In Titanic Jack non poteva salire sulla zattera e salvarsi

Jack non poteva salire sulla zattera e salvarsi, il regista di “Titanic” commissiona uno studio

Germana Bevilacqua

Jack non poteva salire sulla zattera e salvarsi, il regista di “Titanic” commissiona uno studio

| 19/12/2022
Jack non poteva salire sulla zattera e salvarsi, il regista di “Titanic” commissiona uno studio

2' DI LETTURA

Jack e Rose non si sarebbero potuti mai salvare insieme. La conclusione stavolta arriva dalla scienza e non soltanto dalla fantasia del regista di “Titanic” James Cameron. Chi non ha pianto per la drammatica fine del bellissimo Jack interpretato da Leonardo DiCaprio nel film cult del 1997? I due, naufraghi del Titanic, rimasero aggrappati ad un pezzo di legno nelle gelide acque dell’Atlantico, ma mentre Rose (interpretata da Kate Winslet) riuscì a sopravvivere e a salire sulla “zattera”, Jack morì assiderato. Un finale che suscita dubbi e polemiche da oltre 25 anni.

Il regista James Cameron (Foto da Instagram)

Il personaggio interpretato da Leonardo DiCaprio “doveva per forza morire”

Perché Rose non fece spazio a Jack sulla lastra di legno? Non c’era abbastanza posto per entrambi? A quanto pare no! Il regista James Cameron, perseguitato da decenni da domande e polemiche sulla morte di Jack, ha deciso di commissionare uno studio scientifico che dimostra che entrambi i protagonisti non si potessero salvare dal naufragio. Il personaggio interpretato da Leonardo DiCaprio, quindi, “doveva per forza morire”.
CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

La scena in cui Jack lascia il posto a Rose sulla zattera (Foto da video)

Lo studio completo uscirà come speciale il 14 febbraio

Abbiamo realizzato un’analisi forense completa con un esperto di ipotermia che ha riprodotto la zattera del film” ha spiegato Cameron. Lo studio uscirà come speciale in occasione del ritorno nelle sale di “Titanic” in programma negli Stati Uniti per il prossimo 14 febbraio, festa di San Valentino. “Due controfigure della stessa corporatura dei due attori originali sono stati equipaggiati con sensori sul corpo e ‘dentro il corpo’- ha continuato a spiegare il regista – e sono stati messi in acque ghiacciate. Le rilevazioni e gli studi, effettuati con vari metodi, hanno confermato che non si sarebbero potuti salvare entrambi”.

Il regista con i due protagonisti durante le riprese di Titanic (Foto da Instagram)

Un’altra simulazione aveva rivelato che Jack si sarebbe potuto salvare

Jack doveva morire, spero che questo chiuda per sempre la questione. È una storia di amore, sacrificio e mortalità, l’amore si misura con il sacrificio, come in Romeo e Giulietta”, ha concluso il regista. La morte di Jack non è andata giù ai fan di “Titanic” per molti anni e non è la prima volta che qualcuno cerca di spiegare scientificamente che forse avrebbe potuto salvarsi. Nel 2012 il popolare programma televisivo “MythBuster” fece una simulazione simile, ma in quel caso la conclusione fu che Jack e Rose avrebbero potuto stabilizzare la zattera legando alla struttura i giubbotti di salvataggio che indossavano e a quel punto restare entrambi sulla porta restando asciutti all’80 per cento. Ma adesso arriva un studio certificato destinato a mettere la parola fine alla storia, questa volta per sempre.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 19/12/2022 19:01
Copyright © 2023

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965