pamela Prati. I due si sono ripromessi di vedersi a riflettori spenti. Sembra proprio che la showgirl abbia finalmente trovato il suo “Marc-o”.

Marco Bellavia e Giovanni Ciacci (Foto da video)
Pamela Prati (Foto da video)

Il discorso di Marco Bellavia ai “vipponi”: “Su 22 salvo 2-3 persone”

Nel finale, scortato da Alfonso Signorini, Marco Bellavia è tornato nella casa per bacchettare i suoi ex coinquilini che, freezati, hanno incassato il colpo. “Ragazzi, non è facile parlarvi – ha esordito il mental coach – Nel momento in cui sono uscito da questa casa, al contrario della solidarietà, ho portato con me il dolore di 22 persone. Avrei voluto 22 persone che mi aiutassero a risolvere un problema momentaneo. Non ho avuto un grosso problema, ho avuto un problema in mezzo a un gruppo che non si è dato da fare per risolvere un disagio momentaneo. Purtroppo quando sono arrivato a casa mi sono accorto che me ne avete dette dietro di tutti i colori. Salvo 2-3 persone su 22…sono un po’ pochine. Questa cosa mi ha fatto molto male”.

Alfonso Signorini, Marco Bellavia e Gegia (Foto da video)
I concorrenti del ‘Grande Fratello Vip’ (Foto da video)

“Ho sognato il GF per 22 anni e voi mi avete buttato fuori in 22 giorni”

“Sono passati 20 giorni e mi sono ripreso molto bene – ha concluso – Mi sembra di essere abbastanza lucido adesso. Però la cosa che mi fa rabbia è che sono fuori da questo gioco che ho sognato per 22 anni. Dopo 22 anni ce l’ho fatta e voi ci avete messo 22 giorni a buttarmi fuori perché la colpa è anche un po’ vostra. Per carità, mi prendo tutte le responsabilità perché ho avuto dei problemi miei, mi sono un attimino blindato nella mia mente e nei miei discorsi interiori. Penso di avere vinto la mia personale gara del Grande Fratello uscendo di qua perché mi sono trovato fuori con tanta solidarietà da parte dei miei parenti, di mio figlio, di tantissima gente che mi vuole bene e anche di Pamela. Il vostro bene, tuttora, non lo sento”.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 21/10/2022 09:06
Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965