Lo strazio di Alessandra Casella: "Mio marito è caduto a terra ed è morto"

Lo strazio di Alessandra Casella: “Mio marito è caduto a terra ed è morto”

Daniela Vitello

Lo strazio di Alessandra Casella: “Mio marito è caduto a terra ed è morto”

| 10/04/2021

4' DI LETTURA

Il 2021 si è aperto con un terribile lutto per Alessandra Casella. Lo scorso 2 gennaio, l’attrice, conduttrice televisiva e scrittrice ha annunciato su Twitter la prematura scomparsa del marito Alessandro da cui 19 anni fa ha avuto una figlia, Chiara. Poche righe intrise di dolore che non sono passate inosservate: “Un infarto a 54 anni. Era l’amore della mia vita. Il padre di mia figlia”. Per tre lunghi mesi, Alessandra Casella si è chiusa nel silenzio e solo oggi trova la forza per ripercorrere quel drammatico giorno in un’intervista rilasciata a Selvaggia Lucarelli per “Il Fatto Quotidiano”.

Le ultime ore di vita di Alessandro

Si parte della “notte di Capodanno”: “Mio marito Alessandro era sul balcone che urlava ‘vaff***ulo 2020’. La sera dopo moriva. Il pomeriggio del primo gennaio è andato al pronto soccorso. Sei anni prima aveva avuto un infarto preso per tempo, gli sembrava di avere gli stessi sintomi. Ma dopo tutti gli esami, all’1 e 30 di notte, lo hanno rimandato a casa. In epoca di Covid fanno in fretta a dimetterti”.

Il tweet di Alessandra Casella

“E’ caduto a terra e ho visto i suoi occhi che non vedevano più”

“Alle tre si sente male – prosegue – Decidiamo di tornare all’ospedale, stiamo per arrivare a piedi fino alla macchina sotto una pioggia battente e lui cade a terra. Ho visto i suoi occhi che non vedevano più, l’uomo della mia vita era diventato pesantissimo, tra le mie braccia. Si diventa così pesanti quando si muore. Urlavo aiuto sotto la pioggia, non respirava, gli facevo il massaggio cardiaco. Sono usciti i vicini di casa che hanno continuato con il massaggio. Arrivano i soccorsi, ricordo mia figlia con la mano sopra l’ambulanza che urlava “papà non andare via!”, ma mio marito non c’era già più. Le ultime parole che gli ho detto? ‘Amore, respira’”.

“Sono contenta di aver dato a mia figlia Alessandro per padre”

Chiamata a descrivere l’uomo della sua vita, Alessandra Casella replica: “Era un uomo gentile. Un marito e un papà meraviglioso. Ogni tanto guardavo Chiara e le dicevo ‘Sono contenta di averti dato lui per padre, te lo meriti’”. Il primo incontro, 33 anni fa, in Sardegna. “Lui era più giovane di me, era amico dei miei fratelli minori – racconta – Mi piaceva da matti, ma mi sembrava piccolino. E invece nel 1998 ci siamo sposati e nel 2001 è nata Chiara”.

Alessandra Casella (Foto da video)

“Non ho più un luogo in cui tornare”

Nei primi tre mesi senza Alessandro, sono insorti anche tanti “problemi pratici”. “Devo ricominciare a lavorare perché avevamo investito tutti i risparmi nella sua attività – spiega la scrittrice – Vorrei ricominciare da me. Ritrovare quella che spaccava le montagne, perché adesso mi sento un topolino schiacciato dalle frane. Cosa mi manca di più? Ogni cosa. I nostri progetti, il Périgord in Francia dove volevamo andare, ma soprattutto “l’idea del ritorno”. In tutti i passi che ho fatto nella mia vita, giusti o sbagliati che fossero, ho avuto sempre lui come ritorno. So ancora dove dirigermi, ma non ho più un luogo in cui tornare. Ho mia figlia, certo, ma lei non dovrà mai portare il peso della mia solitudine”.

L’ultimo messaggio di Alessandro

“Il nostro era un amore profondo – confida – lui voleva proteggermi, non mi ha raccontato di alcuni debiti che avevamo, li ho scoperti ora, ma non ho rimpianti perché gli ho sempre detto quanto lo amavo. Porco d’un cane diciamocelo sempre quanto ci amiamo, è uno spreco non dirselo. Sai qual è stato il suo ultimo messaggio? La mattina lui era in cucina, io ancora in camera, mi ha scritto su whatsapp: ‘Amore mio grande ti porto il caffè’. Dopo 33 anni”.

“Sono devastata, non riesco ad accettare l’irreversibilità”

“Era un uomo prezioso – aggiunge – Sono devastata, ma anche se la vita me lo ha tolto, sono stata fortunata, il bilancio è in pareggio, anzi, sopravanza. Ringrazierò sempre l’universo perché ho avuto Alessandro. Sulla sedia dello studio è rimasta la sua giacca di pelle, quella che la sera dell’infarto si è rotta sulla manica quando è caduto. Ogni tanto vado lì e me la abbraccio (…) Una volta ho preso il telefono per chiamarlo. Quella dell’irreversibilità è ancora un’idea inaccettabile (…) Durante il lockdown siamo stati tanto insieme noi tre, guardandomi indietro, nella tragedia della pandemia, quest’anno insieme è stato un regalo”.

“Non invecchierò con Alessandro, mi si spezza il cuore”

Nel finale, Alessandra Casella si rivolge alle persone che a causa del Covid hanno perso il coniuge: “Abbiamo il dovere di essere grati alla vita e di fare qualcosa di buono del tempo che ci resta. Quando guardo due anziani che passeggiano insieme mi si spezza il cuore, io non invecchierò con Alessandro. Però se siamo stati così fortunati nel trovare una persona per cui la nostra vita era così importante, la nostra vita deve rimanere importante. Per noi, prima di tutto. E anche per i figli. Chiara è una creatura meravigliosa, merita il miglior futuro possibile e io tifo per lei”.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 10/04/2021 16:29
Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965